Venerus

Magica Musica

2021 (Sony Music / Asian Fake) | soul, pop

Il buongiorno si vede dal mattino, e quella di Andrea Venerus è stata una delle albe più luminose del pop italiano degli ultimi tempi. Un inizio, però, rimasto paradossalmente nell’ombra. “A che punto è la notte”, Ep datato 2018, resta infatti una "svista" generale a tratti inspiegabile. Cinque canzoni in cui il cantautore milanese fonde il suo background elettronico maturato negli anni vissuti a Londra e l’amore per la musica soul più densa, coniugando, per capirci fin da subito, il calore di James Blake e le vibrazioni di Jamie Woon alla sua maniera. Il tutto attraverso una voce dal timbro gentilissimo e che a primo acchito potrebbe far pensare a un inglese che canta in italiano, vista la pronuncia a cadenza British di alcune parole. Non a caso, in sede di lancio Venerus dichiara: “Per la prima volta scrivo e canto in italiano, posso esprimermi nella mia lingua e questo significa molto. Negli anni dello studio al conservatorio, in Inghilterra, la mia testa pensava musica, musica, musica. Il suono era tutto. Adesso posso raccontare, raccontarmi: era il tassello mancante”.

Parole che in occasione dell’album d’esordio, “Magica Musica”, assumono in un post su Instagram un significato ancora più preciso: “Magica Musica è un incantesimo che attraversa il tempo, il comune denominatore che accomuna la musica che ho amato da quando ho coscienza fino al presente. È ritrovare il silenzio, e lo spazio tra le parole. È stata a lungo la mia risposta alla noiosa domanda: che genere fai?”. E in effetti nel disco Venerus vola come una libellula da un climax all’altro; indossa i panni del menestrello noir che canta nell’ombra alla ricerca del “controllo” e del sonno perduto, tra assoli blues ora stoppati, ora ripresi, fiati che restano sullo sfondo e synth celesti (“Fuori, fuori, fuori…”), mentre altrove gioca con l’urban-pop vagamente rap in salsa italiana con l’amico Frah Quintale, dando vita a una variazione mutante del genere (“Appartamento”).

Ciò che rende effettivamente magica l’alchimia di Venerus, è la cura maniacale dei dettagli. Non c’è un suono fuori posto, un accordo di troppo, una sfumatura invadente e manco un brivido mancato. I featuring, inoltre, aggiungono senza mai strafare elementi preziosi (dai duetti con Rkomi e Gemitaiz, passando per l'apporto dei Calibro 35 in “Sei Acqua”), come nell’introduttiva “Ogni pensiero vola” con l’inseparabile Mace.
Si potrebbero scomodare paralleli di un certo peso, a cominciare in alcuni passaggi che orientano la fantasia verso improbabili incroci tra Brandon Paak Anderson, Ned Doheny, Jamie Lidell, Ghemon e il sopracitato Woon.
Si tratta, tuttavia, di sensazioni che evaporano o stuzzicano a seconda della ballata. E di ballate, per l'appunto magiche, se ne trovano diverse, vedi “Una certa solitudine” con il basso alla Thundercat e l’andatura gioiosamente ubriaca, ma soprattutto il gospel filtrato, con l’organetto birichino e spavaldo, percepibile in “Solo dove vai tu”.

Mi sento gli occhi addosso e non capisco di chi sono
Mentre brucio un'altra volta un'occasione per restare buono
E bevo solamente per sentirmi più vicino al mondo
E colleziono scrupoli
Per farne un fuoco e urlarci attorno come stupidi
Correre in tondo ed evocare qualche spirito

Sono perlopiù canzoni "romantiche" che cantano di salvezza, rinascita e voglia di volare via, negli umori giusti. Un album, dunque, dal respiro positivo, mai autoindulgente, inutilmente nichilista o curvo su se stesso.
In “Magica Musica”, Venerus riprende per tutto il tempo traiettorie soul in scia Motown e le ridipinge con i propri colori (“Lucy”). E’ menestrello scanzonato, sarto infallibile (“Eden”). E a volte abbandona anche i propri "confini" con ritmiche imprevedibili (“Lacrima=piccolo mare”), prima di tornare in un luogo imprecisato del mondo della musica situato tra Detroit e Londra (“Canzone per un amico”).

Insomma, quanto basta per posizionarlo subito ai piani alti dell’anno corrente e tra le conferme più autentiche del cantautorato pop contemporaneo del Belpaese.

(06/10/2021)

  • Tracklist
  1. Ogni Pensiero Vola
  2. Canzone Per Un Amico
  3. Brazil
  4. Fuori, Fuori, Fuori...
  5. Appartamento
  6. Sei Acqua
  7. Una Certa Solitudine
  8. Solo Dove Vai Tu
  9. Lucy
  10. Eden
  11. Namasté
  12. Ck
  13. Cosmic Interlude
  14. Lacrima=Piccolo Mare
  15. Buyo
  16. Luci
Venerus on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.