Burial

Streetlands

2022 (Hyperdub) | experimental, progressive electronic

La logica imporrebbe “Streetlands” come naturale prosecuzione di “Antidawn Ep”, ossia il nuovo capitolo dell'imprecisato cammino di William Bevan verso una non-direzione. L’assenza di battito, i sospiri da metronomo tra le partiture, il deflusso incessante di rumori, a bramare talvolta l’abisso, altrove uno spazio impossibile. Ma per quanto l’approccio resti sostanzialmente affine al passato più o meno recente, in particolare nell’introduttiva “Hospital Chapel”, “Streetlands” espone qualcos’altro.

Sacralità, innanzitutto. Estasi dello spirito. Come d’altronde suggeriscono i cori tibetani quasi strozzati a mezza via nella title track. Preghiere da un universo parallelo che ha il suo ponte di Einstein-Rosen nell’anima di Burial. Nei suoi pensieri. E nel suo essere ancora una volta maledettamente sfuggente sul piano produttivo.
E’ un’imprevedibilità dei toni che tuttavia si assesta nella terza parte del movimento, toccando addirittura quote paradisiache, quantomeno a intermittenza.
Già, perché lo scopo di Burial è ascendere a scatti. Propendere verso l’alto senza mai azionare il protossido d'azoto, o nos se preferite, cullandosi in una sospensione perenne che diventa ansia di liberazione attraverso voci filtrate di angeli che volano nell’ombra.

 

Si diceva di una musica adirezionale. Stabile in ogni direzione come ioni. Elettrostatica che però si fa pulsante in “Exokind”, per un miracolo di mera progressive electronic ambientale. E’ la gioia che non t’aspetti in un disco spiritualmente catartico. La fuga verso l’immaginifico di un producer fuori dal mondo. Fuori da tutto. Sempre e comunque.

(03/11/2022)

  • Tracklist
  1. Hospital Chapel
  2. Streetlands
  3. Exokind
Burial su OndaRock
Recensioni

BURIAL

Antidawn Ep

(2022 - Hyperdub)
Il deludente ritorno del producer inglese, tra rumorismi, vapori assortiti e voci notturne

BURIAL

Chemz / Dolphinz

(2021 - Hyperdub)
Altre due tracce nell'ennesimo Ep del dj-producer inglese, tra alti(ssimi) e bassi

BURIAL

Tunes 2011-2019

(2019 - Hyperdub)
La prelibata cernita dei singoli rilasciati negli ultimi due lustri dal producer londinese

BURIAL

Pre Dawn/Indoors

(2017 - Nonplus)
Tanta cattiveria e selvaggina hardcore nel terzo Ep dell'anno del produttore inglese

BURIAL

Subtemple

(2017 - Hyperdub)
Il primo Ep a sorpresa dell'anno dell'acclamato e misterioso producer londinese

BURIAL

Rodent

(2017 - Hyperdub)
Sterzata deep house per William Bevan, con il sostegno adrenalinico di sua maestà Kode9

BURIAL

Young Death/Nightmarket

(2016 - Hyperdub)
L'ennesimo Ep del misterioso e acclamato producer della Hyperdub

BURIAL

Rival Dealer

(2013 - Hyperdub)
L'improvvisa celestialità nel settimo Ep dell'acclamato produttore inglese

BURIAL

Kindred Ep

(2012 - Hyperdub Records)
Cassa dritta, ali spiegate e un'oscura speranza nelle tre tracce del genio inglese

BURIAL

Truant

(2012 - Hyperdub)
Secondo Ep in questo 2012 per l'acclamato produttore londinese

BURIAL

Street Halo

(2011 - Hyperdub)
Tre succulente tracce nell'avvincente Ep di sua maestà William Bevan, aka Burial

BURIAL

Untrue

(2007 - Hyperdub)
Il misterioso produttore londinese aggiorna la sua visione del dubstep

BURIAL

Untrue

(2007 - Hyperdub)
Il capolavoro assoluto del genere dubstep e della musica elettronica del nuovo millennio

BURIAL

Burial

(2006 - Hyperdub)
Il primo Lp di un impenetrabile producer inglese

News
Burial sul web