King Gizzard & The Lizard Wizard

Omnium Gatherum

2022 (self released) | psych-rock-pop

Diciotto minuti e 17 secondi: è questo il tempo che è stato necessario per ripristinare l'alto tasso alcolico della musica dei King Gizzard & The Lizard Wizard, ovvero quelli di "The Dripping Tap", il miglior biglietto da visita esibito dalla band australiana da molto tempo a questa parte. Un brano sedimentato nell'arco di quattro anni, edificato su potenti riff hard rock, scampoli kraut, tentazioni soul-psych. Una jam session perfetta per introdurre il nuovo tour.

"Omnium Gatherum" è il disco-manifesto di una band che sta recuperando luoghi e situazioni congeniali alla propria naturale sussistenza, ovvero i concerti.
Che i King Gizzard & The Lizard Wizard siano animali da palcoscenico è stato evidente già dai primi vagiti e lo testimonia la mole di dischi dal vivo pubblicati di recente. Gli ottanta minuti di questo percorso a ostacoli, tra generi e sottogeneri della cultura pop-rock, sono linfa per i prossimi live set internazionali.
Pur funzionali alla dimensione live, i sedici brani di "Omnium Gatherum" svolgono egregiamente il loro compito, lasciando come strascico almeno un trittico di future classic.

"Omnium Gatherum" è a tutti gli effetti il primo vero doppio album, ma non in senso fisico. L'accozzaglia evocata dal titolo rappresenta l'unica via possibile per sfuggire alla mediocrità e alla prevedibilità: questo avviene per gran parte dell'album, tranne un lieve cedimento nella seconda parte, che non intacca il risultato finale.
Nell'intercettare kraut e metal, i Gizzard prediligono l'agilità dei Gong piuttosto che il rigore dei Neu!, o la versatilità degli Hawkwind al posto della forza dei Motorhead.

Archiviata l'iconica "The Dripping Tap", sono tre le perle del disco. In primis l'estatica lettura in chiave lounge delle grazie dei Traffic in "Presumptuous" (canzone in parte gemella del soft-soul di "Ambergris"), a seguire il dirompente heavy metal di "Gaia" (con eguale, degna compagna "Predator X") e infine il magico pysch-pop cosmico/elettronico di "Magenta Mountain" (che trova parziale replica in "The Garden Goblin" e "Evilest Man").
Quanto raccontato finora è materia sufficiente per far gridare al miracolo, ma il cospicuo curriculum degli australiani rischia di falsare le attese.

"Omnium Gatherum" è il primo album realizzato in completa sinergia creativa dopo l'isolamento causato dalla pandemia. Un progetto che vede la band alle prese con stimoli funky ("Persistence"), nonché cimentarsi con rap e sample senza abdicare al proprio stile ("The Grim Reaper", "Sadie Sorceress").
C'è abbastanza energia e imprevedibilità in questo disco - il grugnito jazzy di "Kepler-22b" e lo svogliato blues di "Red Smoke" - da poter alfine giustificare il prevedibile tripudio di lodi da parte dei fan, ma anche da parte di qualche scettico.

(09/05/2022)

  • Tracklist
  1. The Dripping Tap
  2. Magenta Mountain
  3. Kepler-22b
  4. Gaia
  5. Ambergris
  6. Sadie Sorceress
  7. Evilest Man
  8. The Garden Goblin
  9. Blame It On The Weather
  10. Persistence
  11. The Grim Reaper
  12. Presumptuous
  13. Predator X
  14. Red Smoke
  15. Candles
  16. The Funeral




King Gizzard & The Lizard Wizard su OndaRock
Recensioni

KING GIZZARD & THE LIZARD WIZARD

Butterfly 3001

(2022 - KGLW)
Stop all'enorme mole di live album, per la band psych-rock è tempo di remix

KING GIZZARD & THE LIZARD WIZARD

L.W.

(2021 - Flightless)
Album in studio numero 17 e terzo, definitivo capitolo di musica microtonale per il gruppo psych-rock ..

KING GIZZARD & THE LIZARD WIZARD

Butterfly 3000

(2021 - KGLW)
L'eccitante svolta elettronica in chiave psych-pop della band australiana

KING GIZZARD & THE LIZARD WIZARD

Chunky Shrapnel

(2020 - KGLW/Flightless)
Il documento ufficiale della band di Stu MacKenzie dopo i tre album live per raccogliere fondi per i ..

KING GIZZARD & THE LIZARD WIZARD

K.G.

(2020 - KGLW)
Dopo sei album live e una raccolta di demo, la band australiana torna a incidere nuovo materiale ..

KING GIZZARD & THE LIZARD WIZARD

Fishing For Fishies

(2019 - Flightless)
Partendo da jam session blues, gli australiani realizzano il loro album pop

KING GIZZARD & THE LIZARD WIZARD

Infest The Rats' Nest

(2019 - Ato)
Quota quindici per gli australiani, questa volta alle prese con il thrash-metal e una inedita formazione ..

KING GIZZARD & THE LIZARD WIZARD

Flying Microtonal Banana

(2017 - Heavenly)
Il primo dei 5 album che la band australiana promette di pubblicare nel 2017

KING GIZZARD & THE LIZARD WIZARD

Murder Of The Universe

(2017 - Heavenly)
Terrore dallo spazio profondo per i maestri della nuova psichedelia australiana

KING GIZZARD & THE LIZARD WIZARD WITH MILD HIGH CLUB

Sketches Of Brunswick East

(2017 - Heavenly)
La pubblicazione in cd/Lp del disco estivo offre nuove chiavi di lettura per la band australiana

KING GIZZARD & THE LIZARD WIZARD

Polygondwanaland

(2017 - Heavenly/Blood Music)
Il progressive rock si impossessa della funambolica mistura psichedelica della band australiana

KING GIZZARD & THE LIZARD WIZARD

Gumboot Soup

(2017 - Heavenly)
Il quinto tassello del folle progetto della band australiana, anticipato da una pubblicazione solo in ..

KING GIZZARD & THE LIZARD WIZARD

Nonagon Infinity

(2016 - Heavenly Recording)
Un'eclatante conferma in chiave hard-rock per il gruppo australiano

KING GIZZARD & THE LIZARD WIZARD

Oddments

(2014 - Flightless)
La rivoluzionaria bizzarria psichedelica della band australiana

KING GIZZARD & THE LIZARD WIZARD

I'm In Your Mind Fuzz

(2014 - Heavenly Recordings)
Prosegue la trance psichedelica del gruppo australiano

News
Live Report
King Gizzard & The Lizard Wizard on web