Weird Nightmare

Weird Nightmare

2022 (Sub Pop) | garage-rock, alt-pop

Alex Edkins è il chitarrista, cantante e leader carismatico dei Metz, band canadese che ha pubblicato negli ultimi dieci anni alcuni fra i migliori album del circuito post-hardcore, incastonando nelle proprie tessiture musicali elementi garage-rock, grunge e noise. Edkins aveva qualche canzone nel cassetto, non in linea con il mood del trio di Toronto, per via delle strutture più canoniche, ha quindi pensato di diffonderle sotto la nuova ragione sociale Weird Nightmare, in un disco solista marchiato dalla leggendaria Sub Pop, come tutti quelli finora pubblicati dalla band madre.

 

Progettato durante i mesi della pandemia, “Weird Nightmare” riunisce rimanenze di magazzino ed esperimenti condotti nella solitudine domestica fra un lockdown e l’altro, qui potenziati dal contributo del batterista Loel Campbell, già con Wintersleep e Holy Fuck. Come antidoto alla depressione, Edkins ha deciso di sostituire il buio con la luce, evitando di ricercare a tutti i costi soluzioni violente e disturbanti, per architettare con le proprie chitarre un ruvido alt-pop nel quale divengono quasi sempre predominanti gli aspetti melodici. Del resto, comporre canzoni "pop" per poi rivestirle di strati di rumore era la stessa prassi utilizzata dai Nirvana, uno dei principali riferimenti dei Metz.

“Weird Nightmare” non possiede la potenza dei dischi dei Metz, né intende ricercarla, anche se un paio di tracce (“Nits”, “Oh No” con l’ospitata di Chad VanGaalen) si ritrovano a lambire le medesime sponde. “Wrecked”, cantata a due voci con Alicia Bognanno dei compagni di etichetta Bully, ha lo spirito indie che andava forte nelle college radio americane in voga negli anni Novanta, “Lusitania” e “Sunday Driver” potrebbero essere scambiate per due outtake dei Pixies, “Searching For You” è un velocissimo power-punk. E come corollario, verso il finale si incontrano un bozzetto acoustic-folk (“Zebra Dance”) e l’avvolgente chiusura affidata a “Holding Out”.

(22/07/2022)

  • Tracklist
  1. Searching For You
  2. Nibs
  3. Lusitania
  4. Wrecked
  5. Sunday Driver
  6. Darkroom
  7. Dream
  8. Zebra Dance
  9. Oh No
  10. Holding Out






Metz su OndaRock
Recensioni

METZ

Live At The Opera House

(2021 - Sub Pop)
Dalla registrazione di uno show in streaming a porte chiuse, il primo live album del trio canadese

METZ

Atlas Vending

(2020 - Sub Pop)
Giunto al quarto album, il trio canadese continua a vomitare rabbia, fragore, malessere e disillusione ..

METZ

Automat

(2019 - Sub Pop)
Raccolta di rarità e B-side che esalta il lato più intransigente del trio post-hardcore ..

METZ

M. E.

(2019 - Sub Pop)
Un Ep con cover di Sparklehorse, Urinals e Gary Numan, trasfigurate secondo l'estetica del trio canadese ..

METZ

Strange Peace

(2017 - Sub Pop)
Prodotto da Steve Albini per Sub Pop, il terzo atto della devastante apocalisse post-hardcore del trio ..

METZ

II

(2015 - Sub Pop)
Post-hardcore e grunge all'ennesima potenza nel secondo capitolo della saga del giovane trio ..

METZ

METZ

(2012 - Sub Pop)
L'atteso esordio dell'incendiaria band di Toronto

News
Live Report
Weird Nightmare on web