Rafael Anton Irisarri

Distance

2023 (Black Knoll)
ambient

Dopo un periodo di grande creatività, in particolare quello dal 2015 al 2020, Rafael Anton Irisarri sembra essersi preso, se non una pausa, almeno un momento di riflessione. Un solo Lp negli ultimi tre anni (“Agitas Al Sol”), lavoro che era poco più di un supplemento a “Solastalgia”, cosa intuibile dal nome che era quasi un anagramma dell’album madre. L’attesa cresce e la pubblicazione sulla piattaforma Bandcamp di “Distance” non la placa di certo. Prima della realizzazione di un prossimo, prevedibile Lp, Irisarri decide di riaffacciarsi con la riproposizione di due soli brani mai apparsi nella sua discografia ufficiale, ma presenti in una compilation pubblicata sulla rivista The Wire nel 2010.

Per comprendere questi undici minuti di musica elettronica bisogna andare a vedere chi era ancora Irisarri nel 2010, un musicista che si affacciava davvero per la prima volta nel mondo della musica di ricerca con idee non ancora del tutto definite. Erano gli anni del progetto al confine dello shoegaze, poi abbandonato, The Sight Below, gli anni degli studi di piano di “Reverie” - un omaggio ad Arvo Part - e infine l’anno di “The North Bend”, primo Lp che contiene buona parte degli elementi che sarebbero diventati a breve riconoscibili e tipici nel sound di Irisarri.
Da questo punto di vista, “Distance” e Path”, i due brani pescati dall'archivio, sono un passo avanti rispetto a “The North Bend”, quasi un punto di congiunzione tra quest’ultimo e “The Unintentional Sea” (2013) e forse persino “A Fragile Geography” (2015), il disco della svolta assoluta che diede vita a un suono che oggi chiunque può riconoscere come tipicamente irisarriano.

I sei minuti di “Distance” preannunciano davvero questo tipo di suono, con l'imponenza degli archi a cercare paesaggi poderosi, ma ancora chiusi in uno spazio limitato, contenuti ma prossimi a raggiungere mondi sonori ancora inesplorati. “Path” è invece un lavoro di ricerca differente, attento ai dettagli, anch'esso comunque anticipatore della ricerca timbrica degli anni successivi. La potenza di “Distance” e i timbri ovattati di “The Path”, uniti insieme, contengono già l'embrione di un’intera carriera.

08/11/2023

Tracklist

  1. Distance
  2. Path

Rafael Anton Irisarri sul web

Tutte le recensioni su OndaRock
RAFAEL ANTON IRISARRI
Agitas Al Sol

Due lunghe suite elettroniche registrate nel 2019 che ripropongono il tema della solastalgia

LEANDRO FRESCO & RAFAEL ANTON IRISARRI
Una Presencia En La Brisa

Seconda collaborazione tra New York e Buenos Aires dei due compositori

RAFAEL ANTON IRISARRI
Peripeteia

Un apparente punto di svolta per l'affermato compositore americano

RAFAEL ANTON IRISARRI
Solastalgia

Il compositore americano descrive la paura e l'angoscia per gli inarrestabili cambiamenti climatici

RAFAEL ANTON IRISARRI
Midnight Colours

La colonna sonora del giorno del giudizio e della "mezzanotte" dell'umanità

RAFAEL ANTON IRISARRI
Sirimiri

Dopo la mezzanotte emergono lievi barlumi di luce nell'estetica del compositore americano

RAFAEL ANTON IRISARRI
El Ferrocarril Desvaneciente

Il compositore americano arricchisce il suo catalago di musica per ambienti

LEANDRO FRESCO & RAFAEL ANTON IRISARRI
La Equidistancia

Ibridazione perfetta nell'inedita collaborazione di uno dei maestri dell'elettronica contemporanea

GAILES
Seventeen Words

Rinnovata collaborazione tra due pilastri dell'elettronica di ricerca contemporanea

RAFAEL ANTON IRISARRI
The Shameless Years

L'impietosa descrizione della moderna società americana diventa l'emblema degli attuali "anni senza vergogna"

RAFAEL ANTON IRISARRI
Will Her Heart Burn Anymore

Solo sessanta copie per questo piccolo gioiello firmato dall'impressionista americano

RAFAEL ANTON IRISARRI
A Fragile Geography

L'artista americano firma un disco-emblema dell'attuale avamposto della musica atmosferica

RAFAEL ANTON IRISARRI
The Unintentional Sea

L'angosciante storia del lago Salton ispira la nuova opera ambient del polistrumentista californiano

THE SIGHT BELOW
It All Falls Apart

Ambient-techno e carezze dreamy in un'emozionante sintesi elettronica

RAFAEL ANTON IRISARRI
Daydreaming

Un nuovo, delicato intreccio tra pianoforte ed elettronica