Libri

Tracey Thorn

La mia amica rock'n'roll

di Francesco Nunziata

Autore: Tracey Thorn
Titolo: La mia amica rock’n’roll
Editore: Jimenez
Pagine: 240
Prezzo: 19,00 euro

 

thorn_amica_rocknroll_01Leggere “La mia amica rock’n’roll”, il nuovo libro di Tracey Thorn, che tutti voi ricorderete come la metà degli Everything But The Girl, equivale a fare un viaggio dentro l’amicizia femminile (“che può essere molto complicata”, ci tiene a precisare l’autrice), a incunearsi dentro i meandri di un legame così forte da segnare una vita intera.
L’"amica rock’n’roll” della Thorn è Lindy Morrison, che durante tutti gli anni Ottanta fu la batterista dei Go-Betweens, una delle formazioni australiane più apprezzate di quel periodo, grazie a un jangle-pop di deliziosa fattura.
Le due amiche si incontrarono per la prima volta nel 1983 in quel di Londra. La Thorn una ragazza timida, insicura, vide nella più disinibita Morrison (più vecchia di undici anni) la “versione idealizzata” della persona che le sarebbe piaciuto diventare, e questo nonostante la bionda australiana fosse, a conti fatti, caratterialmente molto diversa, il che le aveva permesso di entrare con fiera personalità a bordo della navicella Go-Betweens, guidato da Robert Forster e Grant McLennan, con il primo che, per alcuni anni, fu anche suo compagno.

Cercando di restituire alla Morrison il posto che a suo dire le spetta nella storia della band, troppo spesso raccontata assecondando la prospettiva poco obiettiva dei due leader, la Thorn ci trascina dentro le avventure umane e musicali del trio australiano, cercando di decodificarne gli snodi essenziali anche grazie a una serie di racconti in presa diretta che la batterista, durante gli anni, ha inviato alla sua amica oltreoceano. Il risultato è un libro che può anche definirsi “femminista”, con l’autrice che spesso e volentieri si scaglia contro i maschietti-addetti-ai-lavori che hanno fatto finta e continuano a fare finta che il rock sia, in fin dei conti, un affare di soli uomini e che può sopportare la presenza femminile al massimo come un elemento di contorno.

 

Tracey e Lindy, due amiche “simili e dissimili” (“ma ci capiamo, e capirsi è tutto”, scrive a un certo punto la prima), emergono, quindi, in questo bel racconto di vita e musica come due piccole eroine che cercano, in tutti i modi, di far valere i propri diritti di artiste e di donne, senza che questo si traduca mai, però, nella becera volontà di cancellare, dal proprio orizzonte esistenziale, la presenza di quei maschi che in queste pagine (e soprattutto nelle vesti di Forster e McLennan) mostrano comunque e troppo spesso di essere immaturi.
Nel raccontare la sua "amica rock'n'roll", la Thorn fa anche i conti con le sue paure, le sue ansie e la sua lunga storia d'amore con Ben Watt. Ricordando ciò che lei e la Morrison erano una volta, l'artista inglese s'immerge, quindi, anche tra le acque profonde della sua vita, cercando nel racconto quella pace interiore necessaria per non disperdersi nell'orrore del quotidiano. Perché, in definitiva, "ogni racconto è un piccolo passo per ristabilire l'equilibrio".

Tracey Thorn su OndaRock
Recensioni

TRACEY THORN

Record

(2018 - Caroline International)
Il ritorno della cantautrice inglese tra i Me Too e sonorità disco-pop

TRACEY THORN

Tinsel & Lights

(2012 - Strange Feeling Records/Pias-Self)
La cantautrice inglese si concede il regalo migliore per i suoi 50 anni

TRACEY THORN

Love And Its Opposite

(2010 - Strange Feeling Records)
Storie d'amore (e del suo opposto) da una delle più riconoscibili voci femminili degli anni Ottanta ..

TRACEY THORN

Out Of The Woods

(2007 - Virgin)
Secondo disco per la voce degli Everything But The Girl, 25 anni dopo

EVERYTHING BUT THE GIRL

Eden

(1984 - Blanco y Negro)
Dodici eleganti "kitchen sink drama" tra jazzy pop e più di una strizzata d'occhio al Brasile ..

News