Noel Gallagher's High Flying Birds

Noel Gallagher's High Flying Birds

2011 (Sour Mash) | rock, pop

Diciamoci la verità. Se si sommassero le metà divise della mela Oasis si otterrebbe di nuovo quel frutto dolcissimo che oggi, spaccato in due, lascia invece un gusto così amaro sulle nostre papille uditive. Separati, i due fratelli Gallagher hanno infatti smarrito totalmente quel contrappunto dialettico che li rintuzzava e temperava nei reciproci difetti. Con i Beady Eye in una mano e gli High Flying Birds nell'altra, tutto appare sin troppo chiaro: a Liam il tanto-rumore-per-nulla di un retrorock filatelico per vecchi mod col ciuffo incanutito e a Noel un edulcorato accademismo in sontuosa stilografica autoriale, che si vorrebbe figlio di meraviglie spectoriane assortite e che più spesso si rivela quasi un Phil Collins sotto mentite spoglie. A questo proposito si ascoltino "(I Wanna Live In A Dream) In My Record Machine" e la nuova versione della già nota "Stop The Clocks".

Perché bisogna ammetterlo, anche assistito da un quartetto di gran mestiere e dall'esperta mano produttiva del fidatissimo Dave Sardy, Noel Gallagher non è Paul Weller e non è Pete Townshend, né, tantomeno, Steve Winwood o Peter Green (figuriamoci!) ma neanche, a volare qualche centimetro più bassi, John Squire o Lee Mavers. Un brillante artigiano, fresco di bottega e pieno di spirito, questo sì, ma se quindici anni fa (sigh... quindici anni fa!) poteva essere "noelrock" e nulla avremmo avuto da obiettare, con la nostra copia del Melody Maker d'importazione arrotolata sotto l'ascella, oggi che il Melody Maker, ahinoi, più non esiste, rimane soprattutto la noia e un mestiere zoppicante che ricalca fedelmente se stesso, fino alla vertigine esponenziale di una maniera a tratti intollerabile ("AKA... Broken Arrow" è una palese autoriscrittura).

Canzoni come "AKA... What A Life" o "If I Had A Gun" parlano chiaro: suono lindo e pinto, una solerte orchestra che drappeggia con addobbi e fasciature seriose le architetture spesso malcerte delle canzoni (incluso effetto spaghetti western in "The Death Of You And Me" e nella discreta "Soldier Boys And Jesus Freaks") e un plettro intinto troppo spesso nel calamaio del patetismo più diluito. Un giovane puledro di buona scuderia come Miles Kane oggi può fare le stesse cose, ma molto meglio. Per il resto il miglior Noel Gallagher continua a godersi il suo elisir di lunga vita nell'arcipelago remoto di "The Masterplan" e da lì in poi, a pensarci, solo sporadici avvistamenti di un'ispirazione che forse in "Dig Out Your Soul" aveva iniziato, per quanto timidamente, a muovere di nuovo le ali. E da quel disco tutto forse dovrebbe ricominciare (mentre la curiosità per l'annunciato album kraut-floydiano con i Future Sound Of London, l'anno prossimo, è pari soltanto al terrore).
Dunque, tema del giorno: Oasis, vi prego, per noi e soprattutto per voi, tornate al più presto insieme...

(02/11/2011)

  • Tracklist
  1. Everybody's On The Run
  2. Dream On
  3. If I Had A Gun...
  4. The Death Of You And Me
  5. (I Wanna Live In A Dream In My) Record Machine
  6. AKA... What A Life!
  7. Soldier Boys And Jesus Freaks
  8. AKA... Broken Arrow
  9. (Stranded On) The Wrong Beach
  10. Stop The Clocks
Noel Gallagher’s High Flying Birds su OndaRock
Recensioni

NOEL GALLAGHER’S HIGH FLYING BIRDS

Chasing Yesterday

(2015 - Sour Mash)
Il frontman degli Oasis riesce a dare prova del suo talento con una rinnovata vocazione narrativa ..

News
Noel Gallagher's High Flying Birds on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.