Burial

Untrue

2007 (Hyperdub) | dubstep, futuredub

Ecco finalmente riapparire nei nostri affollatissimi radar quel puntino verde che non t'aspetti: coordinate non identificate a indicarci nuovamente la presenza gradita del misterioso Mig di casa Hyperdub, noto ai più con lo pseudonimo di Burial. Bassi pesanti come il piombo, da contrappeso a una scarica eterea di ombrose deflagrazioni elettroniche, a costituire il punto di forza di un agglomerato ritmico clamorosamente alieno.

Lo svezzamento di un settore, (ri)battezzato dubstep, in un'evoluzione costante prosegue il suo folle ciclo nel secondo scatto pragmatico del misterioso produttore londinese. Kode9, deus ex machina della Hyperdub, si siede dietro al mixer, produce e ringrazia.
In "Untrue", Burial cerca di mettere a fuoco tutte le esperienze multiformi che hanno nutrito il fenomeno nell'arco di un anno: assieme a Benga, Vex'd, Kode9, Skream!, Digital Mystikz, Shackleton e Appleblim (proprietari della seminale Skull Disco) il nostro reinventa se stesso pur senza stravolgere ciò che aveva piantato con l'esordio, andando a cercare un nuovo orizzonte per tutto il movimento "breaks".

Rimosso in parte quel substrato assordante di beat pachidermici, Burial fortifica la sua consistenza melodica inserendo in un contesto alieno, cori soul (!) mediante sample vocali assurdi, impalpabili orientalismi strumentali, zuccherose divagazioni lounge paradossalmente accostabili all'house più deep, coniando di fatto nuovi aggettivi critici per quello che è, oggi e senz'altro, l'erede plausibile del 2-step/uk garage degli anni Novanta.

È ancora una voce sommessa a introdurre le gesta del nostro eroe, prima di voltare pagina e imbatterci nella più inaspettata delle visioni. "Archangel" è la raffigurazione primaria delle nuovissime velleità di Burial: un fiore Motown trapiantato in terra d'Albione, un canto angelico a proclamar vendetta; lo studio si allunga oltre i confini del ritmo fino a trattare il cantato come un effetto da manipolare a ogni frase. Odio e nuovo amore, attraverso uno scudo di pulsazioni dub, tastiere sacre, scenari arcaici: Notre Dame a confronto è una chiesetta per turisti di Waikiki.

Si diceva prima dei ritmi che Burial riesce a comporre, è forse questo il gradino che ancora lo separa stilisticamente dai tanti. Dice che gli piacciono i beat storti, che si diverte a giocarci, e in questo gioco finisce per accavallare e fondere idee distanti. Spinge ancora più in verticale la sua proposta, che si ridefinisce in mille strati non certo pressati ma lasciati liberi di toccarsi e allontanarsi, creando ambienti sonori affascinanti e nebulosi.

Sono numerose le cose certe con questo disco, più di tutti quella che il pupillo di Kode9 non si è fermato di certo a fare il "compitino", anzi. "Untrue" manda l'immagine di un uomo che pare aver trovato la sua strada per il dub, puntando dritto a far vacillare nuovamente le convinzioni di molti. È riuscito ad aprirsi, l'oscurità dell'esordio si è fatta meno fitta, sia sull'uomo sia su ciò che vuole dirci. Tutto in ordine, manca ancora quel non so che, arriverà: già so che già sa.

(15/11/2007)

  • Tracklist
  1. Untitled
  2. Archangel
  3. Near Dark
  4. Ghost Hardware
  5. Endorphin
  6. Etched Dubplates
  7. In McDonalds
  8. Untrue
  9. Shell Of Light
  10. Dog Shelter
  11. Homeless
  12. UK
  13. Raver 
Burial su OndaRock
Recensioni

BURIAL

Tunes 2011-2019

(2019 - Hyperdub)
La prelibata cernita dei singoli rilasciati negli ultimi due lustri dal producer londinese

BURIAL

Pre Dawn/Indoors

(2017 - Nonplus)
Tanta cattiveria e selvaggina hardcore nel terzo Ep dell'anno del produttore inglese

BURIAL

Subtemple

(2017 - Hyperdub)
Il primo Ep a sorpresa dell'anno dell'acclamato e misterioso producer londinese

BURIAL

Rodent

(2017 - Hyperdub)
Sterzata deep house per William Bevan, con il sostegno adrenalinico di sua maestà Kode9

BURIAL

Young Death/Nightmarket

(2016 - Hyperdub)
L'ennesimo Ep del misterioso e acclamato producer della Hyperdub

BURIAL

Rival Dealer

(2013 - Hyperdub)
L'improvvisa celestialità nel settimo Ep dell'acclamato produttore inglese

BURIAL

Kindred Ep

(2012 - Hyperdub Records)
Cassa dritta, ali spiegate e un'oscura speranza nelle tre tracce del genio inglese

BURIAL

Truant

(2012 - Hyperdub)
Secondo Ep in questo 2012 per l'acclamato produttore londinese

BURIAL

Street Halo

(2011 - Hyperdub)
Tre succulente tracce nell'avvincente Ep di sua maestà William Bevan, aka Burial

BURIAL

Untrue

(2007 - Hyperdub)
Il capolavoro assoluto del genere dubstep e della musica elettronica del nuovo millennio

BURIAL

Burial

(2006 - Hyperdub)
Il primo Lp di un impenetrabile producer inglese

News


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.