Burial

Kindred Ep

2012 (Hyperdub Records) | dubstep, soul-step

Cielo e terra. Aria e magma. William vola via, lasciando aperte le porte dell'anima. Il mondo è lì. La platea è fermamente eccitata. Tre tracce. Secondo Ep post-"Untrue", post-capolavoro degli Anni Zero, post-manifesto del nuovo dubstep. "Kindred" scotta fin dal primo minuto. Brucia calore e diffonde lampi di luce, ora tenui, ora improvvisamente accecanti. Le quattro parti che compongono l'introduttiva title track propongono subito gemiti angelici lontani sovrapposti a una secca decostruzione two-step. William palpita e si disperde. Resta la desolazione. Ma spunta un'oscura speranza. Con "Street Halo" il ragazzo preferiva nascondersi ancora nell’ombra. Ora c'è da mettere la testa fuori dal guscio e saper mordere.

"Loner" è dunque cassa. Will lancia la maschera in pista. Si lascia trasportare dal battito del proprio cuore senza più dover fare i conti con personali fantasmi da nutrire. La sua è una fuga androide in scia dancefloor. Al quinto minuto si infiammano i motori prima dell'arrivo. L'ultima propulsione. La meta è raggiunta. Bisogna tornare a casa. Un lento ribollire inquieta i consueti campionamenti vocali. La notte è finita. Ma la vera apoteosi è ancora alle porte. Il terzo capitolo è quello conclusivo, ma soprattutto l'inizio (?) di un nuovo cammino.
È davvero grande il "peso" di mostrare nuova materia e nuova linfa dubstep ai contemporanei e ai posteri. Ma William Bevan ha le spalle larghe e il cuore grosso quanto una casa. Così "Ashtray Wasp" incarna tutto ciò che fa di  "Untrue" un disco importantissimo per l'evoluzione stessa della musica dubstep nel pop contemporaneo. I primi quattro minuti mostrano le ali spiegate dell'Arcangelo Will, cambio di rotta nel vuoto prima di raggiungere quota al quinto e continuare a diffondere dall'alto una scarica di orgasmi soul-step, ridotti nelle ultime battute da un ritmo più conciso, in coda magistralmente colorato seguendo l'insegnamento dell'amico Kieran.

Il cerchio deve ancora magicamente chiudersi. E "Kindred" è solo l'ennesima mutazione di un camaleonte urbano, l'ennesima conferma di un talento, l'ennesimo lampo di genio di un visionario. L'oscuro custode e il timido giullare ora vivono sotto lo stesso tetto. E non ci resta che bussare al citofono. Pena la noia.

(23/02/2012)

  • Tracklist
  1. Kindred
  2. Loner
  3. Ashtray Wasp


Si può ascoltare interamente in streaming sul sito della Hyperdub

Burial su OndaRock
Recensioni

BURIAL

Tunes 2011-2019

(2019 - Hyperdub)
La prelibata cernita dei singoli rilasciati negli ultimi due lustri dal producer londinese

BURIAL

Pre Dawn/Indoors

(2017 - Nonplus)
Tanta cattiveria e selvaggina hardcore nel terzo Ep dell'anno del produttore inglese

BURIAL

Subtemple

(2017 - Hyperdub)
Il primo Ep a sorpresa dell'anno dell'acclamato e misterioso producer londinese

BURIAL

Rodent

(2017 - Hyperdub)
Sterzata deep house per William Bevan, con il sostegno adrenalinico di sua maestà Kode9

BURIAL

Young Death/Nightmarket

(2016 - Hyperdub)
L'ennesimo Ep del misterioso e acclamato producer della Hyperdub

BURIAL

Rival Dealer

(2013 - Hyperdub)
L'improvvisa celestialità nel settimo Ep dell'acclamato produttore inglese

BURIAL

Truant

(2012 - Hyperdub)
Secondo Ep in questo 2012 per l'acclamato produttore londinese

BURIAL

Street Halo

(2011 - Hyperdub)
Tre succulente tracce nell'avvincente Ep di sua maestà William Bevan, aka Burial

BURIAL

Untrue

(2007 - Hyperdub)
Il misterioso produttore londinese aggiorna la sua visione del dubstep

BURIAL

Untrue

(2007 - Hyperdub)
Il capolavoro assoluto del genere dubstep e della musica elettronica del nuovo millennio

BURIAL

Burial

(2006 - Hyperdub)
Il primo Lp di un impenetrabile producer inglese

News
Burial on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.