Coldplay

A Head Full Of Dreams

2015 (Parlophone) | pop-rock

Sono simpatici i Coldplay. Anche se nessuno dei loro album ti è mai entrato davvero sotto pelle, anche se le loro canzoni sono state spesso più un piacevole passatempo radiofonico che qualcosa da portarsi dietro negli anni, non si può dire che abbiano calcato la mano sull'arroganza divistica e la prosopopea mediatica. Nonostante il successo e la loro lunga carriera, sembrano solo un gruppo di ragazzini che col tempo, anziché continuare a struggersi e ciondolare all'interno della loro cameretta, hanno iniziato a guardare con curiosità quello che capitava attorno a loro nel mondo (musicale), a loro modo.
E lo spettacolo più interessante e divertente a cui assistere non l'hanno certo portato sui palcoscenici bensì negli interminabili dibattiti tra chi li ha amati sin dall'inizio e, mal sopportando lo loro riluttanza a diventare dei nuovi Radiohead, ha poi considerato in costante declino la loro proposta (eccezion fatta per il colpo di reni di "Viva La Vida", ma in quel caso "aveva fatto tutto Eno", proverbialmente), e chi invece li ha sempre difesi a spada tratta come ormai raro esempio di rappresentanti rock per le grandi masse. Fardello condiviso assieme ai più pretenziosi e altrettanto criticati Muse.
Difficile scegliere da che parte stare se non si è vissuta la loro evoluzione con sentimento da fan, e nemmeno questo nuovo "A Head Full Of Dreams" sembra essere in grado di dar risposte e certezze agli indecisi. Va comunque dato loro atto di aver aggiunto alla loro discografia, sempre composta da lavori ben distinguibili, un ennesimo tassello a sé stante con peculiarità che i precedenti non possedevano e perdendone altre che di quelli ne erano magari il punto di forza.

La volontà di creare una variopinta e più gioiosa controparte al recente "Ghost Stories", notturno e soffuso, li ha per forza di cose costretti a tornare dalle parti del pop in technicolor di "Mylo Xyloto" (la gigiona "Army Of One" è quasi una "Paradise" parte seconda), ma anziché reiterare completamente quanto già proposto, l'hanno spogliato di ogni residua grandeur rock a favore di un'attitudine più folk, quasi world, e mantenendo intatto il romanticismo dell'ultimo lavoro. Così tra caleidoscopi, iridescenze, spettri di colore, minuetti, carillon e Obama che recita "Amazing Grace", i Coldplay costruiscono un'impeccabile e nuovamente ragionata cornice concettuale per presentare le nuove canzoni, spesso non così a fuoco come le atmosfere a cui si appoggiano.
Quando si lasciano guidare dagli Stargate (il duo dietro tanti successi di Rihanna) e il piglio è bello deciso e funkeggiante, come nella title track e nel singolo "Adventure In A Lifetime" (in cui giocano a impersonare Cut Copy e Friendly Fires), riescono anche a divertire, e quando relegano Beyoncé a semplice corista in un curioso mix di battiti hip-hop in sfilata con le bande di New Orleans ("Hymn For The Weekend") addirittura stupiscono, per verve e contemporaneità. E le palpitanti aritmie french di "Birds" tengono ugualmente il passo.

L'alchimia appare già un po' troppo macchinosa nel tentativo trap della traccia nascosta "X Marks The Spot" o quando, nonostante la presenza di un musone come Noel Gallagher, i Coldplay non riescono a dare al contagioso etno-gospel di "Up&Up" una profondità maggiore di quella che una boy-band gli avrebbe riservato.
I nodi vengono però davvero al pettine nel momento in cui tutte le infrastrutture di cui sopra cadono per lasciare nudo e crudo il songwriting della tre, immancabili, ballate: "Everglow" vorrebbe riportare, col pilota automatico di ritorno da un festino, i primi fan ai tempi degli esordi (facendoli incazzare, giustamente, ancor di più) e il "Fun" che vorrebbero proporci in compagnia della stellina svedese Love To è probabilmente lo stesso di una serata passata a guardare una puntata di X-Factor. Se non altro i maschietti saranno contenti per il valzer di "Amazing Day": potrebbe far tornare alle ragazze la voglia di innamorarsi nuovamente quando smetteranno di struggersi con le ballad strappalacrime di Adele.

Mettiamoci il cuore in pace, "A Head Full Of Dreams" imbarazzerà nuovamente chi un tempo li amava e contemporaneamente invaderà per mesi le emittenti radiofoniche. Perché continuare a discutere se sia più commerciale accontentare i milioni cresciuti a pane e "troubles" o conquistarne ogni volta altrettanti seguendo le mode è questione di lana caprina, e la sostanza è che ci ritroviamo davanti solo all'ennesima manciata di simpatiche canzoncine per allietare qualche minuto della giornata. Evidentemente i ragazzi avevano, e hanno ancora, solo voglia di divertirsi.

(07/12/2015)



  • Tracklist
  1. A Head Full Of Dreams
  2. Birds
  3. Hymn For The Weekend
  4. Everglow
  5. Adventure Of A Lifetime
  6. Fun
  7. Kaleidoscope
  8. Army Of One                                             X Marks The Spot (hidden track)
  9. Amazing Day
  10. Colour Spectrum
  11. Up&Up
  12. Miracle (bonus track)


Coldplay su OndaRock
Recensioni

COLDPLAY

Ghost Stories

(2014 - Parlophone)
I dolori del giovane Martin nel nuovo capitolo della saga malinconica

COLDPLAY

Mylo Xyloto

(2011 - Parlophone)
Il ritorno di Chris Martin e soci, esitante, indeciso, uguale ma diverso. E riuscito

COLDPLAY

Viva La Vida (Or Death And All His Friends)

(2008 - Capitol)
L'atteso ritorno di Martin & C., sotto l'egida di Brian Eno

COLDPLAY

X & Y

(2005 - Capitol)

COLDPLAY

Parachutes

(2000 - Emi)

COLDPLAY

Parachutes

(2000 - Parlophone)
L'esordio di Chris Martin & C., là dove il britpop risorge dalle ceneri e dà il La ..

News
Coldplay on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.