Burial

Young Death/Nightmarket

2016 (Hyperdub) | garage, ambient

William Bevan torna con un nuovo Ep, mentre l'arrivo del terzo album continua a essere una sorta di tabù. Il manipolatore più misterioso e osannato del dubstep, dopo aver collaborato con l’amico Zomby nel singolo a quattro mani “Sweetz” presente in “Ultra”, ha ben pensato di tornare in pista alla sua maniera, attraverso due tracce lanciate in modalità Batman, la cui ufficializzazione è stata condita da una serie di strani episodi: dal secret listening iniziale spacciato da discogs, passando per una prima smentita ufficiale e la successiva conferma definitiva da parte della stessa Hyperdub.

Il producer londinese mette ancora una volta in bella mostra l'amore per pellicole del calibro di “Alien” (i dialoghi estratti qua e là), e il legame indissolubile con le decadenti atmosfere post-rave; un nichilismo che si traduce spesso in soluzioni tese a mettere in pace anima e corpo. Il giovane Will capace di stordire mediante i fatidici wobble bass, le improvvise sterzate 2-step e bordate talmente potenti da far venire giù le pareti è ormai un ricordo decisamente lontano.
La pioggia che cade imperterrita alimenta nuovamente il disagio, e spuntano parole di amore e speranza come "I will always be there for you", intonate alla solita maniera, e poste da contraltare all'umore cupo e melanconico, tra campionamenti inaspettati di Keni Burke, del compositore giapponese Koji Kondo, e battiti cadenzati alla stregua degli amici Massive Attack (“Young Death”).

Nella seconda metà del piatto, invece, Will "gioca" con la melodia della magnifica “Return To The Origin” di Mike Oldfield, e si diverte a campionare la colonna sonora del videogame “Last Ninja 2: Back With A Vengeance” curata da Matt Grey nel 1988; il tutto tra i consueti stop&go alienati, le intramontabili atmosfere oscure e tenebrose, e l’amore spassionato per l’elettronica casereccia e pulsante in scia vagamente hardcore dei tardi Eighties.
Con "Young Death/Nightmarket" Burial pone in evidenza tutto il suo charme da nerd pacato, solitario e sfuggente, contrapponendosi alla frenesia ritmica palesata nel magnifico singolo “Temple Sleeper” pubblicato lo scorso anno per la benemerita Keysound Recordings. Del resto, è letteralmente impossibile stargli dietro. Quindi non resta che incrociare le dita con la speranza di ritrovarlo quanto prima, e magari con più colpi in canna.

(15/12/2016)

  • Tracklist

1. Young Death
2. Nightmarket

Burial su OndaRock
Recensioni

BURIAL

Tunes 2011-2019

(2019 - Hyperdub)
La prelibata cernita dei singoli rilasciati negli ultimi due lustri dal producer londinese

BURIAL

Pre Dawn/Indoors

(2017 - Nonplus)
Tanta cattiveria e selvaggina hardcore nel terzo Ep dell'anno del produttore inglese

BURIAL

Subtemple

(2017 - Hyperdub)
Il primo Ep a sorpresa dell'anno dell'acclamato e misterioso producer londinese

BURIAL

Rodent

(2017 - Hyperdub)
Sterzata deep house per William Bevan, con il sostegno adrenalinico di sua maestà Kode9

BURIAL

Rival Dealer

(2013 - Hyperdub)
L'improvvisa celestialità nel settimo Ep dell'acclamato produttore inglese

BURIAL

Kindred Ep

(2012 - Hyperdub Records)
Cassa dritta, ali spiegate e un'oscura speranza nelle tre tracce del genio inglese

BURIAL

Truant

(2012 - Hyperdub)
Secondo Ep in questo 2012 per l'acclamato produttore londinese

BURIAL

Street Halo

(2011 - Hyperdub)
Tre succulente tracce nell'avvincente Ep di sua maestà William Bevan, aka Burial

BURIAL

Untrue

(2007 - Hyperdub)
Il misterioso produttore londinese aggiorna la sua visione del dubstep

BURIAL

Untrue

(2007 - Hyperdub)
Il capolavoro assoluto del genere dubstep e della musica elettronica del nuovo millennio

BURIAL

Burial

(2006 - Hyperdub)
Il primo Lp di un impenetrabile producer inglese

News
Burial on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.