Geodetic

Broken Consonance

2017 (Maple Death Records) | idm, industrial, experimental

Claudio Rocchetti (In Zaire, ¾HadBeenEliminated, Olyvetty, Hypnoflash) e Jukka Reverberi (Giardini di Mirò, Bastion, Crimea X, Spartiti) hanno messo in piedi il progetto “Geodetic” sul finire del 2016, passandosi nottetempo via web urticante materiale sonoro sull'asse Bolzano-Reggio Emilia.
Il risultato è l'esordio, dal titolo programmatico, “Broken Consonance”: una sintesi ipnotizzante tra Idm a marchio Boards Of Canada prima maniera (quelli della mini-collana “Old Tunes” e di “Hi Scores”, per intenderci), industrial targato Cabaret Voltaire (“Red Mecca” su tutti) e sperimentazione noise a nome Maurizio Bianchi.
Jonathan Clancy (His Clancyness, Settlefish, A Classic Education) si è occupato di riversare questi scambi e-pistolari su granuloso nastro magnetico affidandosi a Nico Pasquini (alias "Stromboli"). Con l'incursione grafica di Giulia Mazza ha poi pubblicato “Broken Consonance” in cento copie per la sua Maple Death Records.

L'album si apre con “I” tra mesmeriche pulsazioni, handclap ossessivi e fendenti sintetici che ci trascinano in uno stato di suadente alienazione, generato da “II” attraverso ciondolanti variazioni trip-hop a bassissima fedeltà. Al crocevia tra una techno estatica e una sorta di docu-industrial, si trovano invece le coordinate per raggiungere gli stadi “III” e “IV” del trip neurale offerto da Rocchetti-Reverberi, nel bel mezzo del quale tornano alla mente certi episodi di “Alone Together”, unicum discografico della fulgida meteora Children's Hospital.
Lasciati alle spalle i funerei rintocchi perpetuati in “V”, il cerchio si chiude con le visioni infernali insufflate da “VI”, cosparse di martellanti suggestioni di fascinazione neubauteniana.

Diviso tra derivazione e intuizione, “Broken Consonance” è un debutto che puzza di schizofrenico divertissement e, al contempo, suona come una dichiarazione di intenti dei due musicisti a coltivare il progetto “Geodetic” nel solco di una continua - e spiazzante - metamorfosi. Conoscendo la caratura dei fondatori, siamo convinti che sia così.

(18/07/2017)

  • Tracklist
  1. I
  2. II
  3. III
  4. IV
  5. V
  6. VI
Geodetic su OndaRock
Recensioni

GEODETIC

Cold Lights

(2017 - Instruments Of Discipline)
A distanza di pochi mesi, la ditta Rocchetti-Reverberi sforna un Ep dalle abrasive sonorità industrial-techno ..