Vladislav Delay

Rakka II

2021 (Cosmo Rhythmatic) | harsh-ambient, techno

Stesso titolo, stesso autore, stessa cover, stessa brutalità. L’anno scorso la pubblicazione di “Rakka” aveva lasciato interdetti per un utilizzo tanto violento e devastante degli strumenti elettronici che venne paragonato a una fucilata in pieno petto. “Rakka II” non è da meno e ci porta oltre i confini del suono, oltre il grande Nord patria di Sasu Ripatti, tra pulsazioni lancinanti e inferni glaciali. Non è semplice ricordare musicisti che hanno osato spingere la musica elettronica in tali confini estremi, ma di certo le stratificazioni possono ricordare quelle di uno dei capolavori di Tim Hecker, “Ravedeath, 1972”, album innovativo e iper-stratificato, ma infinitamente meno aggressivo dei due “Rakka”.

Vladislav Delay continua a percuotere l'ascoltatore con suoni che sembrano fatti di vera materia, dove il noise e l'ambient si abbracciano per annullarsi a vicenda e rinascere in nuovi orizzonti. In questi suoni caotici c’è la natura nella sua vera essenza, violenta e selvaggia, vista senza alcuna banalità romantica, bensì nella sua autentica sostanza, forza motrice eterna e inarrestabile che travolge ogni cosa dinanzi a sé.

“Rakkn” è quindi un manifesto di caos digitale, eppur ordinatissimo nelle sue stordenti scosse telluriche. Le pulsazioni diventano compulsive in “Ranno”, dai suoni sempre più bassi e angoscianti, mentre in brani come “Raaa” o “Raato” i battiti martellanti sono avvolti da suoni ben più acuti che fanno da impalcatura.
L’unico momento differente è “Rakas”, stavolta prossimo a una musica ambient debordante di angoscia, vicino ai mondi dei Labradford e del loro progetto parallelo Pan American. E’ interessante notare come nulla in questo brano dia un’idea di stasi, bensì - pur nella lentezza - tutto rimanda a un flusso perenne e inevitabile.

I due “Rakka” possono ambire a essere una delle più autentiche colonne sonore della natura, nella sua sostanza più brutale e realistica, che la musica elettronica abbia mai potuto immaginare.

(13/09/2021)

  • Tracklist
  1. Rakkn
  2. Raaa
  3. Raaha
  4. Rapaa
  5. Rakas
  6. Ranno
  7. Raato
  8. Rapine


Vladislav Delay su OndaRock
Recensioni

VLADISLAV DELAY

Rakka

(2020 - Cosmo Rhythmatic)
L'inferno di ghiaccio di Rakka, nuova avventura del genio finlandese

VLADISLAV DELAY/ SLY DUNBAR/ ROBBIE SHAKESPEARE

500-Push-Up

(2020 - Sub Rosa)
Andata e ritorno dalla Finlandia alla Giamaica: un incontro inaspettato

VLADISLAV DELAY

Visa

(2014 - Ripatti)
L'elettronica beatless nel nuovo capolavoro "acquatico" del genio finlandese

VLADISLAV DELAY

Kuopio

(2012 - Raster-Noton)
Il capolavoro di Delay in un'ora di elettronica di superficie

VLADISLAV DELAY

Vantaa

(2011 - raster-noton)
La nuova immersione nel mondo lunare di Vladislav Delay, alla sua decima prova

VLADISLAV DELAY

Tummaa

(2009 - Leaf)
Tra jazz e improvvisazione, il ritorno di Vladislav Delay in compagnia di Craig Armstrong e Lucio Capace ..

VLADISLAV DELAY

Whistleblower

(2007 - Huume Recordings)
Il nuovo anagramma elettronico dello sperimentatore finlandese

News
Live Report
Vladislav Delay on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.