13/07/2016

Neil Young + Promise Of The Real

Anfiteatro Camerini, Piazzola sul Brenta


di Michele Saran
Neil Young + Promise Of The Real
Vegliata dalla seicentesca villa Contarini, una tra le più scenografiche ville venete, antistante l'Anfiteatro Camerini dell'amena Piazzola sul Brenta (Padova), benedetta da un'ottima organizzazione e un clima ventilato che mai guasta, ecco la prima data del mini-tour italiano di Neil Young (in arrivo venerdì 15 a Roma, alle Terme di Caracalla, il 16 a Lucca e il 17 a Milano). Supportato dai nuovi comprimari Promise Of The Real (i due fratelli Lukas e Micah Nelson, il bassista Corey McCormick, il percussionista Tato Melgar, il batterista Anthony Logerfo) è - come ampiamente predetto dal live "Earth" (2016) - un concerto-predica sulla salute del pianeta, la riscoperta delle tecnologie ecologiche e la biodiversità, e l'opposizione a modificazioni genetiche, insalubrità e inquinamento. A fianco del palco c'è dunque posto per un "Neil Young Global Village" ad ospitare associazioni benefiche internazionali e locali (Lipu, No Ogm, Fairtrade, Organic etc).

E così lo show del Loner (cappellaccio nero e maglietta spiegazzata) che comincia in acustico aperto da figuranti vestite da campagnole che seminano e irrigano il palco mentre lui strimpella "After The Gold Rush", e chiuso da disinfestatori che spruzzano finti diserbanti, ha tutta l'aria di un monito, una cerimonia gravosa che, non per niente, culmina solennemente nell'organo-altare di "Mother Earth". Eppure, i cavalli di battaglia del country-folk "Harvest"-iano ("The Needle And The Damage Done", "Heart Of Gold") Young li scodella uno dopo l'altro sopra ovazioni da festa collettiva e persino qualche cenno di ballo.

Quando entrano in scena i Promise Of The Real invece comincia una progressione verso la distorsione chitarristica più estrema. L'inizio è comunque bonario e accomodante, con uno Young ancora ben piantato nel folk dei suoi più felici anni 70, dall'immediato post-Buffalo Springfield ("Hold Back The Tears") ai CSN&Y ("Helpless") alla sua gloria personale ("Old Man"). In questo frangente si comincia più che altro a testare la tenuta della band dei figli di Willie Nelson. Young affida per il momento a Lukas il compito di chitarra solista: il ragazzo risponde proprio emulando e toni e le cadenze del cavallo pazzo. Il polso fermo c'è, mancano ancora effetto e personalità.

Poi però, introdotto da "ora una hit uscita quando non eravate nati... non so neanche se ve la ricordate..." (le uniche parole del Loner in tutta la serata, a parte la formalità del "thanks for coming to see us tonight"), Lukas stupisce tutti quando si accomoda al piano - scordato - per intonare la modugniana "Nel blu dipinto di blu" in un italiano nemmeno disprezzabile. I maggiori sorrisi li strappa però sempre e comunque Young, quando s'improvvisa corista, dall'umore divertito ma col suo solito cipiglio stampato in faccia.
Accettato il regalino simbolico da mettere subito da parte, si passa alle cose serie. Finalmente Young imbraccia l'"old black" e il clima si arroventa: lenta ma rabbiosa "Alabama", sofferta "Words", semplicemente impeccabile "Powderfinger", cantabilissime e contagiose le due perline di "Ragged Glory" (1990), "Mansion On The Hill" e "Country Home".

È il cuore del concerto, che conduce al momento più epico di tutto il set: i quindici minuti di "Like A Hurricane". Aperto, come da regola dei live storici con i Crazy Horse, con la calata dall'alto del synth, e bombardato di elettrificazione, l'inno supremo del bardo canadese va in gloria con una coda d'improvvisazione caotica, spartita tra i suoi feedback lancinanti (Young che pure s'incazza con una cassa spia che a quanto pare non vomitava abbastanza rumore), il suo canto inceppato, le frustate dei comprimari, con Hendrix a vegliare dall'alto. In una parola, una piccola porzione di "Arc" (1990) che, peraltro, avrebbe potuto continuare ancora per molto se Lukas non avesse fatto cenno a uno Young in trance, perso in un filo esile di distorsione, che cotanta arditezza era più che sufficiente.

La voglia di sciorinare assoli e jam elettriche però continua con un'altra gloria, "Down By The River", anche questa tirata ben oltre i dieci minuti a suon di finte reprise e fraseggi scorticati. Inframezzano queste maratone altri piccoli episodi acustici e persino un siparietto (Young che distribuisce ciliegie a soci e astanti sotto il palco), per dotare il concerto del giusto equilibrio.
In ogni caso, una sterminata "Rockin' In The Free World" - ovviamente cantata in coro da tutto l'anfiteatro - e una "Like An Inca" (primo dei due bis) che non è "Cortez The Killer" ma che pur possiede un'interessante variante tribale solo voci-percussioni nel ritornello (buona passerella per le congas di un Melgar defilato ma pulsante), riprendono in mano la situazione per eccitare allo sfinimento.

Rimane la questione dei brani di "Monsanto Years" (2015), i momenti più importanti stando al concept della serata, relegati invece a un misero secondo piano. Per quanto Young li inserisca con furba nonchalance tra un classicone e l'altro, il calo in termini di reazione empatica da parte del pubblico è drastico, palpabilissimo. C'è comunque una "Seed Justice", finora mai incisa in studio, probabilmente l'unico momento in cui i Promise lasciano andare del tutto le titubanze da giovani apprendisti e rockano duro col Loner. La semina comincia a dare i suoi frutti.

Anche questo è comunque parte delle tre ore di show, uno saliscendi che - ça va sans dire - non darà grandissimi risultati in termini di sensibilizzazione ambientalista come forse prefissato, ma che nondimeno rimane un'attestazione potente (primo tra tutti per lo stesso artista) di forma praticamente invariata, prestanza fisica e artistica - pure un girotondo finale con la band, a mimare la rotazione terrestre - vocale, strumentale, umana.

Setlist
  1. After The Gold Rush
  2. Heart Of Gold
  3. The Needle And The Damage Done
  4. Comes A Time
  5. Mother Earth
  6. Hold Back The Tears
  7. Helpless
  8. Old Man
  9. Only Love Can Break Your Heart
  10. Nel blu dipinto di blu
  11. Alabama
  12. Words
  13. If I Could Have Her Tonight
  14. Winterlong
  15. Powderfinger
  16. Mansion On The Hill
  17. Like A Hurricane/Arc
  18. Down By The River
  19. Country Home
  20. Seed Justice
  21. Monsanto Years
  22. Wolf Moon
  23. Rockin' In The Free World
  24. Like An Inca
  25. Here We Are In The Years
Neil Young su OndaRock

Monografia

Neil Young

The Loner

Recensioni

NEIL YOUNG

Hitchhiker

(2017 - Reprise)
Recupero di una session acustica di prova, risalente al 1976, per il cavallo pazzo

NEIL YOUNG + PROMISE OF THE REAL

Earth

(2016 - Reprise)
Doppio live per un loner sempre più ecologista e la sua giovane band

NEIL YOUNG

Peace Trail

(2016 - Reprise)
Nuovo instant record di attivismo e contemporaneità per il gran canadese

NEIL YOUNG + PROMISE OF THE REAL

Monsanto Years

(2015 - Reprise)
Il Loner insieme una giovane band per un concept d'attualità

NEIL YOUNG

A Letter Home

(2014 - Third Man)
Eccentrica raccolta di cover dal suono antico per il grande canadese

NEIL YOUNG

Storytone

(2014 - Reprise)
L’approdo al rock orchestrale per il grande canadese, in un’accensione di grandeur

NEIL YOUNG & CRAZY HORSE

Psychedelic Pill

(2012 - Reprise)
Primo album doppio per il Loner canadese, al fianco dei suoi Crazy Horse

NEIL YOUNG & CRAZY HORSE

Americana

(2012 - Reprise)
La rimpatriata tra il vegliardo canadese e la sua mitica band, per una raccolta di traditional ..

NEIL YOUNG

Le Noise

(2010 - Reprise)
Il "loner" nel suo disco pił "loner", accompagnato dal conterraneo Lanois

NEIL YOUNG

Fork In The Road

(2009 - Reprise)
L'album "ecologico" del loner canadese: dieci tracce con un mood sfacciatamente arioso ..

NEIL YOUNG

Chrome Dreams 2

(2007 - Reprise/Wea)
Il vecchio loner canadese riesce ancora a emozionare

NEIL YOUNG

Living With War

(2006 - Reprise)

NEIL YOUNG

Prairie Wind

(2005 - Reprise)
Young abbandona i Crazy Horse e cavalca le praterie di Nashville

NEIL YOUNG

Greendale

(2003 - Reprise)

NEIL YOUNG

Rust Never Sleeps

(1979 - Reprise)
Lo storico live del Loner canadese, tra numeri acustici e cavalcate elettriche

NEIL YOUNG

Tonight's The Night

(1975 - Reprise)
L'opera con cui Young si scopre sommo filosofo del dolore, portatore di un messaggio universale e a-temporale ..

NEIL YOUNG

Harvest

(1972 - Reprise)
Ballate bucoliche e sfibranti cavalcate elettriche: l'apoteosi del country-rock younghiano

NEIL YOUNG

After The Gold Rush

(1970 - Reprise)
La migliore commistione possibile tra country e rock, tra epica da terra promessa e languide carcasse ..

News
Speciali

Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.