Peter Doherty

Grace/ Wastelands

2009 (Emi) | songwriter, pop

Il dohertismo è (era) quel curioso fenomeno per il quale a un certo punto dall’Inghilterra (e ben presto dalla rimanente Europa) venivano fuori un giorno sì e l’altro pure gruppetti di sbracato guitar pop capitanati da un fascinoso cantante finto maledetto con borsalino ben calcato in testa, canottiera sudacchiata a nascondere una corporatura gracile e bianchiccia e un mozzicone di sigaretta fumante appeso alla bocca impastata e biascicante. Sorprende allora constatare che l’esordio a proprio nome del capostipite di siffatta genia di Sid Vicious mancati arrivi nei negozi solo ora, dopo lo scioglimento dei Libertines (avvenuto un’era mediatica fa, nel 2005), dopo due album non certo brillantissimi (anche se il secondo non era da buttare) con la nuova band Babyshambles e, soprattutto, dopo chilometri di inchiostro lavabile macinati in un solo istante a suon di copertine sulle riviste sbagliate, arresti, disintossicazioni, dolce vita in equilibrio precario sul baratro più nero, romanticismo stordito e sorpassi a duecento all’ora per finire schiantati contro la parete impenetrabile del Nulla. Ma Pete Doherty è sopravvissuto in qualche modo e ha anche trovato il tempo di assemblare le dodici canzoni che costituisco questo suo “Grace/ Wastelands”, prodotto dal vecchio sodale Stephen Street e impreziosito dalla chitarra della leggenda vivente del britpop Graham Coxon.

Conviene iniziare il discorso riconoscendo, non senza una certa sorpresa, che “Grace/ Wastelands” non è un disco brutto. Il che non vuol dire automaticamente che sia un disco bello, semplicemente le canzoni vere “ci sono” ed emergono aspetti persino insospettabili circa i gusti e le frequentazioni musicali di Doherty. L’album si presenta nel complesso come una raccolta di bozzetti folk non eccessivamente rifiniti, ancora freschi di spartito, appuntati sul bavero della camicia in quella grafia un po’ svogliata e zigzagante che quasi suo malgrado è divenuta nel tempo una specie di cifra stilistica del nostro. Il tutto ha un tocco un po’ naif ma anche molto chiccoso a dire il vero, vagamente scapigliato e bohemien, come è d’altronde nelle corde del personaggio.

Le canzoni volano via come una vecchia pagina di Le Figaro soffiata dal vento e qua e là salta fuori un lirismo screpolato e fischiettante che sa illuminare un fitto groviglio di sentimenti piacevolmente contraddittori e reveries dal passo svagato. In bilico tra il primo Scott Walker, Jacques Brel e Lloyd Cole, con un’attitudine da crooner confidenziale degna di un Richard Hawley sposato al narcisismo un po’ strafottente di Jarvis Cocker, Peter Doherty dimostra, con filastrocche come “Arcady”, “Salome”, “I Am The Rain” o “1939 Returning”, di avere una mano piuttosto felice nello schizzare una sua piccola epica del quotidiano. E se il singolo “Last Of The English Roses” ha un arrangiamento un po’ troppo simile a “Lullaby” dei Cure (ma il ritornello già si presta a karaoke con il cuore in mano), “A Little Daeth Around The Eyes” si avviluppa in un erotico abbraccio di archi  piazzolliani, mentre “Sweet By And By” disegna un foxtrot piroettante su pianoforti da gangster movie e ottoni su cui guizza il riflesso sfocato di Duke Ellington e Benny Goodman. Il resto forse non è altrettanto godibile, ma la fumosa “Palace Bone” e soprattutto “Broken Love Story” sanno comunque ammantarsi in un nube di sbiadita poesia sempre cantabile.

“Grace/ Wastelands” non è un lavoro corrivo né sciatto e già questa è, a ben vedere, una modesta ma non trascurabile conquista, considerati i presupposti non certo incoraggianti. Da qui all’affermare che Pete Doherty sia una grande autore ovviamente ce ne passa, eppure quest’album in qualche modo ritaglia una timida finestrella su un talento che potrebbe continuare a crescere in maniera più che apprezzabile nel prossimo futuro, se solo il suo sciagurato titolare glielo consentirà. Staremo a vedere.

(24/03/2009)

  • Tracklist
  1. Arcadie
  2. Last of the English roses
  3. 1939 returning
  4. A little death around the eyes
  5. Salome
  6. I am the rain
  7. Sweet by and by
  8. Palace of bone
  9. Sheepskin tearaway
  10. Broken love song
  11. New love grows on trees
  12. Lady, don't fall backwards
Peter Doherty & The Puta Madres su OndaRock
Recensioni

PETER DOHERTY & THE PUTA MADRES

Peter Doherty & The Puta Madres

(2019 - Strap Originals)
Vezzi da rockstar per il ritorno dell'ex-Libertines e Babyshambles

PETER DOHERTY

Hamburg Demonstrations

(2016 - Bmg)
Il secondo disco dell'ex-frontman dei Libertines tra incertezze, poesia e un pizzico di serietà ..

LIBERTINES

Anthems For Doomed Youth

(2015 - Virgin Emi)
L'inatteso ritorno dei "likely lads" alle prese con l'età adulta

BABYSHAMBLES

Sequel To The Prequel

(2013 - Parlophone)
La sorpresa della nuova vita dei Babyshambles di Peter Doherty

BABYSHAMBLES

Shotter’s Nation

(2007 - Parlophone/ Emi)
Il ritorno della band di Pete Doherty

BABYSHAMBLES

Down In Albion

(2005 - Rough Trade)

LIBERTINES

The Libertines

(2004 - Rough Trade)

News
Live Report
Peter Doherty on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.