Six Organs Of Admittance

Luminous Night

2009 (Drag City) | psych-folk

Il tempo non scorre uguale per tutti. Proprio mentre i Radiohead annunciano a gran voce la morte dell'album, il chitarrista americano Ben Chasney sembra più interessato che mai a rivalutarne il valore. D'altro canto per Chasney le lancette dell'orologio non devono muoversi sempre nel verso giusto. Capita, per esempio, quando deve registrare un disco dei suoi Six Organs Of Admittance. "Luminous Night" non è il suo capolavoro, ma è un disco che comunica bene questa sensazione.

Le otto canzoni sono divise in modo simmetrico tra lato A e lato B. Apre la scaletta l'aria celtica di "Actaeon's Fall", con il suo andamento lento ed elegante, e subito in evidenza risplende il bel flauto di Hans Tueber, protagonista assoluto anche dell'intro della successiva "Anesthesia", in cui il korg di Randall Dunn fa da controcanto alla voce di Chasney. "Bar-Nasha" è un mantra scurissimo retto dalle tabla di Tor Dietrichson sul quale il solito Tueber si lascia andare a un ammaliante assolo. Meno in vista di quanto ci si potesse aspettare le percussioni di Matt Chamberlain e la viola di Eyvind Kang, altri due musicisti caduti nella tela dei Six Organs Of Admittance. Il lato A si chiude con il drone alla FSA di "Cover Your Wounds With The Sky".

Dopo l'estasi l'abisso: l'esperienza con i C93 ha lasciato pochi ma incisivi segni nella scrittura di Chasney, oggi ancor più cupa che in passato. Il lato B si apre con una litania industrial-pagana degna del catalogo della Cold Meat Industry. Poi l'atmosfera torna su coordinate e atmosfere più consone alla sei corde di Chasney.
Gli ingredienti sono quelli già ampiamente utilizzati nella grande maggioranza dei dischi di SOOA - ad eccezione di "School Of The Flower", in cui risplendeva come un sole la batteria di Chris Corsano - vale a dire il folk-rock psichedelico che si nutre alle sacre fonti di Popol Vuh, Alan Stivell e Magna Carta.

Ben ci ha messo una dozzina di anni e altrettanti dischi per arrivare fin qui e non ha la minima intenzione di fermarsi ora.

(27/08/2009)

  • Tracklist
  1. Actaeon's Fall (Against The Hounds)
  2. Anesthesia
  3. Bar-Nasha
  4. Cover Your Wounds With The Sky
  5. Ursa Minor
  6. River Of Heaven
  7. The Ballad Of Charlie Harper
  8. Enemies Before The Light
Six Organs of Admittance su OndaRock
Recensioni

SIX ORGANS OF ADMITTANCE

Companion Rises

(2020 - Drag City)
Indie folk-rock sotto la volta celeste nel ritorno lieve e brioso di Ben Chasny

SIX ORGANS OF ADMITTANCE

Burning The Threshold

(2017 - Drag City)
Ritorna con una splendida prova il progetto solista psych-folk del chitarrista americano Ben Chasny

SIX ORGANS OF ADMITTANCE

Hexadic

(2015 - Drag City)
Messo a punto un nuovo metodo di scrittura, Chasny realizza un disco enigmatico

SIX ORGANS OF ADMITTANCE

Ascent

(2012 - Drag City)
Ben Chasny chiama a raccolta i Comets On Fire e fa un tuffo nel passato

SIX ORGANS OF ADMITTANCE

Asleep On The Floodplain

(2011 - Drag City)
Il nuovo lavoro di Ben Chasny segna il suo ritorno all'intimitÓ acustica

SIX ORGANS OF ADMITTANCE

RTZ

(2009 - Drag City)
Un'interessante compilation di vecchio materiale per Ben Chasny

SIX ORGANS OF ADMITTANCE

Shelter From The Ash

(2007 - Drag City)
Ben Chasny torna con un nuovo capitolo della sua saga psych-folk

SIX ORGANS OF ADMITTANCE

The Sun Awakens

(2006 - Drag City)
Ottavo disco della saga di Ben Chasny

News
Six Organs Of Admittance on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.