Anteloper

Tour Beats Vol. 1

2020 (International Anthem) | jazz

Un’altra uscita all’insegna dell’improvvisazione e delle sue possibilità espressive e narrative attraverso l’uso dell’elettronica. Arriva infatti il secondo album del duo Anteloper, formato dalla trombettista Jaimie Branch, artista di punta della etichetta di Chicago che con l’ottimo “Fly Or Die II: Bird Dogs Of Paradise” (International Anthem, 2019) ha confermato la propria statura, e il batterista/beatmaker/producer Jason Nazary. La strada di “Tour Beats Vol. 1” parte da un mese di sessioni di improvvisazione durante una residenza della Branch nel container-studio di Pioneer Works a Brooklyn nel 2018, riempito con effetti, synth, percussioni e una Roland TR808, e passa da un tour fatto dal duo nel 2019.

In poco più di venti minuti, “Tour Beats Vol. 1” condensa l’incontro tra la tromba melodica e minimale della Branch, tra temi d’aria morriconiana e ripetizioni ossessive à-la Riley (“Bubble Under”), con l’elettronica molecolare e angolare di Nazary, il cui drumming è squadrato e frammentato (“Isotope 420”).
La miscela psych-jazz-indietronica risultante da queste sessioni ricorda alcune esperienze jazz(e)electro tedesche di casa Morr Music, come l’ensemble Tied & Tickled Trio, formato da membri di Notwist e Lali Puna, e il duo Tarwater di Bernd Jestram e Ronald Lippok. Interferiscono trattamenti di estratti radio “(RADAR radio”) e gemiti (“Soledad Saboteur”), su un magma sonoro ambient sopra cui si stagliano in maniera nitida i fraseggi contemplativi della Branch.

Il sound collage diventa di nuovo una delle tecniche compositive principali, come nel caso del progetto “Universal Beings” di Makaya McCraven, che ha il ruolo, stavolta, di definire in una qualche forma fluida il caos molecolare rappresentato dal semplice incontro tra i due musicisti. Si tratta di un tipo di improvvisazione che genera una serie di reazioni a catena dal disegno psichedelico, più che un flusso in cui rimanere catturati e dentro cui farsi condurre. L’album scorre fin troppo velocemente, lasciando nella memoria una serie di sensazioni auditive, qualche scampolo di tema e alcune impressioni dei quattro brani.

Di “Tour Beats Vol. 1” viene pubblicata una versione in vinile 12”, il cui artwork è realizzato dalla Branch e le note interne da Rob Mazurek (Chicago Underground Quartet, Sao Paulo Underground, Exploding Star Orchestra), che sarà disponibile dal 25 settembre.

(16/09/2020)

  • Tracklist
  1. Bubble Under
  2. Isotope 420
  3. Radar Radio
  4. Soledad Saboteur


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.