Actress

Karma & Desire

2020 (Ninja Tune) | elettronica

La perpetua ricerca di un senso ai quesiti della vita umana. La solitudine come stato emotivo per captarne le frequenze d'onda. I tentativi di sviluppare un linguaggio in grado di dare forma alle sensazioni provate. Trovarsi presto impantanati in un mare di contraddizioni, a osservare l'eterna lotta tra la necessità di un rifugio spirituale e le innate pulsioni che spingono verso il contatto con altri esseri umani. L'elettronica come ultimo medium sonoro per illuminare tenuemente ogni anfratto esplorato durante il percorso. In due parole: "Karma & Desire".

In un 2020 letteralmente dominato dalla presenza di notiziari e opinioni altrui, Darren J. Cunningham sembra aver passato il tempo a guardarsi allo specchio, districandosi con indolenza tra i rumori delle proprie cuffie e inaspettati allunghi in remoto verso una variegata collaborazione esterna. Con una selezione di idee melodiche a cura dell'organista canadese Kara-Lis Coverdale, e il marchio Ninja Tune a sopravvedere le pubblicazioni, il producer britannico rispolvera ancora una volta suo alias più famoso - Actress - quello che peraltro doveva ritirare dalle scene anni fa. Del resto, contraddirsi è umano.
 
Per certi versi, "Karma & Desire" è un ascolto atipico anche per un tipo poco allineato come Actress; un album molto lento, spesso dolente e al contempo un po' cervellotico se vogliamo guardarne i risvolti più concettuali, una collezione di amorfe percezioni sensoriali più tipiche dell'ambient e dell'avantgarde che non rivolte al dancefloor. Tutte situazioni che l'autore, peraltro, ha imparato a conoscere durante il corso della propria carriera tramite collaborazioni prestigiose e inciuci col mondo dell'arte colta, ma che qui esplora con una personalissima quanto bizzarra e ancor più sfilacciata palette espressiva. 
Il pulviscolo digitale della doppietta "Angels Pharmacy" e "Remembrance", entrambe tratteggiate dal misterioso spoken word di Szela, svela un'innata dolcezza interiore, ma è un'illusione presto increspata dai misteriosi pattern di "Reverend", ben più tipici di una conversazione squisitamente cinica assieme a Terre Thaemlitz.

Ci sono poi momenti opprimenti e striati da una tristezza che mette il magone; il funebre andamento di "Save", incapace di liberarsi dal motivo armonico che lo tiene saldamente prigioniero al suolo, e gli otto minuti di "Many Seas, Many Rivers", con la presenza di un Sampha sostanzialmente dissanguato e smembrato di ogni vitalità soul. E ancora, "XRAY" è puro Burial, "Diamond X" è glitch su percussività deconstructed, "Leaves Against The Sky" mescola impalpabili partiture micro-house con l'angelica levità di Four Tet. Su "Public Life" Actress esplora una serie di ricami a cura della pianista classica toscana Vanessa Benelli Mosell, e il risultato è tanto astratto quanto intimamente emotivo come certi vellutati tocchi del "Felt" di Nils Frahm.
 
Si fa presto a perdersi, insomma, per quanto il buon assortimento della scaletta sia comunque in grado di garantire qualche sterzata di ritmo al momento giusto; la producer losangelina Aura T-09 allunga la mano a un paio di beat di estrazione tech-house su "Loveless" e sulla più tersa e palleggiante "Turin", mentre, con una tremolante Christel Well alla voce, Actress prova a smuovere la pista col timido e sbertucciato ritmo house di "Loose", ma si ha l'impressione di essere piombati nel bel mezzo dei provini in studio di Tirzah.

Non si può nascondere un vago senso d'insofferenza per un lavoro che continua imperterrito a sfuggire di mano anche dopo ripetuti ascolti. Chiude infatti le danze il singolo di lancio "Walking Flames", sempre con Sampha alla voce: un bozzetto appena accennato, dalla costruzione minimale e presenza umana invisibile, forse elegante come Herbert ma anche dannatamente timido come Nosaj Thing
Su "Karma & Desire" l'introversione di Actress sa quasi di autismo, che può benissimo essere tanto un demerito per l'ascoltatore casuale quanto il principale motivo di fascino per un lavoro che fa dell'idea e dell'atmosfera il centro del proprio universo.
La mano è sempre quella, il cuore pure, ma chissà dov'è adesso la testa di Actress?

(04/12/2020)

  • Tracklist
  1. Fire And Light
  2. Angels Pharmacy feat. Szala
  3. Remembrance feat. Szala
  4. Reverend
  5. Leaves Against The Sky
  6. Save
  7. VVY feat. Sampha
  8. XRAY
  9. Gliding Squares
  10. Many Seas, Many Rivers feat. Sampha
  11. Loveless feat. Aura T-09
  12. Public Life feat. Vanessa Benelli Mosell
  13. Fret
  14. Loose feat. Christel Well
  15. Turin feat. Aura T-09
  16. Diamond X
  17. Walking Flames feat. Sampha
Actress su OndaRock
Recensioni

ACTRESS

Ghettoville

(2014 - Werk)
Il nuovo (e ultimo?) lavoro del sibillino e chiacchierato producer inglese

ACTRESS

R.I.P.

(2012 - Honest Jon's)
Il terzo album conferma l'eccellenza del producer tech-house londinese

News
Actress on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.