Field Music

Making A New World

2020 (Memphis Industries) | prog-pop, art-pop-rock

Non è la prima volta che i Field Music legano la loro musica a un progetto storico-filmico sull’esperienza traumatica della Prima guerra mondiale. Già nel 2017 il regista Esther Johnson con l’utilizzo di filmati d’archivio realizzò un ambizioso progetto filmico/musicale, “Asunder”, coinvolgendo la band dei fratelli Brewis nonché gli ingegnosi Warm Digits nell’allestimento della colonna sonora.
Non sorprende, dunque, la scelta dell’Imperial War Museum di trascinare nuovamente i Field Music in un concept-album legato a un capitolo della storia contemporanea ritornato prepotentemente agli onori della cronaca (il film “1917”), ed è per molti versi evidente come ben poche band avrebbero potuto affrontare una simile sfida senza cadere nelle secche della prevedibilità e degli eccessi narrativi.

Per la realizzazione di “Making A New World” la band ha modificato in parte l’approccio creativo: la peculiarità dei testi e l’esigenza di collegare musica e immagini (il 31 gennaio del 2019 la band ha eseguito l’intero album nell’ambito delle manifestazioni organizzate dall’Imperial War Museum) hanno spinto i fratelli Brewis verso nuove morfologie creative, al punto che il progetto iniziale comprendeva una più cospicua presenza di brani strumentali, poi sacrificati per un approccio vivido e diretto.
Alla fine la natura pop-rock-prog dei Field Music ha preso il sopravvento e le strutture ritmiche alla Talking Heads e le laboriose tessiture armoniche alla Robert Fripp/Xtc hanno modellato l’atipica suite in diciannove frammenti di “Making A New World”.

Durano meno di un minuto i due brani strumentali che introducono l’album, “Sound Ranging” e “Silence/After The Fact”, tra colpi d’artiglieria trasformati in vibrazioni sonore e silenzi che comunicano sgomento e terrore più di mille parole. Dato il La, i Field Music filtrano con la loro tipica sensibilità musicale storie e aneddoti sulla Prima guerra mondiale e le sue conseguenze.
Musicalmente l’album scivola dallo splendore pop-prog alla Peter Gabriel di “Best Kept Garden” verso le malinconiche pagine psichedeliche di “I Thought You Were Something Else”, o eterei e onirici frammenti poetici (“From A Dream, Into My Arms”).
Il tono generale del progetto è vivace, vibrante, scosso da intelligenti accenni funk (“Money Is A Memory”), alchimie jazz degne degli Steely Dan (“I Thought You Were Something Else”) e interessanti digressioni di elettronica vintage (“A Common Language Pt. 1”, “A Common Language Pt. 2”).

Insoliti scenari tematici rendono ancor più obliquo il flusso narrativo dell’album: la band analizza le strane connessioni tra le sperimentazioni scientifiche in tempo di guerra e le conseguenze sulle conquiste mediche dell'era moderna, prima con un poetico racconto, sottolineato da un’incantevole sequenza di accordi di piano, sulle prime tecniche di innesto cutaneo e le attuali pratiche mediche per il cambio di genere (“Change Of Heir”), poi con un brioso tocco ritmico stile Talking Heads, al quale la band affida il resoconto dello strambo legame tra le medicazioni chirurgiche e i moderni assorbenti femminili (“Only In A Man's World”).
E’ affascinante la modalità con la quale la band ha affrontato l’arduo compito. La suggestione delle immagini (purtroppo non disponibili) è sviscerata con un piglio quasi teatrale, che ancora una volta tira in ballo le visioni di Van Dyke Parks e le geometrie dei Gentle Giant (“Between Nations”), scomodando perfino il fantasma di Robert Wyatt nell’enigmatico finale, dove riecheggia l'incubo della Brexit (“An Independent State”).

Audace, ingegnoso, a suo modo anche inquietante, “Making  A New World” non è il progetto più immediato o accattivante dei Field Music. La frammentazione in diciannove capitoli sacrifica parte del fascino, ma l’insieme, al di là delle pur importanti tematiche, è una delle pagine più raffinate della discografia del gruppo di Newcastle. Un progetto destinato a influenzare le future evoluzioni dei fratelli Brewis.

(14/01/2020)



  • Tracklist
  1. Sound Ranging
  2. Silence / After The Fact
  3. Coffee Or Wine
  4. Best Kept Garden
  5. I Thought You Were Something Else
  6. Between Nations
  7. Change Of Heir
  8. Do You Read Me?
  9. From A Dream, Into My Arms
  10. Beyond That Of Courtesy
  11. A Shot To The Arm
  12. A Common Language Pt. 1
  13. A Common Language Pt. 2
  14. Nikon Pt. 1
  15. Nikon Pt. 2
  16. If The Wind Blows Towards The Hospital
  17. Only In A Man's World m
  18. Money Is A Memory
  19. An Independent State






Field Music su OndaRock
Recensioni

FIELD MUSIC

Open Here

(2018 - Memphis Industries)
L’evoluzione definitiva dei fratelli Brewis verso un moderno e fantasioso pop-prog

FIELD MUSIC

Commontime

(2016 - Memphis Industries)
I fratelli Brewis sulle orme dei fratelli Shulman

FIELD MUSIC

Plumb

(2012 - Memphis Industries)
Il quarto album dei fratelli Brewis, in bilico tra l'omaggio al pił classico prog e la ricreazione di ..

FIELD MUSIC

Play

(2012 - Memphis Industries)
Un cover album che diventa un esercizio di riscrittura pop

FIELD MUSIC

Field Music (Measure)

(2010 - Memphis Industries)
L'atteso ritorno della band dei fratelli Brewis e del loro raffinato prog-pop

FIELD MUSIC

Write Your Own History

(2006 - Memphis Industries)
La prima raccolta dei Field Music ad un solo anno dall'esordio

FIELD MUSIC

Field Music

(2005 - Memphis Industries)

News
Field Music on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.