King Gizzard & The Lizard Wizard

Butterfly 3000

2021 (KGLW) | psych-pop, elettro-pop

La cadenza con la quale spuntano nuovi album dei King Gizzard & The Lizard Wizard è ormai simile a quella dei bollettini informativi sull’evoluzione della pandemia da Covid-19. Il rischio di essere ormai completamente assuefatti all’iperproduttività della band è forte, ed è quindi prevedibile che una buona percentuale delle persone potenzialmente interessate a “Butterfly 3000” dopo una scorsa al voto in cima alla recensione passi alla lettura di altro.

Peccato, perché il diciottesimo album in studio - quelli live sono ormai fuori da ogni dimensione temporale - è diverso da qualsiasi lavoro messo in atto finora dalla spregiudicata band australiana.
Stu Mackenzie e compagni esplorano un altro ramo dell’immenso albero madre della psichedelia, mettendo a riposo, ma non del tutto, chitarre elettriche ed acustiche e anche la sezione fiati, reinventandosi infine come figli scapestrati dei Tame Impala o dei Dungen, gettando nella mischia loop, bip, synth di varia specie, mellotron, e, dio li benedica, percussioni e batterie dalle fattezze naturali.

Le già collectable versioni in vinile sono questa volta ben 33, ovvero tre varianti, Caterpillar Red, Butterfly Blue e Chrysalis Yellow, che vanno moltiplicate per le undici diverse pubblicazioni in altrettante lingue (tedesco, italiano, olandese, francese, olandese, turco, russo, cinese, giapponese, tailandese, hindi).
Se non siete già partiti a caccia delle varie edizioni sul web, proverò umilmente a descrivere il contenuto dell’album forse più spensierato e giocoso della band australiana, potenziale omologo di “Paper Mâché Dream Balloon”, ovvero l’altro album pop dei King Gizzard, ma in quel caso era la musica beat l’oggetto del contendere. Ed è proprio la scrittura il primo elemento a favore di “Buttefly 3000”, il sapiente e intelligente versante pop di Stu MacKenzie e soci ben si adatta a questa psichedelia in salsa MIDI.

Il trittico iniziale (“Yours”, “Shanghai”, “Dreams”) è un frizzante campionario di pop elettronico che ha nell’eccentrica “Shanghai” la vera punta di diamante del disco, un’inattesa discesa nel mondo j-pop alla Flaming Lips che anticipa le meraviglie di “Catching Smoke”, un brano che appaga il sogno dei fan dei Kraftwerk e della Yellow Magic Orchestra: sei minuti e mezzo di synth-pop che valicano i confini della psichedelia sequestrando anche alcune vibrazioni hip-hop.
Credo che neanche i Panda Bear siano stati così abili nel far lievitare elettronica e diavolerie synth-pop con tanta agilità e lucidità progettuale: quando la voce zuccherina e in costante falsetto di Stu prende per mano le poche pulsanti note di “Blue Morpho”, il flusso di emozioni è travolgente, un‘autentica trance psichedelica.

Non è comunque facile accettare tout-court il nuovo album degli australiani, il cliché ritornello-break-ritornello è apparentemente troppo semplicistico, le pulsanti note dance-dub di “2.02 Killer Year” e la ruffiana gradevolezza della title track sono oltremodo fuorvianti; in converso, la più profonda sostanza armonica pop-prog alla Peter Gabriel/Neu! di “Interior People” e le oscure rimembranze microtonali di “Black Hot Soup” rimettono tutto in discussione, inducendo a un più attento ascolto dell’insieme.

“Butterfly 3000” è un album che ha l’identica stravaganza creativa dei T-Rex. Nello stesso tempo, i King Gizzard & The Lizard Wizard mettono in gioco il loro lato pop alla maniera dei Yes di “90125” o dei Go-Kart Mozart (il brillante progetto pop dell’ex-Felt, Lawrence) e ostentano un’attitudine elettronica alla Hawkwind, portando a termine un altro tassello di una produzione sempre più sfaccettata. Un disco ricco di slanci creativi, che ancora una volta funziona da perfetta panacea alla rigidità progettuale di molta musica rock contemporanea.

(30/06/2021)

  • Tracklist
  1. Yours
  2. Shanghai
  3. Dreams
  4. Blue Morpho
  5. Interior People
  6. Catching Smoke
  7. 2.02 Killer Year
  8. Black Hot Soup
  9. Ya Love
  10. Butterfly 3000




King Gizzard & The Lizard Wizard su OndaRock
Recensioni

KING GIZZARD & THE LIZARD WIZARD

L.W.

(2021 - Flightless)
Album in studio numero 17 e terzo, definitivo capitolo di musica microtonale per il gruppo psych-rock ..

KING GIZZARD & THE LIZARD WIZARD

Chunky Shrapnel

(2020 - KGLW/Flightless)
Il documento ufficiale della band di Stu MacKenzie dopo i tre album live per raccogliere fondi per i ..

KING GIZZARD & THE LIZARD WIZARD

K.G.

(2020 - KGLW)
Dopo sei album live e una raccolta di demo, la band australiana torna a incidere nuovo materiale ..

KING GIZZARD & THE LIZARD WIZARD

Fishing For Fishies

(2019 - Flightless)
Partendo da jam session blues, gli australiani realizzano il loro album pop

KING GIZZARD & THE LIZARD WIZARD

Infest The Rats' Nest

(2019 - Ato)
Quota quindici per gli australiani, questa volta alle prese con il thrash-metal e una inedita formazione ..

KING GIZZARD & THE LIZARD WIZARD

Flying Microtonal Banana

(2017 - Heavenly)
Il primo dei 5 album che la band australiana promette di pubblicare nel 2017

KING GIZZARD & THE LIZARD WIZARD

Murder Of The Universe

(2017 - Heavenly)
Terrore dallo spazio profondo per i maestri della nuova psichedelia australiana

KING GIZZARD & THE LIZARD WIZARD WITH MILD HIGH CLUB

Sketches Of Brunswick East

(2017 - Heavenly)
La pubblicazione in cd/Lp del disco estivo offre nuove chiavi di lettura per la band australiana

KING GIZZARD & THE LIZARD WIZARD

Polygondwanaland

(2017 - Heavenly/Blood Music)
Il progressive rock si impossessa della funambolica mistura psichedelica della band australiana

KING GIZZARD & THE LIZARD WIZARD

Gumboot Soup

(2017 - Heavenly)
Il quinto tassello del folle progetto della band australiana, anticipato da una pubblicazione solo in ..

KING GIZZARD & THE LIZARD WIZARD

Nonagon Infinity

(2016 - Heavenly Recording)
Un'eclatante conferma in chiave hard-rock per il gruppo australiano

KING GIZZARD & THE LIZARD WIZARD

Oddments

(2014 - Flightless)
La rivoluzionaria bizzarria psichedelica della band australiana

KING GIZZARD & THE LIZARD WIZARD

I'm In Your Mind Fuzz

(2014 - Heavenly Recordings)
Prosegue la trance psichedelica del gruppo australiano

News
Live Report
King Gizzard & The Lizard Wizard on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.