Motorpsycho

Kingdom Of Oblivion

2021 (Stickman) | psych-rock, progressive

I Motorpsycho sono ormai una leggenda del psych-rock. Prolifici e instancabili come sempre, tornano dopo la recente “Gullvåg Trilogy” con “Kingdom Of Oblivion”, nuova perla della loro sterminata discografia. Psichedelia, progressive, psych-folk e tracce doom continuano a intrecciarsi per creare sonorità costantemente interessanti, anche se certamente non nuove. Una ricetta inossidabile che fa mantenere livelli qualitativi davvero invidiabili.

“Kingdom Of Oblivion” nasce sulla scia del grandioso “The All Is One”, ripetendone forse gli stessi difetti (l'eccessiva lunghezza, settanta minuti), ma ricalcandone anche i pregi, pur senza raggiungere l’apoteosi della suite “N.O.X”. 
Nei dodici brani spiccano di sicuro i più lunghi, quelli che più si avvicinano all'idea di suite con variazioni di tempi e complessità crescente. La title track ne è un esempio, dal riff sabbathiano al susseguirsi più tipicamente prog con melodie azzeccate e afflati epici.

L'apoteosi si raggiunge però in “The Transmutation Of Cosmoctopus Lurker”, vertice di complessità, di tempi cangianti e aggressività prog-metal. Un hard-rock evoluto senza palesi rimandi a band particolari (a differenza di altri) è presente nella notevole “The Waning”, divisa in due parti, e in “The United Debased” abbastanza vicina al sound dei Deep Purple.
Da segnalare anche “At Empire’s End”, brano sospeso tra prog e neo-prog (un po’ Yes, un po’ Porcupine Tree), in perfetto equilibrio tra le due influenze.

Per il resto tanti brani acustici brevi (tra questi il tipico psych-folk in stile Byrds “Lady May”) e una cover angosciante degli Hawkwind dallo storico Lp “Doremi Fasol Latido” (“The Watcher”, l'unico brano dell'album scritto da Lemmy Kilmister).

(12/05/2021)

  • Tracklist
  1. The Waning Pt. 1&2
  2. Kingdom Of Oblivion
  3. Lady May 1
  4. The United Debased
  5. The Watcher
  6. Dreamkiller
  7. Atet
  8. At Empire’s End
  9. The Hunt
  10. After The Fair
  11. The Transmutation Of Cosmoctopus Lurker
  12. Cormorant
Motorpsycho su OndaRock
Recensioni

MOTORPSYCHO

The All Is One

(2020 - Stickman)
La storica band norvegese chiude la trilogia con una monumentale suite di quarantadue minuti

MOTORPSYCHO

The Crucible

(2019 - Stickman Records)
Un ritorno a buoni livelli per la storica band norvegese

MOTORPSYCHO

The Tower

(2017 - Stickman)
Ritorno al disco doppio di jam rocciose per i tre norvegesi

MOTORPSYCHO

Here Be Monsters

(2016 - Stickman)
Prosegue senza cedimenti l'enciclopedica saga psych-rock del trio norvegese

MOTORPSYCHO

Supersonic Scientists

(2015 - Stickman)
Doppia retrospettiva per festeggiare il traguardo dei 25 anni di attività

MOTORPSYCHO

Behind The Sun

(2014 - Stickman)
Ennesimo superbo lavoro per la band norvegese, al traguardo dei 25 anni di attività

MOTORPSYCHO

Still Life With Eggplant

(2013 - Stickman)
Il ritorno verso territori hard-psichedelici per la band-istituzione norvegese

MOTORPSYCHO

The Death Defying Unicorn

(2012 - Rune Grammofon)
Il trionfo symphonic-prog della storica formazione norvegese, tra fughe strumentali e radure chamber-jazz ..

MOTORPSYCHO

Heavy Metal Fruit

(2010 - Rune Grammofon)
La band norvegese ritorna con un disco ancora più "pesante"

MOTORPSYCHO

Child Of The Future

(2009 - Rune Grammofon)
Un lavoro pubblicato soltanto su vinile per festeggiare i vent'anni di attività della band ..

MOTORPSYCHO

Little Lucid Moments

(2008 - Rune Grammofon)
Torna il gruppo norvegese, tra psichedelia pesante e avventurose jam

MOTORPSYCHO

Black Hole / Blank Canvas

(2006 - Stickman)
La truppa motorpsichedelica si cimenta in un album doppio

MOTORPSYCHO

It's A Love Cult

(2002 - Stickman)

News
Live Report
Motorpsycho on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.