Classifiche e Playlist

Il suono sopra Berlino

Musica e storie dalla cittą del Muro

di Claudio Fabretti

Poche città come Berlino hanno saputo suggestionare e influenzare la musica degli ultimi cinquant'anni, divenendone al tempo stesso una preziosa incubatrice. Da qui il senso di una playlist molto eterogenea, che spazia tra i generi attraverso l'unico filo rosso del senso di appartenenza alla città del Muro: dai corrieri cosmici (Tangerine Dream, Schulze) all'underground (Hagen, Malaria!, Einstürzende Neubauten), dalle icone del rock mondiale trasferitesi in città (Bowie, Pop, Cave, Depeche Mode, U2, Rem) all'inconfondibile marchio techno dei 90's (DJ Hell, Kalkbrenner, Ellen Allien, Apparat) fino al cabaret decadente della nuova musa Andrea Schroeder.

 

Bowie - Fripp - Thurston - Eno agli Hansa Studios


Berlino, città-simbolo della Guerra Fredda, dell'Europa lacerata, dei due blocchi contrapposti - RFT vs. DDR, Nato vs. Patto di Varsavia - con il Muro a suggellare fisicamente la divisione. Berlino metropoli delle avanguardie e culla della rinascita tedesca, dopo il crollo della sua odiosa barriera e la riunificazione delle due Germanie. Una metropoli magnetica e affascinante che ha sfornato a ciclo continuo nuove tendenze e scene musicali, ma che ha anche attirato innumerevoli artisti dal resto del mondo. Una mecca della musica, con i suoi festival, i suoi club, la sua scena vivacissima.

 

Abbiamo cercato di raccontarla in musica in questa playlist, ripercorrendo alcune delle sue principali evoluzioni sonore, attraverso i suoi figli naturali e quelli adottivi. Dalle "porte del cosmo che stanno su in Germania" (cit. Finardi), aperte dai corrieri cosmici berlinesi Tangerine Dream e Klaus Schulze, ai germi punk e industrial della sua ricchissima scena underground (Nina Hagen, Malaria!, Einstürzende Neubauten), dagli omaggi appassionati di Lou Reed, Milva/Battiato e Alphaville alle icone rock che hanno messo radici in città per un periodo (David Bowie, Iggy Pop, Nick Cave, Depeche Mode, U2, Rem) fino all'inconfondibile marchio techno post-riunificazione dei 90's (DJ Hell, Kalkbrenner, Ellen Allien, Apparat) e al cabaret decadente della nuova musa, la sublime poetessa rock Andrea Schroeder.

 

Nick Cave - Il cielo sopra Berlino


Ecco allora questo lungo viaggio che attraversa i decenni e ripercorre le atmosfere delle varie epoche, senza dimenticare date (come il 9 novembre 1989, giorno della caduta del Muro, o il 3 ottobre 1990, suggello alla riunificazione tra le due Germanie), eventi e luoghi, dal famigerato zoo, teatro della tragica storia di Christiane F. (riportata sul grande schermo da un film cui prese parte anche David Bowie), ai quartieri cool di Schöneberg e Kreuzberg, da Alexanderplatz alla Potsdamer Platz devastata, dal tempio degli Hansa Studios by The Wall (culla della trilogia berlinese di David Bowie e Brian Eno e di altri innumerevoli progetti musicali) agli storici club Zodiak Free Arts Lab, Dschungel, Ex’n’Pop, Risiko, Tresor. Un percorso che si intreccia inevitabilmente con altre arti, da quelle visive alla poesia, dal teatro di Bertolt Brecht al cinema di Wim Wenders e alle sue indimenticate colonne sonore.



su OndaRock