Depeche Mode

Playing The Angel

2005 (Mute) | synth-pop

Domanda retorica: i Depeche Mode devono forse ancora convincere qualcuno di essere band capace come poche altre di unire un indiscutibile, e mai scontato, appeal commerciale e una reale, ed elevata, qualità artistica? Se la vostra risposta è "sì", peggio per voi. In caso contrario, allora a maggior ragione possiamo gioire e stupirci di fronte a questo loro undicesimo album.

Stupore, sì: perché stupisce ritrovare con un disco così questi tre ormai sereni, eleganti e sorridenti signori ultra-quarantenni che potrebbero benissimo vivacchiare sulla loro fama, come fanno quasi tutti i gruppi loro coetanei ancora in circolazione e come sembrava fossero destinati a fare anche loro stessi, a giudicare dall'ultimo "Exciter" (2001), disco sì piacevole ma nel complesso stiracchiato e smarrito. E invece "Playing The Angel" ci fa tirare un gran sospiro di sollievo, ci dice che il trio ha prontamente trovato ancora nuove ispirazioni e nuovi stimoli.
Da quella formidabile fabbrica di straordinari singoli che sono sempre stati i Depeche Mode in effetti, la riuscita del disco la si poteva intuire già dalle primissime apparizioni on-air della clamorosa "Precious". Brano che è già degno di figurare tra i loro classici, e che faceva oltretutto intuire (o è meglio dire sperare?) un ritorno del gruppo alla sua vera e unica identità sonora: ovvero synth come se piovesse e melodie di impareggiabile fluidità ed eleganza, rese ancor più preziose dalla voce di un Dave Gahan sempre più composto, espressivo, perfetto. Ma i DM fanno ancora di più e malgrado le loro dichiarazioni circa una svolta più "ottimista" del loro sound, eccoli che pubblicano quello che forse è addirittura il loro disco più grave e claustrofobico.

L'arrangiamento di tutti i brani è affidato nella sua quasi totalità a un'elettronica densa e pesante, a dominare è un mood cupamente introverso come e più che in "Ultra", grande album che nel 1997 tentò un'operazione simile, ma allora il gruppo e soprattutto Gahan si portava sulla schiena ancora troppi spettri del passato. Ad accoglierci c'è subito una canzone che più Depeche non si può, "A Pain That I'm Used To" e ancora più inconfondibile è il loro marchio in "John The Revelator", inno à-la Bowie scandito da ritmi sferraglianti come nemmeno ai tempi di "Speak And Spell", e soprattutto nella splendida "Suffer Well".

Ma quando arriva la malinconia luminosa di "Precious" ci accorgiamo che in realtà nel disco il bellissimo singolo funge da contrappeso a pezzi meccanici e ossessivi come "The Sinner in Me" (quasi una nuova "Barrel of a Gun"), e altri immersi in una penombra insondabile. Penombra che avvolge un brano da lacrime agli occhi come "Nothing's Impossible", che quanto avrebbe ben figurato in un "Black Celebration" o in un "Violator"... E penombra avvolge anche la finale e fluttuante "Darkest Star" e l'accorata "Macro", brano nel quale Martin Gore (come sempre autore di tutte le canzoni) si cimenta anche alla voce, e la foxxiana "I Want It All", gioiello di atmosfera.

Alla fine, dopo una foresta di effetti sonori da brivido come "Damaged People", il brano più prevedibile del lotto è il pur scintillante elettro-pop "Lillian", esempio perfetto di ciò che sarebbe stato lecito aspettarsi dai Depeche nel 2005. E invece loro spiazzano con un album sorprendente e coraggioso, trovando un equilibrio perfetto tra passato e presente. Che non è poco, anzi. Chiedere agli ultimi Cure o ancora di più agli ultimi New Order, per esempio, se è cosa facile. "Playing The Angel" convince in pieno e ci consegna un gruppo in forma smagliante, ancora vivo e, cosa più importante, ancora vitale.

(18/10/2005)

  • Tracklist
  1. A Pain That I'm Used To
  2. John The Revelator
  3. Suffer Well
  4. The Sinner In Me
  5. Precious
  6. Macrovision
  7. I Want It All
  8. Nothing's Impossible
  9. Introspectre
  10. Damaged People
  11. Lilian
  12. The Darkest Star
Depeche Mode su OndaRock
Recensioni

DEPECHE MODE

Spirit

(2017 - Columbia/Sony)
Il trio di Basildon si interroga sulla rivoluzione e sullo spirito del nostro tempo nel 14° disco ..

DEPECHE MODE

Delta Machine

(2013 - Columbia)
I paladini del synth-pop tornano all'insegna di un blues elettronico e introverso

VCMG

SSSS

(2012 - Mute)
Un'immersione nella techno più nostalgica per la riconciliazione tra Vince Clarke e Martin Gore ..

DEPECHE MODE

Sounds Of The Universe

(2009 - Mute)
Il ritorno al passato di Gore e Gahan, per un omaggio al futurismo synthetico anni 70/80

DEPECHE MODE

Violator

(1990 - Mute)
Usciti dal decennio d'oro del synth-pop, i Depeche Mode si rilanciano, firmando la loro assicurazione ..

DEPECHE MODE

Black Celebration

(1986 - Mute)
Il disco che corona i primi anni di esperimenti synth-pop del duo di Basildon, qui virato in chiave oscura ..

News
Live Report
Speciali

Depeche Mode on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.