Rome

The Lone Furrow

2020 (Trisol) | neofolk

Con quindici anni di onorata carriera e un numero considerevole di uscite discografiche alle spalle, è incredibile come Jérôme Reuter, in arte Rome, riesca ancora a sorprendere centrando il bersaglio con lavori di assoluto spessore culturale. I suoi dischi riescono nel complesso tentativo di ridefinire il campo del neofolk senza aver paura di andare oltre i confini del genere. Il nuovo album del musicista lussemburghese, “The Lone Furrow”, è una lucida critica al mondo moderno, un vero e proprio atto di resistenza nell'era del Kali Yuga, ovvero quella che nella visione induista viene considerata un’età di conflitti, menzogna e declino spirituale.
Come ne “Le ceneri di Heliodoro”, assistiamo a un ritorno a quel neofolk dai tratti marziali che ricorda la trilogia di album (più l’Ep “Berlin”) che aveva lanciato brillantemente la carriera di Reuter attraverso la leggendaria label svedese Cold Meat Industry. Si tratta però di una sorta di “ripetizione differente”, che incorpora un mosaico di suggestioni e, in questo caso particolare, presenta anche una serie di collaborazioni eccellenti. Stilisticamente è un disco in puro stile Rome, ma con interessanti derive dovute alle molte voci ospiti che qui arricchiscono il suo sound senza mai snaturarlo.

Iniziamo subito dalla collaborazione con lo scrittore, musicista e regista finlandese Aki Cederberg. Tempo fa Cederberg scrisse un bellissimo libro, purtroppo ancora inedito in Italia, intitolato “Journeys in the Kali Yuga: A Pilgrimage from Esoteric India to Pagan Europe”, sorta di diario del suo viaggio/pellegrinaggio in India alla ricerca delle proprie radici “indoeuropee”, quella visione culturale che lega mitologia e religione indiana con quella europea e scandinava, sorta di antidoto spirituale per superare i vicoli ciechi della modernità. Sembra che libro sia piaciuto molto a Reuter ed è proprio la voce dell’artista finlandese ad aprire il disco con “Masters Of The Earth”, feroce invettiva contro una modernità che si nasconde dietro falsi miti di progresso per strangolare il mondo.
Dopo la bella “Tyriat Sig Tyrias”, presentata nelle note che accompagnano l'album con le parole del poeta Ezra Pound (“Out of all this beauty somenthing must come”), è la volta di “Ächtung, Baby”, collaborazione d’eccellenza con Alan Averill, cantante della band black metal irlandese Primordial. Si tratta del primo singolo che anticipava l’uscita di “The Lone Furrow”. Il titolo gioca evidentemente con il nome dell’album degli U2, ma le similitudini con la band irlandese si fermano qui. Le parole del ritornello da sole valgono un’intera discografia neofolk:

We preserve the fire
We protect the flame
Our Gods eternal
Go by different names

Segue il breve recitato (ma non per questo meno acuto) di “Making Enemies In The New Age”, che si avvale della collaborazione di Joseph Rowland della band doom metal statunitense Pallbearer. Tra citazioni di Orwell e visioni distopiche tristemente realistiche e attuali, si crea così il perfetto preludio alla successiva “The Angry Cup”, che vede come ospite Adam Darski, meglio conosciuto come Nergal, musicista polacco frontman del gruppo black/death metal Behemoth. Di recente Nergal ha anche solcato inediti lidi folk/country con il suo progetto Me And That Man e qui respiriamo un po’ quell’aria polverosa, cupa e arrabbiata che ci ricorda non poco Nick Cave & The Bad Seeds (quelli dei tempi selvaggi di “The Firstborn Is Dead”, sia chiaro). Segue “The Twain”, traccia ispirata agli scritti di Rudyard Kipling, che guarda al Rome più cantautorale e solenne.
La prima parte del disco si conclude con “Kali Yuga Über Alles” secondo splendido singolo tratto dall’album. Tornano la voce e le parole di Aki Cederberg, qui supportate da quelle di Reuter e da pesanti e implacabili tamburi marziali. Il titolo è un riferimento ironico al celebre brano dei Dead Kennedys, “California Über Alles”, mentre il testo è ispirato in parte agli scritti di Ovidio. Assieme ad “Ächtung, Baby”, è uno dei vertici del lavoro. Due brani che sicuramente rimarranno impressi a fuoco nella discografia di Rome.

La seconda parte del disco si apre con “The Weight Of Light”, un recitato ispirato dalle riflessioni di Friedrich Nietzsche. Una traccia densa di visioni mistiche che si agitano su un tappeto ambient e poi sfumano sulle delicate note di piano di “The Lay Of Ira”, le cui parole emergono dalle suggestioni dello scrittore islandese Snorri Sturluson. Quest’ultima vede la partecipazione di J.J. (V. Wahntraum) cantante degli Harakiri for the Sky, qui a dar man forte al lussemburghese.
“On Albion’s Plan” s’immerge di nuovo nelle suggestioni irlandesi alla base delle melodie folk dell’album “The Dublin Session”, mentre “Palmyra” è, assieme ai due singoli, un altro pilastro portante del lavoro. La canzone, che vede la partecipazione di Laure le Prunenec (Igorrr/Rïcïnn), è dedicata al sito archeologico violato dai miliziani jihadisti nel vano tentativo di cancellare le tracce di un mondo antico e fieramente pagano/euroasiatico che aveva proprio in quelle zone una delle sue culle millenarie. Un modus operandi tristemente simile a certe aberrazioni della modernità che si scagliano contro le statue del passato per imporre il proprio pensiero unico e universalista sul mondo globale. La canzone è recitata in perfetto francese e riesce a creare un’atmosfera al tempo stesso triste ma solenne, come l’epitaffio di un mondo antico che risorge sempre dalle proprie ceneri e dalla polvere della storia.

Chiude il tutto “Obsidian”, un bell’omaggio a Ernst Jünger cantato in tedesco. Di recente Reuter ha realizzato "Gärten Und Strassen", un album stumentale di puro cut-up martial ambient, interamente dedicato all'esperienza francese dell'intelletuale tedesco durante il secondo conflitto mondiale. Segue “A Peak of One’s Own”, sorta di outro che riprende il tema del Kali Yuga, dell’età oscura in cui viviamo. È un tempo ciclico in cui contrappore al mare d’ignoranza, confusione e isteria un sorriso dall’alto, in piedi sulle rovine di questa modernità al tramonto.
Grazie Jérôme per questo solco profondo, corale più che solitario, da tracciare nella sabbia dei tempi.     

(31/08/2020)



  • Tracklist
  1. Masters Of The Earth (ft. Aki Cederberg)
  2. Tyriat Sig Tyrias
  3. Ächtung, Baby! (ft. Alan Averill of Primordial)
  4. Making Enemies In The New Age (ft. Joseph D. Rowland of Pallbearer)
  5. The Angry Cup (ft. Adam Nergal Darski of Behemoth/Me and That Man)
  6. The Twain
  7. Kali Yuga Über Alles
  8. The Weight Of Light
  9. The Lay Of Iria (ft. J.J. of Harakiri For The Sky)
  10. On Albion’s Plain
  11. Palmyra (ft. Laure Le Prunenec of Ricinn)
  12. Obsidian
  13. A Peak Of One’s Own
Rome su OndaRock
Recensioni

ROME

Le Ceneri di Heliodoro

(2019 - Trisol)
Jérôme Reuter realizza una poetica meditazione sulla crisi che attanaglia il continente ..

ROME

The Dublin Session

(2019 - Trisol)
L’artista lussemburghese per la prima volta alle prese con la musica folk irlandese

ROME

Hall Of Thatch

(2018 - Trisol)
Jérôme Reuter torna con un nuovo disco per Trisol, ispirato a un viaggio in Vietnam

ROME

The Hyperion Machine

(2016 - Trisol)
Il ritorno di Jerome Reuter, cantore neofolk del nuovo millennio

ROME

A Passage To Rhodesia

(2014 - Trisol)
Il lussemburghese torna con un concept sulla breve ma tormentata storia della Rhodesia

ROME

Hell Money

(2012 - Trisol)
La definitiva metamorfosi cantautorale del principe del neo-folk

ROME

Die Aesthetik Der Herrschaftsfreiheit

(2011 - Trisol)
L'opera monumentale e instabile dell'artista lussemburghese

ROME

Flowers From Exile

(2009 - Trisol)
Puntuale nuova uscita per il prolifico progetto dark-folk del songwriter Jerome Reuter

ROME

Masse Mensch Material

(2008 - Cold Meat Industry)
La dark-wave dell'artista lussemburghese, alla terza prova

ROME

Confessions d'un Voleur d'Ames

(2007 - Cold Meat Industry)
Secondo, intenso album per la nuova stella della scena dark europea



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.