Rock in Onda

Cover me

Quando la copia vale l'originale

di Claudio Fabretti
Le cover più riuscite della storia del rock al centro della nuova puntata di Rock in Onda, il programma condotto da Claudio Fabretti tutti i mercoledì dalle 12 alle 14 sulle web-frequenze di Radio Città Aperta (www.radiocittaperta.it).
Nella seconda parte, tra gli altri, Talking Heads, U2, Patti Smith, Johnny Cash, Marc Almond, Bryan Ferry, David Bowie, Sisters Of Mercy, Nine Inch Nails, Nirvana, Lana Del Rey e Anna Calvi.

Ascolta o scarica gratuitamente il podcast:


Cover Me - Parte 2



Cover Me - Parte 1

Donare una seconda vita a un brano, facendone di fatto una canzone nuova. Forse è questa la vera missione delle cover, che da sempre accendono la fantasia degli artisti di ogni epoca e genere. Ne abbiamo raccolte 42 in questa doppia puntata, intitolata "Cover Me", cercando di offrire una selezione delle più esaltanti reinterpretazioni della storia del pop-rock, filtrata ovviamente attraverso i nostri gusti e le nostre prospettive, senza alcuna pretesa di oggettività.

Ecco allora un affascinante percorso che parte dai ruggenti Sixties di Animals e Creedence Clearwater Revival - alle prese con due classici leggendari come "The House Of The Rising Sun" e "I Put A Spell On You", di cui realizzeranno le versioni definitive - ma anche di straordinarie voci come quelle di Aretha Franklin ("Respect"), Marvin Gaye ("I Heard It Through The Grapevine") e Jim Morrison ("Alabama Song"), per approdare alle straordinarie performance di assi della chitarra come Jimi Hendrix alle prese con Dylan ("All Along The Watchtower") e Santana alle prese con i Fleetwood Mac ("Black Magic Woman").
Quindi, all'alba del decennio successivo, l'ultimo canto disperato di Janis Joplin ("Me And Bobby McGee"), poi la sensualità selvaggia di Grace Jones che stravolge un classico di Edith Piaf ("La Vie En Rose"), un romantico Art Garfunkel ("I Only Have Eyes For You"), gli strepitosi Stranglers in versione bacharachiana ("Walk On By"), con le loro tastiere scintillanti, e gli oltraggiosi Sex Pistols trascinati da Sid Vicious nella devastazione di "My Way", con buona pace di zio Frankie Sinatra.
Negli Ottanta sintetici trovarono invece nuova linfa classici come "Tainted Love" (Soft Cell) e la sparksiana "This Town Ain’t Big Enough For Both Of Us" (Siouxsie & The Banshees). Non manca anche una parentesi di marca irlandese: dall'esuberanza giovanile di Van Morrison ridestata da una vibrante Maria McKee ("The Way The Young Lovers Do") al traditional "Dirty Old Town" in salsa Pogues, fino alla meravigliosa Sinéad O'Connor impegnata a donare eterna gloria a un gioiello dimenticato di Prince ("Nothing Compares 2 U").
Infine, un doppio omaggio a padre e figlio, Tim e Jeff Buckley, con le cover di "Song To The Siren" (i This Mortal Coil guidati dal canto celestiale di Elizabeth Fraser) e "Halleluiah", dal sempiterno "Grace". A chiudere questa prima parte, un'ultima prodezza: i Saint Etienne che trasformano la ballata acustica "Only Love Can Break Your Heart" di Neil Young in un raffinato numero dance
.

Nella seconda parte, invece, un inizio tutto di marca newyorkese, con i compari delle calde notti del Cbgb Talking Heads, Blondie e Patti Smith, alle prese rispettivamente con cover di Al Green, The Nerves e Van Morrrison. Poi, un lungo viaggio dai Pretenders di marka kinksiana alla esuberante Cyndi Lauper di “Girls Just Want To Have Fun”, dalla struggente “Mad World” (Tears for Fears) di Gary Jules e Michael Andrews, lanciata dal film “Donnie Darko”, al Natale spectoriano degli U2 di “(Christmas) Baby Please Come Home”. Apice emotivo, invece, il testamento artistico di Johnny Cash affidato a una straziante cover dei Nine Inch Nails (“Hurt”), a loro volta protagonisti di un intenso omaggio ai Joy Division (“Dead Souls”), paladini di quell’era darkwave qui testimoniata dai Sisters Of Mercy, che incupiscono l’immortale “Gimme Shelter” dei Rolling Stones.

Non manca l’angolo dei dandy con il trittico Marc Almond (in versione crooner alla Aznavour) - Bryan Ferry (che ricorda John Lennon con “Jelous Guy”) - David Bowie (che rimette a lucido i Metro di “Criminal World”). Nel gioco incrociato dei tributi, ecco allora i Nirvana che rispolverano la “The Man Who Sold The World” del Duca Bianco e Tori Amos che rivisita in chiave intima e sensuale l’inno grunge di Cobain e compagni (“Smells Like Teen Spirit”). Non manca uno spazio “cinematico” tra gli Urge Overkill reclutati da Quentin Tarantino per “Pulp Fiction” (“Girl, You’ll Be A Woman Soon”) e una lynchiana Lana Del Rey che rifà da par suo “Blue Velvet”. Finale tutto in chiave femminile con una Julia Holter insospettabile fan di Paolo Conte (“Chiamami adesso”), una torrida “Surrender” di Anna Calvi, sulle orme di Elvis Presley, e la dissonante “Pissing” di Carla Bozulich (Low).
Last but not least, la ciliegina sulla torta dei Cake, con la loro stralunata  cover di “I Will Survive”, il sempiterno inno disco-music di Gloria Gaynor.

Vi ricordiamo di iscrivervi alla pagina Facebook di Rock in Onda, presso la quale potrete sempre trovare i podcast da scaricare, più le scalette integrali e tutte le news relative alla trasmissione.
Inviateci pure commenti, suggerimenti e proposte per le prossime puntate, su Facebook e all'indirizzo mail: rockinonda@ondarock.it Sarà un piacere costruire le scalette anche grazie al vostro contributo.

rockinonda_home2_01















Playlist
Scaletta del programma
  
 
1. The Animals – The House Of The Rising Sun
2. Creedence Clearwater Revival – I Put A Spell On You
3. The Doors – Alabama Song
4. Jimi Hendrix - All Along The Watchtower
5. Santana – Black Magic Woman
6. Marvin Gaye - I Heard It Through The Grapevine
7. Aretha Franklin – Respect
8. Janis Joplin - Me And Bobby McGee
9. Grace Jones – La Vie En Rose
10. Art Garfunkel – I Only Have Eyes For You
11. The Stranglers – Walk On By
12. Soft Cell - Tainted Love
13. Siouxsie & The Banshees – This Town Ain’t Big Enough For Both Of Us
14. Sex Pistols – My Way
15. The Pogues - Dirty Old Town
16. Sinéad O’Connor – Nothing Compares 2 U
17. Maria McKee – The Way The Young Lovers Do
18. The Gathering - In Power We Entrust The Love Advocated
19. This Mortal Coil - Song To The Siren
20. Jeff Buckley – Hallelujah
21. Saint Etienne - Only Love Can Break Your Heart

22. Talking Heads – Take Me To The River
23. Blondie - Hanging On The Telephone
24. Patti Smith – Gloria
25. Pretenders - Stop Your Sobbing
26. Cyndi Lauper – Girls Just Want To Have Fun
27. Gary Jules-Michael Andrews - Mad World
28. U2 - (Christmas) Baby Please Come Home
29. Johnny Cash - Hurt
30. Nine Inch Nails – Dead Souls
31. Sisters Of Mercy – Gimme Shelter
32. Marc Almond - What Makes A Man (live)
33. Roxy Music - Jealous Guy
34. David Bowie - Criminal World
35. Nirvana – The Man Who Sold The World
36. Tori Amos – Smells Like Teen Spirit
37. Urge Overkill - Girl, You’ll Be A Woman Soon
38. Lana Del Rey – Blue Velvet
39. Julia Holter – Chiamami adesso
40. Anna Calvi – Surrender
41. Carla Bozulich – Pissing
42. Cake - I Will Survive


Base strumentale parte 1: Soft Cell - Tainted Love (Instrumental - Re-Recorded)

Base strumentale parte 2: Marius Furche - Mad World (Piano Version)

 

Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.