Arctic Monkeys

Whatever People Say I Am, That's What I'm Not

2006 (Domino) | wave

Quando un gruppo rock britannico può cominciare a pensare di avere qualche speranza di emergere sulla miriade di altri gruppi compatrioti? Probabilmente quando l'Nme ti sbatte in prima pagina, il primo grande passo verso la celebrità è stato compiuto. A maggio 2005 è successo ai quattro ragazzini di Sheffield, etichettati addirittura come “la band più importante della nostra generazione”, sulla copertina del mensile di musica più importante d'Albione. Eppure alle loro spalle hanno solo una raccolta di demo. Niente uscite ufficiali, niente Ep o Lp. Nonostante questo Nme ha deciso di puntare su di loro attribuendo agli Arctic Monkeys il ruolo di portabandiera dello Yorkshire in risposta al movimento punk-rock, guidato dai Libertines di Pete Doherty, che ha preso piede nella Capitale. Come se ciò non bastasse, il “piccolo” Turner è stato già associato al mostro sacro Paul Weller. Quanti gruppi sarebbero in grado di tenere botta ad accostamenti così ingombranti?

L'hype nella musica (soprattutto quella britannica) è sempre esistito e continuerà a giocare un ruolo decisivo nello spingere un gruppo sulla cresta dell'onda. Nonostante questo Turner prima di alcune esibizioni si raccomandava con il proprio pubblico di “don't believe the hype”, anche se di fatto i suoi Arctic Monkeys, grazie appunto alla rete e alla diffusione virale dei propri brani, erano riusciti ad attirare l'attenzione dei media e dei fan come non succedeva dai tempi del britpop, quando i fratelli Gallagher e la coppia Albarn-Coxon passavano il tempo a scannarsi sulle prime pagine dei tabloid.

Ma non c'è solo hype tra i solchi di questo primo loro lavoro sulla lunga distanza, dal titolo di "Whatever People Say I Am, That's What I'm Not" (prodotto dalla lungimirante Domino).
Attingendo ora dalla scuola punk britannica a cavallo tra i 70 e gli 80, quindi dai Jam del modfather Paul Weller, ora dal post-punk creato ad hoc per riempire i dancefloor targato Franz Ferdinand, e ispirandosi alle composizioni liriche di rapper come Mike Skinner (in arte The Streets) il disco di debutto dei quattro di Sheffield riesce a colpire, più che per originalità, per immediatezza ed energia.

La formula vincente è rappresentata da chitarre arroganti (prendere quelle della traccia d'apertura “The View From The Afternoon” e dell'esplosiva “I Bet You Look Good On The Dancefloor”) che accompagnano testi capaci di dipingere squarci di tipica vita della provincia inglese e che vanno a comporre una sorta di concept-album incentrato sulla vita dei giovani clubber dell'Inghilterra del Nord (“Dancing Shoes”, “Riot Van”, “When The Sun Goes Down”). Proprio “When The Sun Goes Down”, secondo singolo estratto, contribuisce a trascinare il disco, grazie a un nuovo cocktail ubriacante di chitarre tese e vocals cantilenanti. A discostarsi dall'umore generale dell’album è invece la più quieta “A Certain Romance”, innervata appena da qualche bagliore di chitarra elettrica.

Ora saranno le prossime prove a dirci se gli Arctic Monkeys sono solo l'ennesima next big thing di Sua Maestà, destinata a spegnersi nel giro di pochissimo tempo, o una band dal potenziale più interessante, in grado di confermarsi e tenere saldo il controllo sul proprio futuro non lasciandosi divorare dalle spietate macchine tritatutto della stampa e delle major discografiche.

(17/12/2006)

  • Tracklist
  1. The View From The Afternoon
  2. I Bet You Look Good On The Dancefloor
  3. Fake Tales Of San Francisco
  4. Dancing Shoes
  5. You Probabily Couldn't See For The Lights But You Were Looking Straight At Me
  6. Still Take You Home
  7. Riot Van
  8. Red Light Indicates Doors Are Sec
  9. Mardy Bum
  10. Perhaps Vampires Is A Bit Strong
  11. Whem The Sun Goes Down
  12. From The Ritz To The Rubble
  13. A Certain Romance
Arctic Monkeys su OndaRock
Recensioni

ARCTIC MONKEYS

Tranquility Base Hotel & Casino

(2018 - Domino)
Estetica rétro e fascinazioni hollywoodiane nel sesto attesissimo disco della band di Sheffield ..

ARCTIC MONKEYS

AM

(2013 - Domino)
Le incertezze esistenziali e artistiche di Alex Turner al traguardo del quinto album

ARCTIC MONKEYS

Suck It And See

(2011 - Domino)
Il quarto attesissimo album della creatura di Alex Turner

ARCTIC MONKEYS

Humbug

(2009 - Domino)
La band di Sheffield batte nuove strade con il suo terzo disco

ARCTIC MONKEYS

Favourite Worst Nightmare

(2007 - Domino)
Il ritorno della più clamorosa sensation britpop dello scorso anno

News
Speciali

Arctic Monkeys on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.