Galati

Silence (As A Din)

2018 (Databloem) | ambient, post-rock

Roberto Galati è un viaggiatore, scrittore, musicista e fotografo. I suoi viaggi nelle regioni più recondite e isolate del mondo, da anni, si traducono in scritti e album di grande fascino. Dopo il viaggio in Groenlandia che ha dato vita a “Floe Edge” (2012), e gli altri in Tibet, Cina, Kashmir, Pakistan, alla ricerca delle natura incontaminata dalla modernità, Galati si è addentrato in uno stretto sentiero alla ricerca di un silenzio spirituale che, come dice il filosofo Joseph Rassman, è “l’essenza più intima di ogni essere e l’elemento che congiunge ogni essere con tutto ciò che esiste”.

Il suo recente viaggio in Islanda, la terra del silenzio, è il punto di partenza per il nuovo “Silence”, connubio di atmosfere ambient e accenni di imponenti edifici post-rock, che solcano un perimetro che sta tra i movimenti percussivi di Loscil, le asimmetrie di Tim Hecker fino ai tentativi inespressi di crescendi in stile Godspeed You! Black Emperor. Chitarre, violino e tastiera a creare mondi grandiosi e distanti, arricchiti dalla voce di Stella Talami (nella terza parte) e dalle note d’arpa di Sara Masiero Serra.

Quattro grandi flussi di coscienza, di cui almeno due monumentali (il primo di venti e il terzo di venticinque minuti), si distaccano dalle classiche atmosfere ambient per dispiegarsi in territori più caotici e ambiziosi senza mai liberarsi definitivamente, come un urlo disinnescato dallo sguardo di una natura ostile che ci fa comprendre la nostra piccolezza; tentativi di crescendo schiacciato dalla necessità del silenzio, con chitarre che ripetono pattern in stile Swans ma con decibel ridotti (l’accordo ripetuto dal decimo minuto della terza parte), o che si pongono tra depressione e imponenza (i cauti rimandi a “Midrange” dei Labradford nei primi cinque minuti della prima parte).

Tra corde pizzicate in stile Oldfield e le maestose architetture sonore delle tastiere e delle chitarre sovrapposte, a emergere è l’essenza stessa della natura, non amica bensì potente nemica da guardare, alla maniera del Werner Herzog di "Aguirre", affascinati ma col dovuto timore e rispetto. Un senso di inquietudine che pervade ogni nota del nuovo lavoro di Roberto Galati.

(04/04/2018)



  • Tracklist
  1. Silence (As A Din) Part 1
  2. Silence (As A Din) Part 2
  3. Silence (As A Din) Part 3
  4. Silence (As A Din) Part 4
Galati su OndaRock
Recensioni

GALATI

Fragility

(2019 - Databloem)
Un viaggio nelle montagne di Afghanistan e Tagikistan ispira il nuovo Lp del musicista e viaggiatore ..

GALATI

Gletscher

(2015 - Psychonavigation - Tranquillo)
L'ultimo capitolo della straordinaria trilogia di Roberto Galati sul tema del viaggio

GALATI

Mother

(2014 - Psychonavigation)
La consacrazione di Galati nel suo secondo sigillo per Psychonavigation

GALATI

Godhavn

(2013 - Psychonavigation)
Approda presso Psychonavigation l'interessante e talentuoso sound artist italiano

GALATI

Floe Edge

(2012 - Treetrunk)
Un altro nome di livello e qualitą della poco nota scena ambient-drone nostrana



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.