Damien Jurado

Reggae Film Star

2022 (Maraqopa) | folk, songwriter

Sono passati ben venticinque anni dall’esordio su Lp di Damien Jurado, quel “Water Ave S” (in uscita una ristampa a settembre) che lo presentò definitivamente al mondo discografico dopo i primi Ep, eppure uno dei cantautori più di culto della scena americana non sembra sentire proprio i segni del tempo, continuando a pubblicare dischi senza sosta con una media che sfiora un Lp l’anno.
Ad essere più precisi, in realtà, Jurado gli anni li avverte sì, ma non li soffre, anzi, sembra quasi assaporarli con una tenera malinconia, nostalgia di incerti momenti di gioventù vissuti tra sogni dinamici e realtà confuse che diventano poi la fonte di ispirazione principale per questo nuovo “Reggae Film Star”.
 
L’ennesimo capitolo della saga del cantautore di Seattle conferma, come se ce ne fosse bisogno, le grandi qualità di scrittura del Nostro, che ad ogni disco cerca piccole sfumature diverse di una poetica che, nonostante l’inflazionato mondo in cui si inserisce, quello del folk americano post-Elliott Smith, riesce sempre a spiccare per sincerità e calore.
“Reggae Film Star” prosegue nel ritorno alla semplicità intrapreso da Jurado dopo la scomparsa del grande amico e collaboratore Richard Swift, ma lo fa in modo diverso rispetto ad altri episodi recenti.
La veste scelta per questo nuovo capitolo non è infatti né quella estremamente cruda di “The Monster Who Hated Pennsylvania”, né quella che ricopriva “What’s New, Tomboy?” di quella morbidissima elettricità indie-rock à-la Yo la Trengo, ma nemmeno quella folk boschiva di “In The Shape OF A Storm” o quella orchestrale di “The Horizon Just Laughed”.
Per questo episodio Jurado sembra voler infatti compiere una sintesi di questi approcci, evocando un folk urbano candido e assolato, impreziosito da lievissimi inserti di archi e piano a tratti intangibili.
 
Emblematica dell’approccio è la splendida “Roger” posta in apertura a presentarci il primo dei personaggi cui Jurado dà vita in questo album ispirato e ambientato nel mondo del cinema, in particolare nell’immaginario delle produzioni B-movie degli anni 70 e nei ricordi dei pomeriggi di gioventù del cantautore passati in compagnia di queste pellicole e dei loro strambi abitanti.
La successiva “Meeting Eddie Smith” stupisce con i tocchi latini dati dalle percussioni, mentre “Taped In Front Of A Live Studio Audience” ha venature R&B e “Day Of The Robot” presenta un approccio più pop che rimanda quasi alla dolcezza di “Parachutes”.
Piccole variazioni su temi acustici che incantano ascolto dopo ascolto anche nei bozzetti più brevi ed enigmatici, come “Roger’s Audition”, con i suoi rintocchi di piano, e “The Pain Of No Return”.
Sublimazione della malinconia juradiana è “What Happened To The Class Of ’65?”, piccolo capolavoro del disco, dal testo tanto sconsolato quanto toccante.
Meritano menzione anche lo slowcore acustico di “Location, Undisclosed (1980)”, che si anima nella parte finale con due azzeccati cambi ritmici, e “Ready For My Close Up”, anch’essa spezzata in due parti, una prima più languida e una seconda caratterizzata da un falso crescendo.
Solo la conclusiva “Gork Meets The Desert Monster” presenta lievi distorsioni in coda che rimandano al periodo psichedelico in compagnia di Swift.
 
In poco più di 35 minuti, Jurado disegna un mondo in cui realtà e fiction si mescolano sino a confondersi totalmente. Un mondo dal sapore vintage, avvolto in un primo pomeriggio caldo, trascorso nella penombra di una stanza solitaria, con un vecchio programma un po’ surreale che in modo agrodolce ci fa assaporare vecchi ricordi e, nella sua sconclusionata comicità di serie B, descrive meglio che mai il mondo reale, attuale.

(18/07/2022)

  • Tracklist
  1. Roger
  2. Meeting Eddie Smith
  3. Roger's Audition
  4. What Happened To The Class of '65?
  5. Location, Undisclosed (1980)
  6. Day Of The Robot
  7. Taped In Front Of A Live Studio Audience
  8. Whatever Happened To Paul Sand?
  9. Lois Lambert
  10. The Pain Of No Return
  11. Gork Meets The Desert Monster


Damien Jurado su OndaRock
Recensioni

DAMIEN JURADO

The Monster Who Hated Pennsylvania

(2021 - Maraqopa)
Album numero venti per il cantautore di Seattle e primo per la propria etichetta

DAMIEN JURADO

What's New, Tomboy?

(2020 - Loose)
Nonostante un corpo strumentale più ricco, l'artista americano non cambia direzione e stile

DAMIEN JURADO

In The Shape Of A Storm

(2019 - Mama Bird Recording Co/Loose Music)
Infinite sfumature di grigio nell’album acustico del cantautore di Seattle

DAMIEN JURADO

The Horizon Just Laughed

(2018 - Secretly Canadian)
Dai toni sgargianti dei precedenti album al bianco e nero della nuova fase creativa del cantautore di ..

DAMIEN JURADO

Visions Of Us On The Land

(2016 - Secretly Canadian)
Folk tribale, psichedelia sintetica, voci soul-gospel e distorsioni rock nel ritorno di Jurado

DAMIEN JURADO & RICHARD SWIFT

Other People's Songs Volume One (ristampa)

(2016 - Secretely Canadian)
Pubblicate in vinile e cd le registrazioni di due protagonisiti della musica americana

DAMIEN JURADO

Brothers And Sisters Of The Eternal Sun

(2014 - Secretly Canadian)
Il cantautore americano continua la sua esplorazione stilistica e interiore

DAMIEN JURADO

Maraqopa

(2012 - Secretly Canadian)
Il cantautore prosegue con l'arricchimento del proprio sound ma reprimendo un po' l'emozione ..

DAMIEN JURADO

Saint Bartlett

(2010 - Secretly Canadian)
Il nono album del cantautore di Seattle è un ritorno agrodolce ai luoghi della sua memoria

DAMIEN JURADO

Caught In The Trees

(2008 - Secretly Canadian)
Intimo e ottimamente ispirato, torna il cantautore di Seattle 

DAMIEN JURADO

And Now That I'm In Your Shadow

(2006 - Secretly Canadian)

Un album di canzoni nell'ombra per il cantautore di Seattle

DAMIEN JURADO

On My Way To Absence

(2005 - Secretly Canadian)

News
Damien Jurado sul web