Cloud Nothings

Cloud Nothings

Attacco alla memoria

di Claudio Lancia

Nata a Cleveland, Ohio, come one-man band del giovanissimo Dylan Baldi, la formazione statunitense è diventata un riferimento del nuovo ordine alt-rock mondiale. Centrifugando lo-fi, noise e college-rock, ritmiche robuste e crescendo catartici, ganci melodici e liriche post-adolescenziali, i Cloud Nothings si sono imposti come una delle migliori sorprese degli anni Dieci

Dylan Baldi nasce nel 1991, l’anno di “Nevermind”, di “Gish”, di “Ten” e di tanti lavori densi di quella meravigliosa musica che ha forgiato lo stile di scrittura di un'intera generazione. Nasce a Cleveland, Ohio, e inizia in età adolescenziale e riversare il proprio teen spirit in registrazioni casalinghe, fissate in cameretta su un hard disk in perfetta solitudine, assemblate con GarageBand, come oggi potrebbe fare qualsiasi ragazzo al mondo. Il punto è che Dylan ha una creatività dirompente, dà vita a una serie di gruppi rock immaginari e li sistema per benino su MySpace, ognuno con la propria paginetta di presentazione.
Una di queste band si chiama Cloud Nothings e, chissà come, arriva a colpire l’attenzione della Bridgetown Records, una piccola label che si offre di pubblicare un Ep, Turning On, un pastiche di lo-fi college rock che lascia ben sperare per il futuro, con qualche slancio ben riuscito, come nel caso del singolo "Hey Cool Kid". Le tracce giungono fra le mani del promoter Todd Patrick, il quale invita l’autore di quelle acerbe composizioni ad aprire una serata a Brooklyn per Woods e Real Estate. L’invito mise per la prima volta Baldi nelle condizioni di dover assemblare velocemente una band per poter suonare i propri pezzi. Alla fine tutto andò per il meglio, e a partire da quel momento la fama del giovane musicista e del neonato gruppo di accompagnamento crebbero in gran fretta: i ragazzi iniziarono a calcare i palchi di gran parte degli Stati Uniti assieme agli altri rampolli lo-fi della nuova scena musicale americana.

Tempo pochi mesi e a inizio 2010 la Carpark Records, etichetta di stanza a Washington, mette sotto contratto come one-man band l’ancora diciannovenne Dylan, ristampando l’Ep d’esordio, arricchito da qualche bonus track, e pubblicando a gennaio del 2011 il primo album, Cloud Nothings, prodotto da Chester Gwazda. Ora Baldi non ha più le limitazioni dettate dall’utilizzo di strumenti di fortuna, bensì uno studio nel quale poter sviluppare idee con qualche comodità in più. L’istinto creativo produce sostanza sonora ed espressiva, ponendosi in scia all’energico indie-pop dei Pains Of Being Pure At Heart (“Understand At All”), addobbandolo di ruvidità garage e impulsivi proclami adolescenziali, che strizzano l’occhiolino al punk-pop collegiale stile Blink 182 (“Not Important”, “All The Time”) e brillano soprattutto lì dove si punta tutto sulla sintesi (interessanti le brucianti “Heartbeat” e “Rock”, che si fermano abbondantemente sotto i due minuti).
Cloud Nothings però non riesce a confermare le aspettative create intorno alla figura di Dylan, ponendosi qualitativamente a un livello non superiore all’esordio, come se l’anno precedente il musicista di Cleveland avesse già usato tutte le cartucce migliori. E’ un prodotto senz’altro fresco, contenente abbozzi melodici e riff punk schizzati, ma dal quale emergono ancora evidenti limiti, come nel patetismo facile del giovane incompreso (“Nothing’s Working”, “You’re Getting Older”), con tanto di sconnessi ritagli melodici. Un disco acerbo, nonostante il ragazzo si giochi bene parecchie carte, vedi il viscoso incedere di “Forget You All The Time”, recupero di certe ballate pop-rock anni 90. E’ ancora lo-fi da cameretta, ma il sound inizia a essere più pieno. Per attendere il boom bisognerà però attendere qualche mese...

Un solo anno più tardi, il 25 gennaio 2012, esce Attack On Memory, il disco dell’affermazione su scala mondiale di quella che ormai si presenta come una band a tutti gli effetti. Lo scarto in avanti è davvero notevole e fortunatamente critica e pubblico se ne accorgono: l’album cambierà in maniera radicale il percorso artistico di Dylan, finendo citato praticamente ovunque come uno dei dischi alt-rock più belli e importanti dell’anno. Questa volta in cabina di regia si siede niente poco di meno che Steve Albini, notizia che già da sola attira l’attenzione dei media. Albini aiuta Baldi a convogliare in questi solchi tutta la propria rabbia post-adolescenziale, contribuendo ad architettare scenari ricercati e stratificati, che raggiungono lo zenit nei due brani iniziali, i migliori mai realizzati dalla band: i Radiohead immersi nell’acido muriatico del pazzesco crescendo “No Future/No Past”, che esprime tutto il disagio dell’autore sin dal titolo, e il post-grunge allucinato di “Wasted Days” valgono da soli il prezzo del biglietto.
La tensione viene smorzata da episodi più “leggeri” e melodici (“Fall In”, “Our Plans”, “Cut You”, il college-punk “Stay Useless”), ma anche in quei casi le chitarre restano sempre ben in evidenza, disegnando scenari di coinvolgente elettricità. Le dissonanze quasi sonicyouthiane della strumentale “Separation” e l’arrembaggio nirvaniano della tesissima “No Sentiment” completano un menù fra i più ricchi del 2012. La crescita del songwriting di Dylan è evidente, e la voglia di stupire altrettanto, in un album carico di riferimenti che affondano le proprie radici sia nell’immaginario garage indie-rock a cavallo fra 80 e 90 (Pixies e Pavement sono gli esempi possibili), sia nell’urgenza post-hardcore dei primi Trail Of Dead, sia nel seminato delle migliori band alternative o finto-alternative del nuovo millennio (Strokes, Japandroids). Le esplorazioni emotive (o meglio solo “emo”) non abbandonano mai una certa attitudine canzonettara, con giri armonici di facile presa che non sciolgono però completamente le riserve di molto pubblico, in parte dubbioso sulla reale qualità delle canzoni di Baldi.

Saranno i successivi infuocati live show a dissipare qualsiasi riserva sulle reali qualità dei Cloud Nothings, ormai un quartetto composto da Baldi (chitarra e voce), Joe Boyer (chitarra), TJ Duke (basso) e Jayson Gerycz (batteria). La band è puntualmente invitata a esibirsi in quasi tutti i migliori festival e si ritaglia la fama di gruppo devastante sul palco.
Un’istantanea dei loro live show viene fissata in Live At Grog Shop, registrato dal vivo in un locale di Cleveland il 5 aprile ed edito soltanto su vinile a tiratura limitata a giugno del 2012.

Ulteriori conferme arriveranno due anni più tardi dall’attesissimo Here And Nowhere Else, immesso sul mercato il primo aprile del 2014, sempre su Carpark. Senza più l’aiuto di Albini, la band (ridotta a un trio per la dipartita di Joe Boyer) cerca la propria strada con rinnovato vigore, generando otto inediti altamente abrasivi, senza alcuna pausa o calo propulsivo.
Here And Nowhere Else è un album più crudo rispetto al precedente, a tratti rabbioso, che contribuisce in maniera sostanziale a far riconoscere dalla stampa specializzata la grande qualità di scrittura dei Cloud Nothings.
Il lo-fi noise-pop stile Japandroids (“Psychic Trauma”, “No Thoughts”) e gli arrembaggi post-hardcore figli dei migliori Trail Of Dead vengono alleggeriti in maniera meno evidente (rispetto al passato) dalle consuete trasfusioni di quel rock fintamente ribelle che sa tanto di Strokes (“Quieter Today”, “Just See Fear”). La chitarra sventaglia rasoiate su ritmiche incalzanti e imponenti, e contribuisce a costruire un atteggiamento complessivo da neo-punker in grado di convincere tutti, almeno dal punto di vista dei suoni (“Giving Into Seeing”, la conclusiva “I’m Not Part Of Me”), suoni sempre massicci ma che continuano (furbescamente) a esprimere l’esigenza di essere canticchiati.
Velocità, tempra e potenza, questi gli ingredienti fondamentali di quella che sta gradualmente diventando una delle formazioni di riferimento del nuovo ordine alt-rock mondiale, in grado di centrifugare negli oltre sette minuti di “Pattern Walks” tutto il meglio del proprio mondo: ganci melodici, liriche post adolescenziali, ritmiche robuste e crescendo da far invidia ai migliori protagonisti della scena post-rock.

Nel 2015 i Cloud Nothings realizzano No Life For Me assieme ai Wavves, altro progetto sbocciato inizialmente come one-man-band di Nathan Williams. Vista la durata (appena ventuno minuti) e la numerosità delle tracce (nove, ma delle quali due sono soltanto brevi intermezzi strumentali), No Life For Me potrebbe apparire come un Ep di transizione: in realtà la portata è ben più rilevante, vuoi per i protagonisti, vuoi per i contenuti musicali che, a dispetto della giocosità degli intenti, si ritrovano (inconsapevolmente?) a fissare i nuovi standard di riferimento del rock alternativo mondiale. Sin dalle prime note di “How It’s Gonna Go” appare chiaro quanto i ragazzi si siano divertiti a realizzare il tutto: è il trionfo di due nerd americani assurti al ruolo di punti di riferimento assoluti per l'intera scena, con la t-shirt dei Sonic Youth saldamento in dosso, oramai trasmutata in tatuaggio indelebile. Schitarrate e ritornelli catchy si alternano amabilmente, gradevoli dissonanze e spensieratezze assortite sono pronte a rincorrersi, ascoltate “Come Down” ed avrete la perfetta sintesi dei vari ingredienti. E poi date attenzione alla velocità di crociera di “Hard Too Find”: siamo appena a metà tracklist e già il lavoro ci ha più che convinti; lo spartiacque “Untitled II” traghetta verso la seconda parte del disco, ma sono i primi dieci minuti a fissare i crismi di un’estetica alt-pop-rock attualizzata ad uso e consumo degli anni 10. “Nervous”, la title track, “Such A Drug” e la conclusiva “Nothing Hurts”, un affare per sole chitarre elettriche e voci, sono le riuscite conferme che quanto ascoltato sinora non è stato soltanto un abbaglio. Dentro No Life For Me risiedenon un’evoluzione dinamica che lima le asperità malinconiche / claustrofobiche del post-hardcore firmato Cloud Nothings ed esalta lo spirito punk-pop di matrice Wavves dando vita a una sintesi sensazionale, una sorta di aggiornamento del college rock per le nuove generazioni.

Il 27 gennaio 2017 esce Life Without Sound, Disco del Mese su Onda Rock, un lavoro che mostra lo smussamento di molte spigolosità. Il progetto condiviso con i Wavves ha probabilmente contribuito a iniettare nel Dna del gruppo quello spirito punk/pop che lima gran parte della claustrofobica malinconia del passato, facendolo spesso virare verso una scrittura più “solare”, eloquentemente espressa nelle energiche “Things Are Right With You”, “Internal World” e “Sight Unseen”, personali aggiornamenti del college-rock anni 90 a uso e consumo delle nuove generazioni. Dal bouquet sonoro partorito nella cameretta di Dylan questa volta escono anche il proto-punk “Darkened Rings”, la mezza ballad lo-fi in perfetto Pavement style “Enter Entirely” e il singolone electric pop “Modern Act” che si apre con una sorta di omaggio ai Cure di "In Between Days".
Ma le meraviglie che elevano a dismisura la caratura di Life Without Sound, mantenendolo peraltro legato attraverso un saldo fil rouge alle produzioni precedenti, sono poste ai due estremi dell’album: c’è la luce nella sontuosa epicità dell’indispensabile “Up To The Surface”, un instant classic da far ascoltare a tutti coloro cui vogliate mostrare lo stato dell’arte dell’attuale scena indie-rock, e c’è il buio nella tensione ossessiva di “Realize My Fate”, che si fa prima disperazione e poi apocalisse sonica nel denso, imperdibile finale. Life Without Sound è un lavoro che corre il serio rischio di piacere a tanti, con quelle melodie elettrificate squarciate dagli improvvisi slanci di rabbia che saturano l’atmosfera. Un’architettura sublimata in maniera perfetta nei tre minuti e mezzo di “Strange Year”, altra vetta compositiva del disco, nella quale confluiscono anche decisive influenze wave e post-hardcore.

Contributi di Lorenzo Righetto (“Cloud Nothings”) e Silvio Pizzica (“Here And Nowhere Else”)

Cloud Nothings

Attacco alla memoria

di Claudio Lancia

Nata a Cleveland, Ohio, come one-man band del giovanissimo Dylan Baldi, la formazione statunitense è diventata un riferimento del nuovo ordine alt-rock mondiale. Centrifugando lo-fi, noise e college-rock, ritmiche robuste e crescendo catartici, ganci melodici e liriche post-adolescenziali, i Cloud Nothings si sono imposti come una delle migliori sorprese degli anni Dieci ..
Cloud Nothings
Discografia
 Turning On (Ep, Bridgetown, 2009) 5
 Cloud Nothings (Carpark, 2011) 5
 Attack On Memory (Carpark, 2012) 7
 Live At Group Shop (live, Carpark, 2012)6,5
Here And Nowhere Else (Carpark, 2014) 7,5
 No Life For Me (with Wavves, Ghost Ramp, 2015)7,5
Life Without Sound (Carpark/Wichita, 2017) 7,5
pietra miliare di OndaRock
disco consigliato da OndaRock

Cloud Nothings su OndaRock
Recensioni

CLOUD NOTHINGS

Life Without Sound

(2017 - Carpark / Wichita)
Lo stato dell'arte della scena indie-rock contemporanea rappresentato nel quarto lavoro della band di ..

WAVVES X CLOUD NOTHINGS

No Life For Me

(2015 - Ghost Ramp)
Dylan Baldi e Nathan Williams uniscono le forze per scrivere lo stato dell'arte dell'alt-rock

CLOUD NOTHINGS

Here And Nowhere Else

(2014 - Carpark)
Dopo la separazione da Albini, i tre di Cleveland cercano la loro strada con rinnovato vigore

CLOUD NOTHINGS

Attack On Memory

(2012 - Carpark)
Seconda prova per la giovanissima band, in una veste più seriosa e ricercata, con Steve Albini ..

CLOUD NOTHINGS

Cloud Nothings

(2011 - Carpark / Wichita)
Il punk-pop da cameretta della nuova sensazione dagli States

Speciali

Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.