Nick Cave & The Bad Seeds

B-Sides & Rarities Part II

2021 (Mute) | songwriter

Dallo scrigno di una pubblicazione costruita su outtake, alternate version, rarità e brani secondari apparsi solo su singoli, non sempre si è in grado di dare una valutazione d'insieme che possa comprendere sia un giudizio legato all'aspetto puramente musicale del prodotto, sia sulle indicazioni storiche che hanno portato l'artista in questione a realizzare queste canzoni non ritenute meritevoli di un posto su un album ufficiale. Nick Cave è un'eccezione anche in questo. Da "B-Sides And Rarities Part II", compendio che va ad aggiungersi alla prima parte stampata nel 2005, emergono tutte le sfaccettature del musicista che invece di essere tracciate con un canonico e spesso non esaustivo "Best Of" (come nel caso di "Lovely Creatures" del 2017), sono testimoniate mediante episodi praticamente sconosciuti ai più o addirittura scartati a suo tempo, nel pieno della filosofia del seminale cantautore australiano. Ed ecco che affiorano tutte insieme, in unico flusso emotivo, le condizioni vissute da Cave: dall'angoscia alla disperazione, dalla redenzione alla rinascita di un uomo, più che di un artista, che nella vita ha vissuto qualsiasi tipo d'esperienza.

La prima sezione del progetto è in concreto una vera e propria raccolta di B-side, utilizzate per documentare il periodo che parte dal 2008, per giungere marginalmente al 2015. Il doloroso e spiazzante dittico "Needle Boy"/"Lightning Bolts", assemblato in entrambi i casi su punte di elettronica aguzza e inospitale, non avrebbe affatto sfigurato nella scaletta ufficiale di quell'affresco art-rock costituito da "Push The Sky Away", invece di essere offerto all'epoca solo in formato 7" o bonus Dvd agli acquirenti della versione deluxe, ma il focus principale lo merita senza alcun dubbio la ruvida e avvelenata ambiguità di "Vortex", vera e propria outtake risalente al 2006 e registrata con Warren Ellis, Jim Sclavunos e Martyn Casey, prima di essere inspiegabilmente accantonata perché gli autori erano indecisi se pubblicarla come Grinderman o come Bad Seeds. La cover di "Avalanche" di Leonard Cohen, registrata da Cave per la seconda stagione della serie TV "Black Sails", conserva la struggente intensità grazie alla trascodifica dell'articolata partitura per chitarra acustica presente nell'originale, in evocative linee di pianoforte screziate talvolta da essenziali volteggi d'archi.

Se "Hey Little Firing Squad", è una B-side del periodo "Dig, Lazarus, Dig!!!" con assonanze che rimandano allo Springsteen di "The River", "Free To Walk" è un illuminante duetto acustico che l'artista australiano ha registrato con Debbie Harry per essere inserito in "We Are Only Riders", una compilation tributo dedicata a Jeffrey Lee Pierce, il leader dei Gun Club scomparso nel 1996, del quale Cave ha ripreso - e in questo caso completato - un brano che l'artista statunitense aveva registrato in versione embrionale prima della scomparsa.
Altro momento sensazionale è l'inedita versione orchestrale di "Push The Sky Away", brano catartico per Cave, che spogliato delle superbe quanto oscure tessiture elettroniche della versione pubblicata su disco, diventa ora una sinfonia celestiale per pianoforte, interpretata in tonalità più alta e configurata alla perfezione con il coro e con l'ampiezza delle aperture disegnate dalla Melbourne Symphony Orchestra.

"Push The Sky Away" chiude il Disc 1, ma l'omonimo album apre una nuova fase di carriera per Nick Cave. Un approccio inedito alla scrittura ("Have you ever heard about the Higgs Boson blues?") e alla composizione dei brani gestito da Warren Ellis. Uno strappo forte tra "Dig, Lazarus, Dig!!!" e il disco del 2013: ma nulla in confronto alla voragine creata con "Skeleton Tree" (2016). Un magma oscuro e sintetico segnato dalle tragiche vicende personali, correlato dal documentario "One More Time With Feeling". "Skeleton Tree" è la tenebra e la perdita, quanto il seguente e ancora più etereo "Ghosteen" è la ricerca della luce e della pace, come esplicitano entrambe le copertine: "It's a long way to find peace of mind, peace of mind...".

L'arco cronologico della raccolta si ferma a questo disco, al 2019, lasciando fuori "Carnage" del 2021, firmato "solo" Nick Cave e Warren Ellis. Il terzo capitolo di questa trilogia, escluso dalla raccolta poiché non composto insieme ai Bad Seeds. La recente fase della carriera di Cave segna naturalmente anche le tracce collaterali e non incluse nei dischi di tale periodo. Dominano il pianoforte, i versi ripetuti come un mantra, i sintetizzatori di Ellis. Le tinte tratteggiate dalle liriche sono a volte oscure, a volte allucinate, a volte tutte e due le cose, come nella palpitante angoscia di "Opium Eyes" e "Hell Villanelle". Tra strumentali-ambient ("Glacier", "Instrumental #33") e frammenti ("Sudden Song") spicca l'"alfa" riservata a "King Sized Nick Cave Blues" e l'"omega" "Earthlings" con annesso coro e struggente suono di synth.

"Heart That Kills You" è tutta invece per Arthur, il figlio prematuramente scomparso di Cave, ispirata (come ha raccontato il cantante stesso su The Red Hand Files) dai tentativi suoi e della moglie Susie Bick di fare i conti con la perdita. Il meglio però, lo avevamo già assaggiato: lo spoken di "Steve McQueen" e l'inedito di "Idiot Prayer: Nick Cave Alone At Alexandra Palace", la bella "Euthanasia".
Senza nulla togliere a queste outtake, capaci di manifestare comunque l'alto standard artistico dei nomi in causa, a livello di curiosità filologica applicata alla musica, i passaggi più interessanti sono le testimonianze "First", ovvero i demodelle prime forme dei brani poi finiti in "Skeleton Tree" e "Ghosteen". Per il primo abbiamo "First Skeleton Tree" e "First Girl in Amber", per il secondo "First Bright Horses" e "First Waiting for You" ripulita poi dai rumori in sottofondo. Chiudiamo citando uno stralcio di "Steve McQueen":
Because someone's gotta sing the stars
And someone's gotta sing the rain
And someone's gotta sing the blood
And someone's gotta sing the pain
Poiché Nick Cave riesce a cantare tutto questo e molto altro ancora come nessuno.

(12/11/2021)

  • Tracklist
Disc 1

  1. Hey Little Firing Squad
  2. Fleeting Love
  3. Accidents Will Happen
  4. Free To Walk (With Debbie Harry)
  5. Avalanche
  6. Vortex
  7. Needle Boy
  8. Lightning Bolts
  9. Animal X
  10. Give Us A Kiss
  11. Push The Sky Away (Live With The Melbourne Symphony Orchestra)

Disc 2

  1. First Skeleton Tree
  2. King Sized Nick Cave Blues
  3. Opium Eyes
  4. Big Dream (With Sky)
  5. Instrumental #33
  6. Hell Villanelle
  7. Euthanasia
  8. Life Per Se
  9. Steve McQueen
  10. First Bright Horses
  11. First Girl In Amber
  12. Glacier
  13. Heart That Kills You
  14. First Waiting For You
  15. Sudden Song
  16. Earthlings
Nick Cave & Warren Ellis su OndaRock
Recensioni

NICK CAVE & WARREN ELLIS

Carnage

(2021 - Goliath Enterprises Limited)
La musica del polistrumentista e le liriche del Re Inchiostro fanno i conti con la carneficina causata ..

NICK CAVE & THE BAD SEEDS

Idiot Prayer: Nick Cave Alone At Alexandra Palace

(2020 - Bad Seed Ltd.)
Il concerto-preghiera del Re Inchiostro registrato durante la battaglia mondiale contro il Covid-19

NICK CAVE & THE BAD SEEDS

Ghosteen

(2019 - Bad Seed Ltd.)
La perdita e la pace nel nuovo doppio disco del Re Inchiostro

NICK CAVE & WARREN ELLIS

Kings Ost

(2018 - Milan)
Colonna sonora a tema anti-razziale per l'affiatata coppia australiana

NICK CAVE & THE BAD SEEDS

Skeleton Tree

(2016 - Bad Seed Ltd.)
La più funesta tra le murder ballad del Re Inchiostro: quella a se stesso

NICK CAVE & WARREN ELLIS

Hell Or High Water Ost

(2016 - Milan Records)
Nuova soundtrack per l'affermato duo australiano Cave-Ellis

NICK CAVE & THE BAD SEEDS

Push The Sky Away

(2013 - Mute)
Il nuovo disco del Re Inchiostro ci offre un rarefatto finale di storia

NICK CAVE & WARREN ELLIS

The Road Ost

(2010 - Mute)
La score dell’appassionato duo australiano per il film post-apocalittico di Hillcoat

NICK CAVE & WARREN ELLIS

White Lunar

(2009 - Mute)
Il best of delle musiche per il cinema dei due grandi musicisti australiani

NICK CAVE & THE BAD SEEDS

Dig!!! Lazarus Dig!!!

(2008 - Emi)
Il bardo australiano risale la china, spalleggiato dai fidi Bad Seeds

NICK CAVE

Nocturama

(2003 - Mute Records)

NICK CAVE

The Good Son

(1990 - Mute)

NICK CAVE

The Firstborn Is Dead

(1985 - Mute)
La convergenza maledetta tra il bardo australiano e il mondo dei bluesman

News
Live Report
Speciali

Nick Cave & The Bad Seeds on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.