Chemical Brothers

Chemical Brothers

La cultura rave formato classifica

di Delli Paoli, Braida, Guidetti

Hanno esportato la musica dancedai club fino alle classifiche di tutto il mondo, diventando il simbolo del big beat e un vero monumento degli anni 90 e della musica elettronica contemporanea. Tra singoli killer, mini-rave in formato Lp e magliette intrise di sudore, la storia dei Fratelli Chimici
In principio era la polvere
 

I destini di Ed Simons e Tom Rowlands si incrociano nelle aule della facoltà di storia dell’Università di Manchester. Siamo verso la fine degli anni Ottanta e i due ragazzi provenienti dalla periferia di Londra, forti di una smodata curiosità per la musica tutta, decidono di mescolare subito le proprie passioni, innamorati folli come sono del groove, nell’accezione più stretta del termine, dell’hip-hop transoceanico, del 2 tone ska, dell’elettronica teutonica e finanche di certo shoegaze. Insomma, due pivelli con il senso del gusto attratti non poco dal ritmo e da ogni sua possibile trasfigurazione.

E così, dopo tutta una serie di esercitazioni, smanettamenti d'ogni sorta e perfezionamenti stilistici, i futuri chimici esordiscono nei locali più cool di Londra nei primi anni Novanta, dove imperversa la drum'n'bass, la cyber-techno e altri surrogati dell’elettronica da intrattenimento. I pionieri del big beat iniziano a sperimentare gradualmente la loro formula, remixando praticamente di tutto, da Eric B. & Rakim ai My Bloody Valantine. Corrono gli anni del Madchester sound, e di lì a poco Simons e Rowlands saranno chiamati anche al di là dell’Atlantico, di spalla a mostri sacri come Orbital
e Underworld, facendosi semplicemente chiamare Dust Brothers. Sono proprio quei primi dj set nei festival elettronici di mezzo mondo ad attirare prepotentemente l’attenzione degli addetti ai lavori. La miscela di techno, punk, acid house, elettro-rock e inserti etnici proposta dai due, desta interesse, e la fama dei fratelli Dust cresce nel giro di pochissimi mesi.

E’ il 1995, e Tome e Ed devono improvvisamente accantonare l’idea di chiamarsi Dust Brothers, dato che l’omonimia con il duo originale era stata oggetto fin dal principio di pesanti lamentele e minacce legali. Nello stesso periodo, il mondo intero entra finalmente in contatto con quella che sarà una delle formule elettroniche più entusiasmanti e influenti degli anni Novanta, ma non solo.
E’ l’anno di Exit Planet Dust, disco d’esordio dei chimici, pubblicato per la Freestyle Dust/Junior Boy's Own. Un esordio che irrompe subito in nona posizione nella classifiche inglesi, e vede la collaborazione di talenti del calibro di Beth Orton, semplicemente perfetta nell’interpretare le pachidermiche pulsazioni di "Alive Alone", traccia posta saggiamente in chiusura dell’album e calibrata in piena sintonia bristoliana.
Ma la fuga dal pianeta Dust e dal Madchester degli anni universitari prende forma nel cyber-groove dell’introduttiva “Leave Home”, risaltata dal basso sporchissimo di John Jennings, in supporto al beat, divenuto poi nel tempo simbolo incontrastato del marchio Chemical. Il disco è un’onda anomala di grovigli hip-hop privati di ph (“In Dust We Trust“), anfetaminiche digressioni in rave appeal, spesso munite di sfiancanti stop&go, tanto esoteriche, quanto figlie di certa industrial-punk-dance, all’epoca decisamente in voga nei sobborghi londinesi (“Three Little Birdies Down Beats”, “
Song To The Siren” e “Fuck Up Beats”). Una dichiarazione di intenti, quella dei chimici, capace di scuotere e invadere le piste del vecchio continente.
L'incessante sirena androide di “Chemical Beats” e la suadente trasfigurazione chilly di “Chico’s Groove”, piazzate così, nel bel mezzo della faccenda, riassumono appieno l‘idea del “suono” parcheggiata per anni nella mente di Ed Simons. Tim Burgees (The Charlatans) presta le proprie corde vocali nel singolo di sfondamento “Life Is Sweet”, ed è subito disco d’oro.
E’ il preludio al successo interplanetario degli anni seguenti.

Chemical BrothersNel 1997 esce Dig Your Own Hole, il secondo lavoro del duo inglese. Siamo nell'occhio del ciclone della rivoluzione elettronica, del big beat e della cultura rave anni 90. La copertina nero pece con un profilo di ragazza è una delle più celebri nella storia della dance music, l'equivalente di una "Abbey Road" o di una "Sticky Fingers". Solo che qua siamo in territori acidi, violenti e danzerecci.
Il riff di chitarra che introduce "Block Rockin' Beats", tutt'ora pezzo-manifesto dei Chemical Brothers, fa salire i battiti a mille prima della cavalcata ruvida e energica che marchia a fuoco il pezzo. La title track accelera addirittura il passo, con un breakbeat suburbano, notturno e claustrofobico molto vicino ai Prodigy ("The Fat Of The Land" usciva proprio quell'anno). "Elektrobank" non è da meno e spinge a mille: ballare questi pezzi è come immergersi in un mantra antico come il mondo, in una trance acida che trascina verso il basso. Come scavarsi la propria fossa.
"Piku" e "Setting Sun" fanno tirare il fiato, immergendo la mente in viaggi lontani ed esotici, una sorta di avventura lisergica nei bassifondi di Londra, tra masala e kebab. "Setting Sun", tra l'altro, inaugura una collaborazione di grande successo con Noel Gallagher, che riflette perfettamente la considerazione che il duo chimico aveva nel giro musicale inglese del periodo.
Il resto del disco preme di nuovo sull'acceleratore e tra intense degressioni techno ("Don't Stop The Rock"), brevi scorci psichedelici ("Lost In The K-Hole" e "Where Do I Begin" con la splendida voce di Beth Orton), si arriva alla lunga cavalcata finale: "Private Psychedelic Reel", una sorta di suite ethno-breakbeat di quasi dieci minuti.
Dig Your Own Hole è il disco che ha reso i Chemical Brothers una vera e propria istituzione nell'ambito della musica dance anni 90: come un treno perennemente in corsa, che taglia in due una ideale metropoli sotteranea post-moderna, tra reminescenze etniche e momenti di pura psichedelia moderna.

Un'anfetaminica resa

Siamo nel bel mezzo del 1999. Il nuovo millennio è alle porte. I fratelli chimici ormai sono delle vere e proprie star internazionali, richiestissime a ogni angolo del pianeta Terra. Le classifiche non aspettano altro che il terzo disco della premiata ditta Simons-Rowlands, e negli Orinoco Studios si alternano un po’ tutti: da Noel Gallagher, co-scrittore di “Let Forever Be”, fino ad arrivare a Bernard Sumner dei New Order e Bobby Gillespie dei Primal Scream: il primo in supporto vocale nel singolo di maggior successo del duo, “Out Of Control”, e il secondo in cabina di regia; passando per Jonathan Donahue (Mercury Rev), piano, voce e chitarra in “Dream On”, e la celebre musa dei Mazzy Star, Hope Sandoval, semplicemente commovente in “Asleep From Day”.
Con queste premesse, Surrender non poteva non essere l’apice della carriera dei Chemical Brothers, non solo per le preziosissime collaborazioni attuate, spesso pretese esplicitamente dagli stessi ospiti (vedi Gallagher), entusiasmati dalla creatura dei due produttori inglesi, ma soprattutto per l’ineccepibile qualità e carica dei singoli momenti, mai così eterogenei nella conformazione melodica, ritmica e sonora.
Surrender mescola praticamente di tutto. “Hey Boy, Hey Girl” è mera taurina dancey, cafona all’occorrenza, e ha la potenzialità di stendere anche il più cocciuto dei toreri discotecari. “Orange Wedge” è broken-beat sintetizzato con inserti analogici schizzati, sparsi a casaccio tra una cadenza smorzata e l’altra. In netta contrapposizione, troviamo “Under The Influence” e “Dream On”. La prima è un attacco improvviso di nevrosi techno, e segue a pennello l’intro robotico di “Music: Response” (scritta niente popò di meno che da Missy Elliott). La seconda, invece, chiude i battenti inscenando un vero e proprio crescendo pop, favolistico e fluttuante in ogni sua melodica diramazione.

Il successo di Surrender è talmente importante che le aspettative per il nuovo lavoro sono altissime. Nel 2002 esce il quarto disco in studio del duo inglese: Come With Us.
E' un ideale viaggio "sintetico" tra le rotte della musica più cool dell'ultimo decennio, un crossover di techno e funk, psichedelia e acid house, danceraffinata e battito tribale (come nell'ancestrale "It Began In Afrika"). Rispetto al disco precedente, è più accentuata la componente dance-house, come conferma la title track d'apertura: un miscuglio di groove e breakbeat che riecheggia in qualche modo quella "Block Rockin' Beats" che li lanciò alla ribalta mondiale. "Denmark" è una esercitazione di stile in chiave disco-music. "Star Guitar" cela, dietro l'apparente freddezza, una trama ritmica assai elaborata. "My Elastic Eye" combina loop dal sapore cinematografico e percussioni ossessive.
Ma, in quest'oceano d'elettronica purissima, affiorano anche le chitarre - come in "The State We're In", una ballata psichedelica arricchita dalla voce di Beth Orton - e perfino le percussioni brasiliane, come in "Pioneer Skies" (che inizia con una bizzarra rievocazione del rock progressive fine anni Sessanta).
In conclusione, Tom Rowlands e Ed Simons proseguono la loro trasformazione da dj a compositori d'elettronica underground, mantenendosi nell'invidiabile posizione di essere allo stesso tempo band di successo mondiale e fenomeno di culto per gli adepti della sperimentazione elettronica.
Nonostante ciò, Come With Us non viene accolto con entusiasmo dalla critica, che si aspettava un disco sulla scia di Surrender.

Chemical BrothersDopo la parziale delusione di Come With Us, sia il pubblico che gli esperti del settore nutrono molte speranze riguardo il nuovo lavoro, la cui uscita è annunciata per gennaio 2005. Push The Button, però, non aggiunge nulla alla biografia dei due alchimisti, anzi rimane molto lontano dai loro lavori migliori, parecchio al di sotto di Exit Planet Dust. Il duo cerca di mantenersi vivo e al passo coi tempi; riesce nell'impresa, ad esempio, in "Galvanize", che costituisce la prima traccia e il primo singolo dell'album: Simons e Rowlands si confermano insuperabili spugne in grado di assorbire i principali fenomeni musicali "modaioli" del pianeta, accoppiando il gettonatissimo hip-hop con i sapori etnici di un sample da odalisca, e in tempi in cui si sognano viaggi verso i confini del mondo, ognuno di noi ritrova un pezzo di se stesso e dei propri percorsi in costruzioni del genere; il rapping è prestato da Q-Tip degli A Tribe Called Quest. Momenti hip-hop ritornano più avanti anche in "Left Right", dove già dal titolo possiamo prevedere come anche i "fratellini chimici" abbiano intenzioni seriose e intendano dire la loro anche in campo politico. Eppure, scorrendo le tracce di Push The Button si ha la costante sensazione di deja vu e la certezza che fra cinque anni nessuno vi consiglierà questo fra i migliori dischi dei Chemical.
Altro handicap è che sovente manca la fluidità: molte canzoni vengono esasperatamente prolungate il più possibile, come se superare i cinque minuti debba essere un must; ma allora il remix (di cui il duo è campione riconosciuto) a cosa serve? Non mancano le solite collaborazioni illustri: non c'è stavolta Noel Gallagher, ma incontriamo i Mercury Rev in "Close Your Eyes" che, in tutta sincerità, sfiora il tedio, e Tim Burgees dei Charlatans in "The Boxer" e l'unione fra le due forze produce un risultato meno interessante dei due addendi presi singolarmente.
Tanti punti di domanda, ma anche qualche raro momento piacevole, come l'ulteriore momento simil-etnico di "Hold Tight London", con belle percussioni tribal-house e l'intervento vocale di Anna Lynne Williams dei Trespassers William. In "Believe" molti scopriranno la voce di Kele Okereke dei Bloc Party. Altra impennata, ma siamo quasi a fine disco, in "Marvo Ging", col simpatico sample di una slide guitar; ma purtroppo anche qui l'idea viene stiracchiata un po' troppo per le lunghe, prendendosi nello sviluppo della traccia. "Surface To Air", infine, è la loro tipica cavalcata electro con beat sostenuti alternati a pause atmosferiche, e tutto l'insegnamento trasmesso dai New Order.
Push The Button è un disco che va sparato al massimo, un disco pensato per il dancefloor, e in quest'ottica va ascoltato, digerito e giudicato.

Nel 2007 è il momento di We Are The Night; nonostante i Chemical Brothers siano molto attivi dal punto di vista live e continuino a incendiare molti dj-set in giro per il globo, sulla dimensione disco non riescono a tornare ai fasti del passato. O meglio: ci provano, uscendo con un triste revival autocelebrativo. Il grave problema, all'infuori della mancanza effettiva di nuove idee, è che l'unica idea rimasta sola come la particella di sodio della nota pubblicità è racchiusa in un arco di tempo che va dal 1990 al 1999, perché ogni canzone a eccezione del singolo "Do It Again", che viene surclassato dai due remix contenuti nell'Ep, sembra essere stata concepita e suonata almeno otto anni fa. Ci può essere stile nel fare del revival, anche nel ripetere farsescamente sé stessi, ma così no, così è esporsi al pubblico ludibrio incondizionatamente. Perché si può anche silenziosamente ammettere di essersi ubriacati abbastanza senza continuare a molestare l'utenza del locale, e purtroppo l'impressione che se ne ricava è proprio quella di un'insistenza fuori dal dovuto, una sorta di inerzia inarrestabile. Un non saper fare altro.
Per dovere di cronaca, "A Modern Midnight Conversation" è l'unica altra canzone che tenta di salvarsi, riscoprendo i fasti di certi suoni à-la Dig Your Own Hole, ma fuori tempo massimo perché non si riesce più a rappresentare un bel niente: né foto di una scena nascente, né di un pubblico sempre più vasto che si avvicina al mondo della cultura club\rave. Il problema dei fratelli chimici è proprio il distacco da tutto ciò che accade attorno, nonostante le presunte collaborazioni lussuose, rinchiusi nel proprio studiolo accampato sui fasti, ingrigiti ormai, del passato. Se We Are The Night riflettesse la realtà, sarebbe un messaggio inquietante, perché in questa notte non si vedrebbe nulla, si navigherebbe a vista in un disco osceno.

Chemical BrothersQuando i due sembrano ormai indirizzati verso una carriera passiva e in preda all'inerzia dei primi, grandi lavori, ecco che arriva il colpo di coda del vecchio animale troppo orgoglioso per dichiararsi vinto. Further (2010), il ritorno del duo inglese, sfrutta la retorica del big beat per trasformarsi, portandola a un livello diverso, da un lato più attuale e dall'altro più maturo.
Che i nostri ci tengano a dimostrare di non essere ormai dei tardoni si nota fin da subito: "Snow"-"Escape Velocity" è un uno-due di alta classe che prima addolcisce e poi stordisce, con un crescendo di synthche esplode in un beat quadrato e tremendamente efficace. E i colpi sotto la cintura non mancano, come "Horse Power", pura potenza harsh-techno d'annata. Tra electro-pop sofisticato e nebuloso ("Dissolve") e melodie killer su tappeti solidi fatti di beat e sudore (il tris finale con "Swoon" protagonista indiscusso), i Chemical Brothers riprendono con vigore e mestiere in mano la propria carriera, segnando un importante giro di boa a livello stilistico e compositivo.

Nel 2015 è la volta di Born In The Echoes, album che rilancia in maniera definitiva la carriera ed il culto dei gemellini chimici. Se questo lavoro ha un difetto, risiede nel peccato veniale di cadere nella riproposizione di spunti già ben sviluppati e collaudati in passato (leggi una “Go” con Q-Tip alla voce, lo stesso di “Galvanize”). Born In The Echoes è un disco di canzoni, e di duetti non tutti riuscitissimi, fra i quali almeno un paio decisamente altisonanti (e furbetti): Beck canta sulla conclusiva “Wide Open”, carina, ma da un’accoppiata tanto strombazzata è lecito pretendere di più. Va decisamente meglio con St. Vincent, protagonista (con voce e chitarra) su “Under Neon Lights”, costruita come se la Madonna che sognava di essere Bjork (quella di “Bedtime Stories”), si fondesse con i clangori world dei Goat: bell’incrocio, dall’esito tutt’altro che forzato. Ma ecco le note più liete, che si stagliano nella parte centrale, quella che funziona meglio, certificando il definitivo riscatto dei Chemical Brothers: è il tratto che va da “EML Ritual” (con il featuring di Ali Love), a “Reflexion”, passando per “I’ll See You There” (la più “rock” del lotto) e “Just Bang”. E’ in questi venti minuti che Tom Rowlands e Ed Simons si confermano assoluti maestri quando decidono di lavorare per accumuli progressivi, lasciando da parte il formato pop-song per concentrarsi su accenti più smaccatamente da hyper trendy club culture.
Dopo cotanta bellezza, ovvio che brani come “Taste Of Honey” (con Stephanie Dosen degli Snowbird e Chenai Zinyuku) e l’atmosferica “Radiate” (dove appare il quotatissimo sassofonista canadese Colin Stetson) abbiano il sapore del riempitivo, e che la title track (con Cate Le Bon) vivacchi nella totale impossibilità di aggiungere ulteriori speziature ad un menù comunque ricco.

Le Electronic Battle Weapon

Electronic Battle Weapon, imparato l'inglese sciolto il mistero: armi per la battaglia elettronica. Parallelamente ai singoli e agli album, i due alfieri mondiali del suono rave rilasciano dj tools devastanti pubblicati esclusivamente su gomma.
Dalla prima sciabolata con "It Doesn't Matter" sul lato A e "Don't Stop The Rock" come b-side, le Electronic Battle Weapon sono diventate un culto per chiunque volesse suonare la merce più aggressiva dei Chemical Brothers. Si tratta infatti di versioni estese o semplicemente più rudi di ciò che spesso finirà nel disco a seguire.
Prendete la numero tre: "Under The Influence", su Surrender la conosciamo in una forma arrangiata e pettinata ma provate il calcio nei denti pubblicato nel 1998 per la Freetyle Dust o se preferite suonate ai vostri amici mi-piacciono-i-chemicals-ma-conosco-solo-HeyBoyHeyBirl la EBW numero sei: lasciate che "Hoops" diventi un take acido supersonico e faccia diventare biondi i mori e glabri i baffuti.

Ma Simons e Rowlands raggiungono nel 2004 l'estasi suprema pubblicando il numero sette della collezione: Chemical Brothers call ravers. Stomp in quattro schiacciato al suolo, arpeggio rapido e secco, analogicità sparsa e sample vocale che recita "where are all my children now?", se prima ogni arma veniva pubblicata e conseguentemente rinominata per apparire su disco questa volta la catena si spezza, "Electronic Battle Weapon 7" era e così rimane, per gli amici sarà conosciuta come "Acid Children" e mai nome potrebbe essere più adeguato.
Otto, nove e dieci: "Saturate" su We Are The Night, b-side del singolo "The Salmon Dance", e per completare la decina, l'ultima in ordine cronologico che chiude un ciclo di armi non solo per la battaglia ma per la distruzione elettronica regalando, anche a chi nel 2010 conosce solo mp3 e file sharing, il catalogo completo delle Ebw su cd a completamento dell'antologia Brotherhood.

Quindi ora arrivate in fondo alla lettura, alzate il culo dalla sedia e impegnatevi nel gesto antico di raggiungere un negozio di dischi, chiedete al commesso antipatico una qualsiasi di queste pubblicazioni pirata. E poi pentitevi.

Contributi di Claudio Fabretti ("Come With Us") e Claudio Lancia ("Push The Button", "Born In The Echoes")

Chemical Brothers

La cultura rave formato classifica

di Delli Paoli, Braida, Guidetti

Hanno esportato la musica dancedai club fino alle classifiche di tutto il mondo, diventando il simbolo del big beat e un vero monumento degli anni 90 e della musica elettronica contemporanea. Tra singoli killer, mini-rave in formato Lp e magliette intrise di sudore, la storia dei Fratelli Chimici
Chemical Brothers
Discografia
Exit Planet Dust (Virgin, 1995)

7,5

Dig Your Own Hole (Virgin, 1997)

8

Surrender (Virgin, 1999)

8

 Come With Us (Virgin, 2002)

6

 Singles 93-03 (antologia, Virgin, 2003) 
 
 

Push The Button (Virgin, 2005)

5

 

We Are The Night (Virgin, 2007)

4

 Brotherhood (antologia, Virgin, 2008)
 
Further (Virgin, 2010)

7,5

 Born In The Echoes (Virgin, 2015)

6,5

pietra miliare di OndaRock
disco consigliato da OndaRock

Chemical Brothers su OndaRock
Recensioni

CHEMICAL BROTHERS

Born In The Echoes

(2015 - Virgin)
Il disco del definitivo rilancio per Tom Rowlands e Ed Simons

CHEMICAL BROTHERS

Further

(2010 - Virgin)
Il duo inglese riprende in mano la propria carriera, tra melodia e potenza

CHEMICAL BROTHERS

We Are The Night

(2007 - Virgin)
I fratelli chimici tentano ancora la carta dell'elettro-revival

CHEMICAL BROTHERS

Do It Again Ep

(2007 - Virgin)
Il nuovo singolo del duo inglese in quattro diverse versioni

CHEMICAL BROTHERS

Push The Button

(2005 - Emi/Virgin)
L'acid-house della band inglese giunge a un nuovo approdo

CHEMICAL BROTHERS

Come With Us

(2002 - Astralweeks)

Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.