JAY Z & Kanye West

Watch The Throne

2011 (Roc-A-Fella/ Roc Nation/ Def Jam) | hip hop, r'n'b

È un groove denso, cupo e insinuante, accompagnato dalla voce della nuova promessa del soul Frank Ocean, ad aprire il tanto strombazzato e poi pluri-rinviato "Watch The Throne", e non certo prive di ombre sono state la sua gestazione e pubblicazione. Non è la prima volta che Jay-Z e Kanye West lavorano assieme, eppure l'idea di un intero album composto a quattro mani ha da subito solleticato la curiosità degli appassionati e inevitabilmente caricato il progetto di grosse aspettative, per giunta tradite nel momento in cui i due hanno pubblicato, mesi fa, il loro primo singolo, l'eccessivamente sontuoso e presuntuoso "H.A.M", cesellato come un pesante mobile rococò e ormai relegato a bonus track nell'edizione deluxe dell'album, quasi a voler aggirarne l'impasse.

Gli ultimi mesi sono stati particolari per entrambi, con Kanye West che si è ritrovato nella scomodissima posizione di dover bissare l'osannato, un po' inaspettatamente, "My Beautiful Dark Twisted Fantasy" e Jay-Z reduce dall'enorme riscontro commerciale di diversi singoli, ma sempre meno riverito dalla critica musicale. Sarà quindi forse per prudenza che finalmente l'album vede la luce quasi a sorpresa, quando nessuno quasi ne parlava più, accompagnato da molto meno rumore di quello che ci si aspetterebbe associato ai due nomi più importanti e influenti dell'hip-hop degli ultimi vent'anni. Anche l'iniziale idea, poi accantonata, di pubblicare l'album a nome The Throne sembrava quasi un voler metter le mani avanti e dichiarare che questo disco fosse un qualcosa di indipendente dal resto delle loro discografie.

Difficile però vederla sotto quest'ottica quando i tanti nomi coinvolti nella realizzazione dell'album sono praticamente gli stessi che prendevano parte alle loro ultime prove discografiche (molti di questi brani provengono dalle stesse session), e quando si ritrova la solita sfilza di imprevedibili citazioni/ricostruzioni, da James Brown ai Cassius, passando per Phil Manzanera.
Decisamente meno variopinto e concept rispetto all'ultima fatica di West e più rigoroso rispetto a quella di Jay-Z, "Watch The Throne" vede i due ergersi a paladini di una certa classicità hip-hop, che fa mostra con orgoglio delle proprie radici black quando rappano su un vecchio disco rotto di Otis Redding (o di Curtis Mayfield, in una delle quattro non imperdibili bonus track), quando sporcano di asperità blues una nostalgica e dolente "Gotta Have It" (a produrre sono dei Neptunes sempre più sobri) o come quando trasformano un loop di cori infantili in una avventurosa messa voodoo ("Murder To Excellence").

L'allarme incombente di "Welcome To The Jungle" e l'invettiva techno-rap da club futurista di "Who Gon Stop Me", così come la filastrocca cibernetica di "Niggas In Paris", riportano però a un presente sempre più elettronico e frenetico, evidenziando che un disco del genere ha anche, suo malgrado, il dovere morale di conquistare le classifiche statunitensi. E probabilmente ci riuscirà grazie al pop dolciastro e patriottico di "Made In America" e alle torride ritmiche di "That's My Bitch" (in cui sgomita una Elly Jackson sempre più vogliosa di conquistare gli States), o con una roboante e sfacciatamente catchy "Why I Love You" (forse il momento che più farà storcere il naso ai puristi) e soprattutto con una pirotecnica "Lift Off", che potrebbe ripetere l'exploit di "All Of The Lights" (stavolta il nome femminile di punta è, un po' prevedibilmente, quello della signora Carter, molto più convincente qui che in tutto il suo ultimo album).

"Watch The Throne" non è forse il capolavoro che era lecito aspettarsi ma è un disco solido e che sa intrattenere; i due artisti riconfermano la loro alchimia e non fanno a gara per rubarsi la luce dei riflettori, anzi, nonostante la mente sonora del progetto sia quella di West (e si sente ogniqualvolta è lui a entrare in scena), è spesso il rap di Jay-Z a dominare l'album e a impostare i pezzi. I due re possono dunque tirare un sospiro di sollievo: non indossano vestiti nuovissimi, ma sono tutt'altro che nudi e, nonostante non sembri più così inarrivabile, il loro trono è ancora ben saldo.

(11/08/2011)



  • Tracklist
  1. No Church In The Wild (feat. Frank Ocean)
  2. Lift Off (feat. Beyoncè)
  3. Niggas In Paris
  4. Otis (feat. Otis Redding)
  5. Gotta Have It
  6. New Day
  7. That's My Bitch (feat. Elly Jackson)
  8. Welcome To The Jungle
  9. Who Gon Stop Me       
  10. Murder To Excellence
  11. Made In America (feat. Frank Ocean)
  12. Why I Love You (feat. Mr. Hudson)
  13. Illest Motherf**ker Aliv (deluxe version)
  14. H.A.M (deluxe version)
  15. Primetime (deluxe version)
  16. The Joy (feat. Curtis Mayfield) (deluxe version)
Kanye West su OndaRock
Recensioni

KANYE WEST

Jesus Is King

(2019 - Def Jam)
La conversione gospel del rapper statunitense, tra deliri spirituali e cori riconcilianti ..

KANYE WEST

Ye

(2018 - Def Jam)
Il ritorno intimo e improvvisato dell'acclamato rapper statunitense

KIDS SEE GHOSTS

Kids See Ghosts

(2018 - GOOD / Def Jam)
La collaborazione tra Kanye West e Kid Cudi li riporta entrambi in stato di grazia

KANYE WEST

The Life Of Pablo

(2016 - GOOD Music)
Anche senza una maschera Kanye West riesce a spiazzare

KANYE WEST

Yeezus

(2013 - Def Jam)
L'ultima reincarnazione di Yeezy, tra cyber-rap e mistici deliri

KANYE WEST

My Beautiful Dark Twisted Fantasy

(2010 - Roc-A-Fella, Def Jam)
Tanta ambizione ma, soprattutto, ispirazione per il quinto album dell'imprevedibile rapper

KANYE WEST

808s & Heartbreak

(2008 - Roc-A-Fella)
Il talentuoso rapper americano in un sorprendente concept synth-soul

KANYE WEST

Graduation

(2007 - Roc-A-Fella Records)
Il re dell'hip-hop Ŕ tornato peráchiudere la sua trilogia

KANYE WEST

Late Registration

(2005 - Roc-A-Fella)
Grandi ospiti per un caleidoscopio di sample e suoni nel nuovo lavoro dell'ineffabile rapper

News
Speciali

JAY Z & Kanye West on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.