Aa.Vv.

Penguin Cafè Orchestra - A Tribute

2008 (333 Discs) | contemporanea

Dieci anni fa un tumore al cervello provocò la morte di Simon Jeffes leader e progettista della Penguin Cafè Orchestra. Una delle meraviglie della musica colta il loro "folk da camera“, distribuito in cinque album, un mini e tre dischi live, un repertorio intenso e suggestivo che mantiene il suo fascino nonostante le mode.
Logico che siano i Giapponesi a realizzare un tributo al gruppo e alla sua storia. Cultori della miglior musica d’avanguardia di tutto il mondo, i protagonisti di questo “Tribute” realizzano un eccellente album, pur proponendo brani gia noti.

Oltre a nomi famosi come Ryuichi Sakamoto, Yukihiro Takahashi, Steve Jansen (Japan), vi sono altri pilastri della musica nipponica, su tutti Takako Minekawa, musicista pop cultore del kraut-rock a sua volta fonte di ispirazione per gli Stereolab,  nonché due grandi artisti multimediali Takagi Masakatsu e Kama Aina.
Nessun aspetto della loro musica viene tralasciato, l’album si apre con una delicata rivisitazione di “Penguin Cafè Single” che insieme alla eccellente “Isle Of View” rivista da Steve Jansen e a “Sketch” mostrano il lato più sperimentale del loro repertorio, aggiungendo sfumature contemporanee poco appariscenti, ma molto intense.
In tutto l’album prevale l’estrema attenzione alla scrittura originale dei brani che non vengono sconvolti, dando la sensazione di riascoltare gli originali.

I brani più noti - “Air A Danser”, ”Music For A Found Harmonium”, "Telephone And Rubber Band” “Pythagoras’s Trousers” - a un ascolto attento rivelano una riscrittura geniale, che pur alterando l’assetto strumentale non modifica l’impatto emotivo.
Nessun brano soffre il confronto con l’originale, alcuni anzi acquistano nuova luce come “Simon’s Dream” e “Perpetuum Mobile", che avrebbero incantato lo stesso Simon Jeffes.

Non credo di esagerare se sottolineo quest’album come il miglior album “tributo” mai realizzato.
Ottima la scelta di proporre una sequenza che rispetta la pubblicazione dei brani in senso temporale, peccato che la sua disponibilità sia limitata  al solo paese del Sol Levante, ma gli sforzi per acquistarlo saranno ampiamente ricompensati.

(09/04/2008)



  • Tracklist
  1. Penguin Cafe Single [Music from the Penguin Cafe  1976] Shieomi Hasumi
  2. Air À Danser [Penguin Cafe Orchestra 1981] The Other Four
  3. Telephone And Rubber Band [Penguin Cafe Orchestra 1981] Takako Minekawa
  4. Pythagoras's Trousers [Penguin Cafe Orchestra 1981] Yukihiro Takahashi
  5. Paul's Dance [Penguin Cafe Orchestra1981] Ryuichi Sakamoto + Ren Takada
  6. Simon's Dream [Penguin Cafe Orchestra - 1981] anonymass
  7. Music For A Found Harmonium [Broadcasting from Home  1984] Moose Hill
  8. Isle Of View(Music For Helicopter Pilots)[Broadcasting from Home 1984] Steve Jansen
  9. Southern Jukebox Music [Signs Of Life 1987] HAAS (a.k.a.Hiroshi Takano)
  10. Sketch [Signs Of Life 1987] Kama Aina
  11. Perpetuum Mobile [Signs Of Life  1987] Takagi Masakatsu
  12. Vega [Union Cafe 1993] Koki Mishina 
Aa.Vv. on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.