David Bowie

Divine Symmetry

2022 (Parlophone) | psych-folk, glam-rock

“Divine Symmetry” è un ricco box set che documenta il 1971 di David Bowie, allora ventiquattrenne, e il processo compositivo che condusse alla realizzazione del suo quarto album, “Hunky Dory”, il primo dopo la firma del contratto che lo legò alla Rca. Ritornato da un illuminante viaggio negli States, durante il quale si procurò l’opportunità di conoscere Lou Reed e Andy Warhol (entrambi omaggiati, insieme a Bob Dylan, nel lato B di “Hunky Dory”), Bowie decise di dare un taglio netto alla lunga capigliatura bionda e lasciare gradualmente da parte il lato della sua personalità più legato allo psych-folk di radice hippie, iniziando a tratteggiare i contorni di quello che sarebbe diventato uno dei suoi alter ego più celebri, Ziggy Stardust.
David si sforza di scavalcare lo scoglio della timidezza, ancor più amplificata quando si trova su un palco: proteggersi dietro una maschera pensa possa dargli maggiore coraggio e sfrontatezza. Il disco precedente, “The Man Who Sold The World” non fu certo un grande successo, rivalutato soltanto a posteriori, e rivitalizzato negli anni Novanta grazie all’intervento dei Nirvana, ma questa è un’altra storia. Bowie al tempo era ancora imprigionato fra Dylan e i Velvet Underground (dal vivo eseguiva spesso “I'm Waiting For The Man”), e aveva ancora incertezze su quale strada fosse la meno impervia per raggiungere quel successo che era intenzionato ad agguantare ad ogni costo.

 

“Divine Symmetry” contiene 4 cd (la versione in vinile sarà disponibile dal prossimo febbraio), un Blu-ray e due book ricchi di memorabilia dell’epoca, fra cui appunti personali dell’artista, ipotesi per titoli e bozzetti per vestiti di scena. Non tutto il materiale si può ritenere indispensabile, e non tutte le registrazioni sono di qualità eccellente, ma riascoltare i demo acustici di brani che sarebbero poi entrati nella storia della musica del Ventesimo secolo è una bella esperienza, e lo è ancor di più imbattersi in frammenti che sarebbero stati ripresi in seguito: “Tired Of My Life” (non a  caso qui posta a inizio selezione) la ritroveremo qualche anno più tardi sotto forma di “It’s No Game” ad aprire uno dei suoi lavori più belli di sempre, “Scary Monsters”, “King Of The City” contiene un vago embrione di “Ashes To Ashes” e finirà nello stesso album del 1980, “Looking For A Friend” e “Shadow Man” saranno ri-registrate per “The Rise And Fall Of Ziggy Stardust” restando però fuori dalla tracklist definitiva, “Amsterdam” è una cover di Jacques Brel che avrebbe dovuto far pare di “Hunky Dory”, esclusa solo all’ultimo momento.

Il box riempie un pezzettino del vuoto lasciato dall'assenza, e lo fa non solo proponendo versioni alternative (ma fedeli a quelle ben note a tutti) e parecchie tracce finora inedite, ma anche includendo il resoconto di tre esibizioni del periodo: una John Peel Session, alcuni estratti dal programma radiofonico Sounds Of The 70’s, e soprattutto il concerto tenuto il 25 settembre 1971 ad Aylesbury, che vede un Bowie particolarmente loquace fra un brano e l’altro.
La backing band con la quale furono eseguite le session di “Hunky Dory” era composta dai tre “Spiders From Mars” Mick Ronson, Trevor Bolder e Mick Woodmansey, più l’autorevole Rick Wakeman che, compresso fra l’esperienza negli Strawbs e i futuri clamori con gli Yes, tornava a fianco di Bowie dopo la collaborazione risalente ai tempi di “Space Oddity”.
David in quei mesi analizza, filtra, ascolta e scrive moltissimo; la direzione è ancora incerta ma sta per trovare quella migliore da percorrere, azzeccando scelte sia musicali che estetiche, proponendosi in maniera provocatoria ma mai anti-commerciale, alla ricerca di un’identità che non sarà mai definitiva, bensì in costante evoluzione.

 

Nonostante contenesse canzoni oggi considerate immortali, come “Changes” (vera e propria dichiarazione d’intenti circa i mutamenti in atto) e “Life On Mars?” (che confermava una passione per le tematiche extraterrestri), “Hunky Dory” non riscosse inizialmente particolare successo: raggiunse il terzo posto nelle chart inglesi un anno e mezzo più tardi, soltanto dopo i riscontri ottenuti dal successivo “The Rise And Fall Of Ziggy Stardust And The Spiders Form Mars”. Quando David Bowie riuscì finalmente a cucirsi in dosso il ruolo di nuova brillante (rock)star nel firmamento musicale degli anni Settanta.

(14/01/2023)

  • Tracklist

Disc 1 - demo & home recordings

  1. Tired Of My Life – demo
  2. How Lucky You Are (aka Miss Peculiar) – demo
  3. Shadow Man – demo
  4. Looking For A Friend – demo
  5. Waiting For The Man – San Francisco hotel recording
  6. Quicksand – San Francisco hotel recording
  7. King Of The City – dcmo
  8. Song For Bob Dylan – demo
  9. Right On Mother – demo
  10. Quicksand – demo, 2022 remaster
  11. Queen Bitch – demo
  12. Kooks – demo
  13. Amsterdam – demo
  14. Life On Mars? – demo
  15. Changes – demo
  16. Bombers – demo

 

Disc 2 - In Concert: John Peel

  1. Queen Bitch – mono
  2. Bombers – mono
  3. The Supermen – mono
  4. Looking For A Friend – mono
  5. Almost Grown – mono
  6. Kooks – mono
  7. Song For Bob Dylan – mono
  8. Andy Warhol – mono
  9. It Ain’t Easy – mono
  10. Queen Bitch – stereo
  11. The Supermen – stereo
  12. Looking For A Friend – stereo
  13. Kooks – stereo
  14. Song For Bob Dylan – stereo
  15. Andy Warhol – stereo
  16. It Ain’t Easy - stereo

 

Disc 3 - Sounds Of The 70’s: Bob Harris

  1. The Supermen
  2. Oh! You Pretty Things
  3. Eight Line Poem
  4. Kooks
  5. Fill Your Heart
  6. Amsterdam
  7. Andy Warhol

 

Disc 3 – Live Friars, Aylesbury, 25th September 1971

  1. Introduction
  2. Fill Your Heart
  3. Buzz The Fuzz
  4. Space Oddity
  5. Amsterdam
  6. The Superman
  7. Oh! You Pretty Things
  8. Eight Line Poem
  9. Changes
  10. Song For Bob Dylan
  11. Andy Warhol
  12. Looking For A Friend
  13. Round And Round
  14. Waiting For The Man

 

Disc 4 – Remasters & Alternative Mixes

  1. Oh! You Pretty Things – bowpromo mix, 2022 remaster
  2. Eight Line Poem - bowpromo mix, 2022 remaster
  3. Kooks - bowpromo mix, 2022 remaster
  4. Queen Bitch - bowpromo mix, 2022 remaster
  5. Quicksand - bowpromo mix, 2022 remaster
  6. Bombers - bowpromo mix, 2022 remaster
  7. Lightning Frightening - aka The Man
  8. Amsterdam – early mix, 2022 remaster
  9. Changes – mono single version, 2022 remaster
  10. Andy Warhol – full length mono single version, 2022 remaster
  11. Amsterdam – 2015 remaster
  12. Life On Mars? – 2016 mix
  13. Changes – 2021 alternative mix
  14. Life On Mars? – original ending version
  15. Quicksand – 2021 mix, early version
  16. Fill Your Heart – 2021 alternative mix
  17. Bombers – 2021 alternative mix
  18. Song For Bob Dylan - 2021 alternative mix
  19. The Bewlay Brothers - 2021 alternative mix
David Bowie su OndaRock
Recensioni

DAVID BOWIE

No Plan

(2017 - Rca)
A un anno di distanza dalla sua scomparsa, un Ep raccoglie gli ultimi tre inediti registrati ..

DAVID BOWIE

Blackstar

(2016 - Rca)
L'ultima prova del Duca Bianco, fra canzoni d'atmosfera, jazz e sperimentazione elettronica

DAVID BOWIE

The Next Day

(2013 - Columbia)
Il ritorno del Duca Bianco dopo dieci anni si trasforma in un evento, che suggella una carriera stellare ..

DAVID BOWIE

Reality

(2003 - Sony / Columbia)
Il Duca Bianco si rimette in corsa, con qualche affanno

DAVID BOWIE

Heathen

(2002 - Columbia)

DAVID BOWIE

Low

(1977 - Rca)
L'apoteosi del White Duke berlinese in un disco che ha aperto innumerevoli strade al rock

DAVID BOWIE

Heroes

(1977 - Rca)
Il talento visionario di Bowie in una sintesi tra glaciale avanguardia e struggenti "canzoni"

DAVID BOWIE

The Rise And Fall Of Ziggy Stardust And The Spiders From Mars

(1972 - Rca)
L'alieno Ziggy incontra i Ragni di Marte per uno space-show memorabile

DAVID BOWIE

Hunky Dory

(1971 - Rca)
Tra folk e glam, ambiguità e trasformismo, il primo grande capolavoro firmato David Bowie

News
03/01/2022
Bowie, gli eredi vendono il catalogo


09/01/2020
David Bowie: annunciati due Ep di rarità e una biografia a fumetti


12/07/2017
David Bowie, annunciato il box set "A New Career in a New Town (1977-1982)"


07/02/2017
David Bowie, in arrivo "No Plan" in formato vinile


01/08/2016
La "backing band" di Bowie in Blackstar fa uscire un nuovo album [LISTEN]


22/07/2016
David Bowie: un album inedito nel box "Who Can I Be Now? (1974 - 1976)"


19/04/2016
"David Bowie Is" a luglio a Bologna


11/01/2016
Bowie è morto, rock in lutto


07/01/2016
David Bowie - "Lazarus" [VIDEO]


20/11/2015
Il nuovo singolo di David Bowie [VIDEO]


26/10/2015
Confermata l'uscita del nuovo disco di David Bowie


06/10/2015
Nuovo brano di Bowie per la serie TV "The Last Panthers"


11/11/2014
David Bowie - "Tis Pity She Was A Whore" [VIDEO]


12/10/2014
David Bowie - "Sue (Or In A Season Of Crime)" [LISTEN]


28/12/2013
Gli strani auguri natalizi di Iggy Pop e David Bowie


05/12/2013
David Bowie - "I'd Rather Be High" [VIDEO]


07/11/2013
David Bowie è il protagonista dello spot di Louis Vuitton


31/10/2013
David Bowie: video di "Love Is Lost" (James Murphy remix) e 4 inediti da "The Next Day - Deluxe Edition"


10/10/2013
James Murphy remixa David Bowie


09/10/2013
David Bowie - "Sound And Vision (remix)" [VIDEO]


30/09/2013
David Bowie pubblicherà una versione estesa di The Next Day


16/07/2013
David Bowie - "Valentine's Day" [VIDEO]


27/05/2013
David Bowie: guarda il documentario "Five Years" [VIDEO]


22/05/2013
È morto Trevor Bolder, storico bassista di David Bowie


08/05/2013
David Bowie - "The Next Day" [VIDEO]


26/04/2013
David Bowie e le sue parole per "The Next Day"


01/03/2013
Il nuovo disco di David Bowie in streaming integrale


26/02/2013
Secondo estratto dal nuovo di David Bowie [VIDEO]


11/01/2013
"Non ci saranno live show di Bowie": parola di Visconti


10/01/2013
Parla Tony Visconti, il produttore storico di David Bowie


08/01/2013
David Bowie, primo singolo e nuovo album a marzo [VIDEO]


22/03/2012
Nuova ristampa a giugno per il quarantennale del capolavoro "Ziggy Stardust" di David Bowie


15/07/2010
Tributo benefico a David Bowie


22/01/2009
David Bowie, ritorno a Berlino


16/04/2008
Bowie rispolvera Ziggy live


Speciali

David Bowie sul web