AA.VV

Fac. Dance 2: Factory Records 12" Mixes & Rarities 1980-1987

2012 (Strut Records) | new wave, electro, post punk

Dopo la prima raccolta, uscita sempre per Strut appena l’anno scorso, è già arrivato il momento per il secondo volume di questo viaggio drogato dentro il malsano e destrutturato gusto dance della mitica Factory Records.

Come nel primo numero della serie, troviamo quasi esclusivamente tracce rare e difficilmente reperibili; accanto ai nomi storici dell’etichetta di Manchester come Section 25, Wake, ESG, A Certain Ratio, trovano posto anche progetti meno conosciuti e brevi meteore, talvolta anche eterogenee allo stile dominante della Factory.

Le tracce contenute nei due Cd (o Lp) della raccolta seguono un movimento incostante per mood e atmosfere, partendo dal post-punk-funk degli A Certain Ratio di “The Fox”, in cui chitarre tagliate, un basso ebefrenico e una tromba a monito scolpiscono una strana danza attorno al fuoco. Molto più sensuale è “Moody” degli ESG, che trasuda dub e femminilità in una coppia lisergica basso-voce che troveremo anche nei pezzi di Sir Horatio (gli A Certain Ratio sotto altro nome, un solo 12” nel 1981) e gli X-O-Dus (unico LP nel 1980), ancora più orientati verso i suoni di Lee Perry e il roots reggae.

Ben diverso è il mondo degli olandesi Minny Pops, che si svelano dentro un pulsante electro dark dal tono interrotto, e la newyorchese Thick Pigeon con i suoi ritmi spezzati di basso e chitarra in cui voci stridenti accompagnano il suo cantato plastico; entrambi i progetti sottolineano il lato più grigio e piovoso della Factory.


Un’etichetta dall’anima complessa e schizofrenica, che attraversava le tenui melodie sognanti, gracili dei Durutti Column (“Self Portrait”), la cold-wave minimale dei Nyam Nyam (“Fate/Hope”) e si sublimava nelle scappatoie latin-free-jazz dei Kalima, altro nome dei Swamp Children (troviamo anche loro nell'antologia), progetto devoto a un pop lo-fi malato ed astratto. 
Naturalmente non mancavano aspetti decisamente commerciali come l’electro pop, vicino a certo primo hip hop, dei manchesteriani 52nd Street (“Can't Afford (Unorganised Mix)”), la disco-wave dei Shark Vegas (“Your Hurt Me”), o addirittura la virata etnico-araba di Fadela (“N’sel Fik”).

Meno di nicchia, e degni di un’analisi a parte sono ovviamente i Wake, grandi sarti di un malinconico pop dalle venature grigie, i Section 25 e i Royal Family And The Poor, uno dei progetti più contorti e sperimentali della Factory, in bilico fra rumorismo, post punk, spoken word, sintetizzatori modificati e magneti.

Chiude l’antologia una piccola rarità per amanti dei New Order: Ad Infinitum. Progetto parallelo di Peter Hook, che rilasciò questo solo singolo in vinile, è un evidente divertissement del bassista per un’elettronica a metà fra italo-disco e Kraftwerk senza alcuno scopo sperimentale.

“Fac Dance 2” è sicuramente l’ennesima compilation sugli artisti della Factory e tantomeno sarà quella conclusiva. Ha però il grande merito di riuscire a descrivere, di volume in volume, le facce multiformi e spesso slegate di una delle realtà creative più importanti d’Europa attraverso rarità e inediti difficili da recuperare e dalla qualità sonora impeccabile. 
In sintesi, un ottimo documento per una prima analisi, panoramica, di una scena musicale ben difficile da descrivere e coprire in tutte le sue ramificazioni.

(26/09/2012)

  • Tracklist
Cd 1
  1. A Certain Ratio - The Fox

  2. ESG - Moody

  3. Minny Pops – Blue Roses 

  4. Thick Pigeon– Babcock + Wilcox 

  5. Biting Tongues – Meat Mask Separatist 

  6. Sir Horatio – Sommadub

  7. X-O-DUS – Society 

  8. The Durutti Column- Self Portrait
  9. 
Section 25- Knew Noise

  10. Shark Vegas- You Hurt Me 

  11. Fadela – N’Sel Fik 

  12. Kalima - Land Of Dreams
Cd 2
  1. 
52nd Street – Can't Afford (Unorganised mix)  
  2. Nyam Nyam – Fate
  3. 
A Certain Ratio - Lucinda

  4. ESG – You're No Good

  5.  Swamp Children - Softly Saying Goodbye 

  6. Quando Quango – Go Exciting (12” mix)
  7.  Surprize– In Movimento
Anna Domino – Take That
  8. The Wake - Host
  9. Royal Family And The Poor – Vaneigem Mix
  10. Section 25 - Sakura
  11. Ad Infinitum– Telstar


Populista presents (AA.VV.) su OndaRock
Recensioni

POPULISTA PRESENTS (AA.VV.)

Franz Schubert Winterreise

(2016 - Bolt)
Un trittico per rileggere il ciclo di lied romantici in chiave contemporanea

AA.VV.

C16 - Pure Italian Gems

(2016 - Lady Sometimes Records)
Quattordici band emergenti del sottobosco indie italiano riuniti in una cassettina curata da ..

AA.VV.

Sulla giostra nell'ombra

(2014 - Violet Poison)
Danze meccaniche di carni e ritmi bellici verso un futuro incombente

AA.VV.

Killed By Deathrock, Vol. 1

(2014 - Sacred Bones)
Undici gemme dark-punk degli anni Ottanta raccolte in una compilation dalla newyorkese Sacred Bones Records ..

AA.VV.

Roll This Compilation Baby

(2013 - autoprodotto)
Dodici promettenti band di Latina in una compilation che si muove fra garage-rock, psichedelia e power ..

AA.VV.

The Next Wave

(2012 - A Buzz Supreme)
Meritevole raccolta con diciotto esponenti della nuova scena alt-rock fiorentina

AA.VV.

Miniature (Vol. 1)

(2012 - MiaCameretta Records)
Quaranta tracce in trentasette minuti: la prima compilation di MiaCameretta Records

AA.VV.

One Of My Turns - A Tribute To Pink Floyd

(2012 - Mag - Music Productions)
Quindici band emergenti rendono omaggio alla storica formazione inglese

News
AA.VV on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.