Biosphere

Biosphere

Geir Jenssen (Tromsø, 30 maggio 1962) inizia la propria carriera musicale nel 1984 pubblicando l’album “Linkvader” con lo pseudonimo E-man. Entrato in qualità di tastierista nei Bel Canto, nel 1990 lascia la band synth-pop - dopo aver partecipato alla realizzazione di due dischi – riprendendo la carriera solista con il moniker Bleep con cui firma nello stesso anno  “The North Pole by Submarine”.
Il 1991 segna un nuovo cambio di rotta: adotta il nome d’arte Biosphere  e vira la sua produzione dall’acid house ad un’atmosferica combinazione di techno di Detroit ed ambient che diventerà il suo marchio di fabbrica. Il tassello d’esordio “Microgravity” è uno dei primi esempi delle potenzialità di questo intreccio e può considerarsi a pieno titolo anticipatore di quella che sarà definita ambient-techno. “Patashnik” (1994) indaga e approfondisce lo stesso ambito, mentre il successivo “Substrata” – ritenuto il suo lavoro migliore – è incentrato sulla costruzione di paesaggi sonori evocativi privi della netta impronta ritmica dei predecessori. L’alternanza tra queste due differenti declinazioni del suo universo elettronico segna la sua attività fino alla pubblicazione di “N-Plants” (2011), itinerario ambient – tristemente profetico - ispirato all’architettura inquietante delle centrali nucleari giapponesi.
Il decennio successivo vede Jenssen alle prese soprattutto con produzioni  minori incentrate sull’utilizzo di campionamenti e software, processo di ricerca culminato con la pubblicazione di “Angel’s Flight” (2021) basato sulla rielaborazione del Quartetto per archi n. 14 di Beethoven. “Shortwave Memories”, concepito come un flusso sfaccettato ma privo di soluzione di continuità, segna il ritorno al suono sintetico ed è basato interamente sull’utilizzo di sistemi modulari analogici risalenti al periodo a cavallo tra anni 70 e 80.

Recensioni di Biosphere su Ondarock

Shortwave Memories

Shortwave Memories

(2022 - Biophon)

Il convincente ritorno all'ambient-techno del virtuoso compositore elettronico norvegese

N-Plants

N-Plants

(2011 - Touch)

La fotografia post-atomica di Biosphere. La miccia però non scatta

Microgravity

Microgravity

(1991 - Origo Sound)

Lo storico album che diede il via all'epopea ambient techno

Ultime recensioni su Ondarock

R÷YKSOPP

Profound Mysteries

(2022 - PIAS)
Il ritorno dopo otto lunghi anni dei due alfieri dell'electropop scandinavo

MODERAT

MORE D4TA

(2022 - Monketown Records)
I numeri e i flussi di dati fanno da sfondo ai colti scenari elettronici dipinti dall'ensemble teutonico ..

ANNA CALVI

Tommy

(2022 - Domino)
Ep con quattro inediti ispirati dalla serie televisiva "Peaky Blinders"